Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Qatar riconsidera il ruolo di mediatore tra Hamas e Israele

Il Qatar riconsidera il ruolo di mediatore tra Hamas e Israele

Apri Editor's Digest gratuitamente

Il primo ministro del Qatar ha affermato che il suo Paese sta rivalutando il suo ruolo di mediazione tra Israele e Hamas per raggiungere un cessate il fuoco e rilasciare gli ostaggi tenuti a Gaza, affermando che i politici con “meschi interessi” stanno minando gli sforzi di Doha.

Lo sceicco Mohammed bin Abdul Rahman Al Thani ha espresso il suo “rammarico per lo sfruttamento politico” della diplomazia di Doha da parte di alcuni politici che “promuovevano le loro campagne elettorali diffamando il ruolo del Qatar”.

I commenti di Sheikh Mohammed sono arrivati ​​mercoledì dopo che il deputato democratico americano Steny Hoyer ha detto che Hamas sta usando il Qatar per ottenere maggiori concessioni da Israele, aggiungendo che se Doha non riesce a fare pressione sul gruppo militante palestinese, gli Stati Uniti devono rivalutare le loro relazioni con il Qatar. “.

Il Qatar, insieme agli Stati Uniti e all'Egitto, ha svolto un ruolo cruciale nella mediazione tra Israele e Hamas dopo l'attacco del movimento islamico contro Israele del 7 ottobre che ha ucciso circa 1.200 persone, secondo i funzionari israeliani, e ha portato allo scoppio della guerra a Gaza. .

A novembre, Doha ha contribuito a mediare un accordo che ha fermato il conflitto per una settimana durante la quale sono stati rilasciati più di 100 dei circa 250 ostaggi presi durante l’attacco. In cambio, Israele ha rilasciato 240 donne e bambini palestinesi detenuti nelle sue carceri e ha permesso che ulteriori aiuti entrassero nella Gaza assediata, dove secondo funzionari palestinesi furono uccise più di 33.000 persone.

READ  La cessazione della navigazione nel Mar Rosso è l’ultimo rischio che minaccia l’economia globale

Mesi di successivi sforzi diplomatici per raggiungere un accordo esteso sui prigionieri per fermare la guerra e garantire il rilascio dei restanti prigionieri hanno incontrato difficoltà a causa degli ampi divari tra Israele e Hamas.

Ciò include la richiesta di Hamas che qualsiasi accordo finisca con un cessate il fuoco permanente e il ritiro delle forze israeliane da Gaza, richiesta respinta dal governo di estrema destra del primo ministro Benjamin Netanyahu.

L’Egitto, l’unico paese oltre a Israele che condivide un confine con Gaza, ha tradizionalmente svolto un ruolo importante nei negoziati tra Israele e Hamas, così come con altre fazioni palestinesi.

Dal 7 ottobre, anche il Cairo ha svolto un ruolo cruciale nel sostenere la consegna di aiuti a Gaza.

Ma la guerra ha esacerbato le profonde pressioni economiche e sociali nel paese arabo di 100 milioni di abitanti, spingendo i principali donatori e alleati, tra cui il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale, l’Unione europea e gli Emirati Arabi Uniti, a offrire un salvataggio di 55 miliardi di dollari. pianificare nel corso di… Gli ultimi due mesi. Per rilanciare l’economia.

Il Qatar ricco di gas, uno dei più importanti alleati arabi degli Stati Uniti, gode di una posizione unica perché ospita l’ufficio politico di Hamas dal 2012.

La diplomazia di Doha ha ricevuto elogi dall’amministrazione Biden – che due anni fa l’ha designata come uno dei principali alleati non NATO – così come da altri governi occidentali. Ma il suo rapporto con Hamas ha dovuto affrontare il controllo e le critiche di alcuni conservatori americani, molti dei quali hanno legami con Israele o con le questioni ebraiche americane, nonché da parte di politici israeliani, compreso Netanyahu.

READ  La COP27 fa ben poco per evitare future catastrofi dovute al cambiamento climatico

Negli ultimi dieci anni, il Qatar ha pompato centinaia di milioni di dollari in aiuti a Gaza, che è controllata da Hamas dal 2007, per contribuire a pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici e sostenere le famiglie povere.

Funzionari del Qatar affermano che il Paese non sponsorizza né finanzia Hamas, ma ha accettato di ospitare l’ufficio politico dopo che gli Stati Uniti gli hanno chiesto di aprire un canale con il movimento più di dieci anni fa. Hanno aggiunto che gli aiuti alla Striscia assediata sono stati coordinati attraverso le agenzie delle Nazioni Unite e Israele, con il governo israeliano che ha il “pieno controllo” degli aiuti.

L’ultima tornata di trattative sugli ostaggi è fallita, con Israele e Stati Uniti che accusano Hamas di aver rifiutato l’ultima proposta.

Le speranze di una svolta sono state ulteriormente deluse dalle crescenti tensioni tra Israele e Iran, dopo che la Repubblica islamica ha lanciato una raffica di oltre 300 droni e missili contro lo Stato ebraico durante il fine settimana. Teheran ha affermato che l'attacco è avvenuto in risposta a un sospetto attacco aereo israeliano sul palazzo del suo consolato a Damasco, che ha ucciso sette guardie rivoluzionarie.

Lo sceicco Mohammed ha affermato mercoledì che “i negoziati per il cessate il fuoco e il rilascio di prigionieri e ostaggi stanno attraversando una fase delicata e critica”, aggiungendo che Doha “ha lavorato fin dal primo giorno di guerra per fermarla e rilasciare gli ostaggi”.

Ha detto che il Qatar è impegnato nel suo ruolo “per ragioni umanitarie, ma ha sottolineato che ci sono limiti a questo ruolo e all'impatto che può avere”.

READ  Un drone attacca un serbatoio di petrolio in un aeroporto in Russia - Governatore