Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sole può essere cosciente? Entra nel mondo non convenzionale della spiritualità olistica

Il sole può essere cosciente?  Entra nel mondo non convenzionale della spiritualità olistica

La natura della coscienza, come si manifesta e come si relaziona al mondo fisico, è stato un importante argomento di dibattito filosofico e scientifico in tutto il pensiero dell'umanità. La mente e il corpo sono separati? Alcuni credono di sì, altri credono di no, ma il terzo campo esprime un'idea intermedia e più radicale: tutto nell'universo ha coscienza, e questo include il sole.

Questa visione dell'universo è conosciuta come Spiritualità olistica. L’idea che la coscienza derivi dal mondo fisico è nota come fisicalismo, anche se non siamo ancora sicuri del motivo per cui gli animali siano coscienti. L’idea di mente e materia come entità separate rientra invece nella visione dualistica del mondo. Il panpsichismo viene creato come un ponte tra i due. La coscienza sorge in noi perché la coscienza esiste in ogni cosa.

Concetti simili a questo sono stati visti in tutto il mondo e per migliaia di anni nelle religioni e nelle filosofie. Il concetto ha visto recentemente una rinascita nella filosofia analitica, e c’è un articolo particolarmente poco ortodosso che discute la possibile coscienza del sole scritto dal biologo Rupert Sheldrake, noto per il suo lavoro sulla morforisonanza – la convinzione che organismi simili condividano in qualche modo connessioni telepatiche e connessioni telepatiche. Queste specie condividono memorie collettive.

In carta Pubblicato sul Journal of Consciousness Studies nel 2021, Sheldrake discute della coscienza del Sole e di tutte le altre stelle. “La coscienza, la consapevolezza o l'esperienza possono esistere in sistemi auto-organizzati a molti livelli di complessità”, spiega il biologo. Sheldrake afferma che questo ci allontana dall'interesse della fisica per il modo in cui la coscienza emerge da un sistema semplice e porta invece la coscienza nelle stelle, nei sistemi solari, nelle galassie e nell'universo nel suo complesso.

READ  La cometa Nishimura appena scoperta si avvicinerà presto alla Terra

“La coscienza non deve essere limitata alle menti”, ha detto Sheldrake. Meccanica popolare. “Il collegamento tra menti e sistemi fisici sembra avvenire attraverso campi elettromagnetici ritmici, che ovviamente sono presenti nel nostro cervello. Sono presenti anche dentro e attorno al Sole e potrebbero servire da interfaccia tra la mente solare e il corpo solare. “

Ora, ci sono molti argomenti filosofici e scientifici che sfidano la teoria psicologica universale, ma in questo articolo siamo rimasti particolarmente incuriositi da quali sarebbero le conseguenze per un Sole cosciente e per gli altri 100 miliardi di stelle coscienti che compongono la Via Lattea. Un risultato proposto, ad esempio, è che le stelle potrebbero muoversi emettendo getti direzionali che le mettono dove vuoi.

Secondo lo studio di Sheldrake, alcuni suggeriscono che le stelle non si muovono sotto l'influenza della gravità della materia oscura, ma si orientano invece nella posizione appropriata. Come sempre, affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie. Sebbene i getti stellari esistano in molti oggetti, non sono mai un mezzo per le stelle per spingersi.

C'è anche una splendida mappa della Via Lattea grazie all'Osservatorio Gaia dell'Agenzia spaziale europea. Non solo descrive in dettaglio la posizione di quasi due miliardi di stelle, ma anche il loro movimento. Questi dati ci permettono di riportare indietro l’orologio della Via Lattea e vedere come si sono mosse le stelle nel corso di miliardi di anni.

Se nell'universo in cui si supponeva esistesse la materia oscura ci fossero movimenti stellari che non obbediscono alle leggi della gravità, gli scienziati sicuramente lo urlerebbero. Il movimento delle stelle come se ci fosse molta più materia di quella che possiamo vedere è il modo in cui è stata inizialmente proposta la materia oscura.

READ  La NASA lancia la missione Artemis 1 sulla luna dalla rampa di lancio (foto)

Molte delle argomentazioni contenute in questo articolo si basano sul campo magnetico del Sole e sulla sua natura complessa. Ma se vogliamo guardare a qualcosa di più complesso, dovremmo guardare al campo magnetico di Urano. A differenza della dinamo solare o della magnetosfera terrestre, il campo magnetico di Urano è decentrato, può aprirsi e chiudersi quotidianamente e fluttuare. Significativamente più complesso del Sole, ma forse “Urano è cosciente?” Non ha proprio lo stesso suono.

[H/T: Popular Mechanics]