Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il petrolio è in calo del 3,5% Il commercio è volatile a causa delle preoccupazioni per la Cina e l’economia globale

HOUSTON (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi del 3,5% durante gli scambi volatili di martedì, appesantiti dai deboli dati sulla domanda dalla Cina, da prospettive economiche fosche e da un dollaro USA in rialzo.

I futures del Brent con consegna a marzo sono scesi di $ 3,03 a $ 82,88 al barile alle 11:45 ET (16:45 GMT). Il greggio statunitense è sceso di $ 2,81 a $ 77,45 al barile.

Nei primi scambi, entrambi i contratti sono aumentati di oltre $ 1 al barile.

“Ci sono molti motivi di preoccupazione qui: la situazione del COVID-19 in Cina e la paura di una recessione nel prossimo futuro stanno pesando sui mercati”, ha affermato Robert Yawger, analista di Mizuho.

Il governo cinese ha aumentato le quote di esportazione per i prodotti petroliferi raffinati nel primo lotto per il 2023. I commercianti hanno attribuito l’aumento alle aspettative di una domanda interna più debole poiché il più grande importatore mondiale di petrolio greggio continua a combattere le ondate di infezioni da COVID-19.

Un’altra preoccupazione: l’attività delle fabbriche in Cina si è contratta a dicembre poiché l’aumento delle infezioni ha interrotto la produzione e ha pesato sulla domanda dopo che Pechino ha in gran parte rimosso le restrizioni antivirus.

In aggiunta alle cupe prospettive economiche, l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva ha dichiarato domenica che le economie di Stati Uniti, Europa e Cina, i principali motori della crescita globale, stanno tutte rallentando contemporaneamente, rendendo il 2023 più difficile del 2022 per il mondo globale economia.

Nel frattempo, il dollaro era sulla buona strada per il suo più grande rally di un giorno in più di tre mesi. Un dollaro più forte potrebbe smorzare la domanda di petrolio, rendendo una merce denominata in dollari più costosa per i detentori di altre valute.

READ  Proteste Foxconn: la fabbrica di iPhone si offre di pagare i suoi lavoratori per dimettersi e lasciare il campus di Zhengzhou

Mercoledì, il mercato cercherà i verbali della riunione di politica monetaria di dicembre della Federal Reserve statunitense. La Fed ha alzato i tassi di interesse di 50 punti base a dicembre dopo quattro aumenti consecutivi di 75 punti base ciascuno.

Anche sul radar, i dati sui salari degli Stati Uniti per dicembre sono previsti per venerdì. Gli analisti si aspettano che i dati dimostrino che il mercato del lavoro rimane teso.

Commerzbank ha affermato di aspettarsi che le prospettive economiche globali svolgano un “ruolo più importante” nell’andamento dei prezzi del petrolio rispetto alle decisioni di produzione prese dall’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dai suoi alleati, un gruppo noto collettivamente come OPEC+.

La banca si aspetta segnali di ripresa economica “nelle principali aree economiche” per riportare il greggio Brent verso i 100 dollari al barile, cosa che potrebbe avvenire dal secondo trimestre dell’anno in poi.

“Le prospettive rimangono tuttavia molto incerte, garantendo che i prezzi del petrolio rimangano altamente volatili”, ha affermato Craig Erlam, analista di mercato senior di OANDA.

Segnalazione di Rowena Edwards Segnalazione aggiuntiva di Florence Tan e Trixie Yap a Singapore Montaggio di David Evans, David Goodman e David Gregorio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.