Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rover Curiosity della NASA raggiunge il bordo di Marte dove l’acqua ha lasciato un accumulo di detriti

Il rover Curiosity della NASA raggiunge il bordo di Marte dove l’acqua ha lasciato un accumulo di detriti

Il rover Curiosity della NASA ha catturato questa immagine panoramica a 360 gradi mentre era parcheggiato sotto la cresta Gediz Vallis (mostrata a destra), una formazione che detiene il record di uno degli ultimi periodi umidi visti in questa parte di Marte. Dopo i precedenti tentativi, il veicolo ha finalmente raggiunto la vetta al quarto tentativo. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Si ritiene che la cresta di Gediz Vallis sia un residuo di potenti e antiche colate detritiche, una destinazione a lungo ricercata dal team scientifico del rover.

Tre miliardi di anni fa, nel mezzo di uno degli ultimi periodi umidi MartePotenti colate detritiche trasportarono fango e rocce lungo il fianco di un’enorme montagna. I detriti si sparsero a forma di ventaglio che fu poi eroso dai venti formando un’imponente cresta, conservando un’interessante testimonianza del passato acquatico del Pianeta Rosso.

Il viaggio di Curiosity verso la cresta

Ora, dopo tre tentativi NASAIl rover Curiosity su Marte ha raggiunto la cresta, catturando la formazione in un mosaico panoramico a 360 gradi. Le precedenti invasioni sono state contrastate da rocce a “schiena di coccodrillo” con spigoli vivi e pendii ripidi. Dopo una delle scalate più difficili che la missione abbia mai affrontato, Curiosity è arrivato il 14 agosto in un’area dove poteva studiare la tanto attesa cresta con il suo braccio robotico lungo 2 metri.


Trascina il mouse all’interno di questo video a 360 gradi per esplorare la vista catturata da Mastcam sulla Curiosity della NASA mentre il rover su Marte era parcheggiato vicino alla cresta di Gediz Vallis. Credito: NASA/Laboratorio di propulsione a reazione-California Institute of Technology/MSSS/Università della California, Berkeley

“Dopo tre anni, abbiamo finalmente trovato un luogo in cui Marte ha permesso a Curiosity di raggiungere in sicurezza ripide colline”, ha affermato Ashwin Vasavada, scienziato del progetto Curiosity presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “È emozionante poter allungare la mano e toccare le rocce trasportate da luoghi alti sul Monte Sharp che non avremmo mai potuto visitare con curiosità.”

Scoperte sul Monte Sharp

Dal 2014 il rover sta risalendo la parte inferiore del Monte Sharp, alto 3 miglia, scoprendo prove di antichi laghi e ruscelli lungo il percorso. I diversi strati della montagna rappresentano diverse epoche della storia di Marte. Man mano che la curiosità cresce, gli scienziati stanno imparando di più su come il paesaggio cambia nel tempo. Gediz Vallis Ridge è stata tra le ultime strutture a formarsi sulla montagna, rendendola una delle più piccole capsule temporali geologiche che Curiosity vedrà.

Monte Sharp all'interno del cratere Gale, Marte

Il Monte Sharp si erge a circa 5,5 km sopra il fondo del cratere Gale. Questa vista obliqua del Monte Sharp deriva da una combinazione di dati di elevazione e di imaging di tre orbiter su Marte. La vista è rivolta a sud-est. Il cratere Gale ha un diametro di 96 miglia (154 chilometri). Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/ESA/DLR/FU Berlin/MSSS

Intuizioni rare e impegni futuri

Il rover ha trascorso 11 giorni sulla cresta, impegnato a scattare foto e studiare la formazione di rocce scure che chiaramente hanno avuto origine altrove sulla montagna. I flussi di detriti che hanno contribuito a formare la cresta Gediz Vallis hanno trasportato queste rocce – e altre più piccole sulla cresta, alcune delle dimensioni di un’auto – giù dagli strati alti del Monte Sharp. Queste rocce forniscono uno sguardo raro ai materiali dell’alta montagna che i curiosi possono esaminare.

Mosaico ChemCam sul crinale di Gediz Vallis

Il rover Curiosity Mars della NASA ha utilizzato il suo strumento ChemCam per osservare le rocce sulla cresta Gediz Vallis dal 15 al 17 novembre 2022, il giorno marziano 3653-3655, o sol, della missione. Si ritiene che queste rocce siano state spazzate via da colate detritiche nell’antico passato e potrebbero essere alcune delle ultime prove di acqua liquida che Curiosity vede sul Monte Sharp. Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/CNRS/IRAP/IAS/LPG

L’arrivo del rover sulla cresta ha anche fornito agli scienziati la prima visione ravvicinata dei resti erosi di una caratteristica geologica nota come ventaglio di colate detritiche, dove i detriti che scorrono si diffondono lungo il pendio a forma di ventaglio. I ventilatori del flusso di detriti sono comuni sia su Marte che sulla Terra, ma gli scienziati stanno ancora imparando come si formano.

Lo ha detto il geologo William Dietrich, membro della squadra della missione Università della California, Berkeley, che ha contribuito a condurre lo studio di Curiosity sulla cresta. “Enormi massi furono sradicati dall’alta montagna sovrastante, precipitarono giù dalla collina e si sparsero a ventaglio sottostante. I risultati di questa campagna ci spingeranno a fornire una spiegazione migliore per tali eventi non solo su Marte, ma anche sulla Terra, dove rappresentano un pericolo naturale”.

Curiosity Mars Rover della NASA Lower Road Mount Sharp

Il percorso intrapreso dal rover Curiosity su Marte della NASA mentre attraversava il fondo del Monte Sharp è mostrato qui come una linea pallida. Diverse parti della montagna sono classificate in base al colore; Curiosity si trova attualmente vicino all’estremità superiore della cresta Gediz Vallis, mostrata in rosso. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/ESA/Università dell’Arizona/JHUAPL/MSSS/USGS Centro per le scienze astrogeologiche

Il 19 agosto, la telecamera Mastcam del rover ha catturato 136 immagini di una scena sulla cresta di Gediz Vallis, che, una volta cucite insieme in un mosaico, forniscono una vista a 360 gradi dell’area circostante. Questa immagine panoramica mostra il percorso intrapreso da Curiosity sul fianco della montagna, anche attraverso la Marker Band Valley, dove sono state scoperte prove di un antico lago.

Mentre gli scienziati stanno ancora estraendo immagini e dati dalla cresta di Gediz Vallis, Curiosity si è già rivolto alla prossima sfida: trovare un percorso verso il canale sopra la cresta in modo che gli scienziati possano saperne di più su come e dove l’acqua scorre lungo il Monte Sharp.

Maggiori informazioni sulla missione

Curiosity è stato costruito dal Jet Propulsion Laboratory (JPL), gestito dal California Institute of Technology (Caltech) a Pasadena, in California. Il JPL sta guidando la missione per conto del Science Mission Directorate della NASA a Washington.

READ  Gli ingegneri consultano i manuali Voyager di 45 anni fa per correggere un bug