Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Sole ha lanciato tre grandi brillamenti solari in 24 ore

Tre brillamenti solari di classe X di alto profilo sono stati lanciati dal Sole tra Mercurio e Giove. I primi due si sono verificati a sette ore di distanza e sono arrivati ​​rispettivamente ai livelli X1.9 e X1.6. Il terzo, il più potente nell'attuale “ciclo solare” di 11 anni, è X6.3.

Eruzioni solari, o esplosioni di radiazioni, sono classificati su una scala Si va da A, B e C a M e X, in ordine crescente di gravità. Di solito si sviluppano da scolorimenti come macchie solari o lesioni sulla superficie del sole.

Le macchie solari sono più comuni vicino al culmine del ciclo solare di 11 anni. Si prevede che il ciclo attuale, il numero 25, raggiungerà il suo apice quest’anno. Più macchie solari, più possibilità di scottature.

I brillamenti solari e le relative espulsioni di massa coronale, o CME, possono influenzare la “meteo spaziale” in tutto il Sistema Solare e persino sulla Terra. Le CME sono onde d'urto lente di energia magnetica provenienti dal Sole. I brillamenti possono raggiungere la Terra in pochi minuti, ma le CME durano in genere almeno un giorno.

Tutti e tre i brillamenti solari di classe X hanno interrotto le comunicazioni radio a onde corte sulla Terra. Ma i primi due razzi non hanno emesso una CME; Resta da decidere se la terza fiamma si sia spenta.

Tre razzi, tre blackout radio

Le onde radio ad alta frequenza si propagano facendo rimbalzare gli elettroni nella ionosfera terrestre. È uno strato dell'atmosfera terrestre compreso tra 50 e 600 miglia sopra il suolo

Quando si verifica un brillamento solare, la radiazione viaggia verso la Terra alla velocità della luce. Questo può ionizzare particelle aggiuntive nella ionosfera inferiore. Le onde radio inviate dai dispositivi sottostanti perdono energia colpendo quello strato extra-ionizzato e non possono essere piegate dagli ioni nella parte superiore della ionosfera. Ciò significa che i segnali non possono viaggiare molto lontano e sono possibili blackout radio.

READ  La commissione bipartisan del Senato accetta di riscrivere la legge sul conteggio delle elezioni

Tre blackout radio consecutivi In risposta si sono verificati tre brillamenti, ma principalmente sugli oceani Pacifico e Indiano. Sono classificati “R3” o superiore su una scala da 1 a 5.

Secondo lo Space Weather Prediction Center della National Oceanic and Atmospheric Administration, ciò “provoca un’ampia area di blackout. [high frequency] comunicazione radiofonica, [and] Perdita di comunicazione radio per un'ora alla luce del sole terrestre”. I segnali di navigazione a bassa frequenza, come quelli utilizzati dagli aerei che viaggiano all'estero, possono essere distorti.

Interruzioni del servizio cellulare AT&T?

Si ipotizzava diffusamente che la diffusa interruzione di AT&T di giovedì mattina fosse collegata ai brillamenti solari di mercoledì. Tuttavia, lo Space Weather Forecast Center ha rilasciato Una dichiarazione “È improbabile che questi brillamenti abbiano contribuito alle interruzioni della rete cellulare ampiamente segnalate”, ha osservato.

Joe Kuncz, ex capo delle operazioni del centro, ha detto al Washington Post che “non c'era alcuna possibilità” di alcun collegamento.

“Prima di tutto si è verificato di notte sul Nord America, quindi qui non si sarebbe verificato alcun danno potenziale. I razzi e le esplosioni radio ad essi associate influenzano solo i sistemi diurni”, ha detto Kuncz in una e-mail. “Inoltre, anche se accade durante le ore diurne, le probabilità che il servizio cellulare venga compromesso sono pari a zero.”

Le scottature solari di solito non influiscono sulle frequenze dei telefoni cellulari. I blackout radio associati ai brillamenti solari influenzano le trasmissioni nella banda ad alta frequenza da 3 a 30 MHz. La maggior parte degli operatori di telefonia mobile Operante tra 698 e 806 MHz.

Infine, l'ustione di mercoledì Le ECM non vengono scatenate. Tali esplosioni possono innescare elettricità che travolge i circuiti elettrici dei satelliti e li mette fuori servizio o li distrugge. Nel febbraio 2022, 40 satelliti SpaceX sono stati messi fuori combattimento da un CME. Anche se ci fosse stata una CME, ci sarebbe voluto più di un giorno per raggiungere la Terra.

READ  Un papà dell'Arizona stava facendo acquisti natalizi quando la sua casa ha preso fuoco, uccidendo 5 bambini

Poiché i primi due brillamenti di mercoledì non hanno emesso CME, agli skywatcher spesso non viene offerta la vista dell'aurora boreale quando tempeste geomagnetiche come queste raggiungono la Terra.

ET giovedì sera si è verificato il più grande e il terzo brillamento solare che si è verificato, probabilmente introducendo una CME, ma i meteorologi non lo sanno ancora. Stanno aspettando i dati del coronografo. Poiché le CME si muovono più lentamente dei brillamenti solari, di solito ci vogliono diverse ore prima che escano completamente dal disco solare e diventino visibili ai sensori.

Tuttavia, nei prossimi giorni ci saranno più opportunità per i razzi di classe X e le CME. L’ammasso di macchie solari che ha lanciato tutti e tre, denominato “Regione attiva 3590”, sta ancora esplodendo.

La macchia solare è così grande che puoi vederla con i tuoi occhi, ma per farlo in sicurezza avrai bisogno di occhiali da eclissi.