Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il team di Telescope unisce le forze per prevedere una strana tempesta su Titano

Il team di Telescope unisce le forze per prevedere una strana tempesta su Titano

Due viste della luna di Saturno, Titano, catturate dal James Webb Space Telescope. L’immagine a sinistra utilizza un filtro sensibile all’atmosfera inferiore di Titano e l’immagine a destra è un composito di colori. In fondo c’è una trascrizione annotata, che indica alcune delle caratteristiche catturate in ogni foto. (NASA, ESA, CSA, A. Pagan (STScI), JWST Titan GTO Team via The New York Times)

Era una giornata nuvolosa su Titano.

Era chiaro la mattina del 5 novembre quando Sebastien Rodriguez, astronomo della City University Paris, ha scaricato le prime immagini della più grande luna di Saturno con il James Webb Space Telescope della NASA. Vide quella che sembrava una grande nuvola vicino a Kraken Mare, un mare profondo 300 metri nella regione polare settentrionale di Titano.

Iscriviti alla newsletter The Morning del New York Times

“Che sveglia questa mattina”, ha detto in una e-mail alla sua squadra. “Penso che vediamo una nuvola!”

Causa una sorta di emergenza meteorologica tra i Rocker dell’universo, costringendoli a cercare più copertura.

Titano è stato a lungo una gemma di curiosità per gli astronomi. Grande meno della metà della Terra, ha la sua atmosfera densa di metano e azoto, e persino più densa dell’aria che respiriamo. Quando piove su Titano piove benzina. Quando nevica, i cumuli sono neri come fondi di caffè. I suoi laghi e corsi d’acqua sono pieni di metano ed etano liquidi. Sotto la crosta ghiacciata, simile a fango, si nasconde un oceano di acqua e ammoniaca.

Gli aspiranti astrobiologi si sono chiesti a lungo se la chimica che prevaleva durante i primi anni della Terra potesse essere stata ricreata nei cumuli di sabbia di Titano. Possibili precursori della vita rendono il mondo dello smog (dove la temperatura superficiale è meno 290 gradi Fahrenheit) una speranza a lungo termine per la scoperta della chimica spaziale.

READ  Un asteroide si è scontrato permanentemente con il telescopio spaziale James Webb della NASA: rapporto

A tal fine, sono in programma missioni su Titano, incluso l’invio di un drone a propulsione nucleare chiamato Dragonfly per saltare intorno alla luna di Saturno entro il 2034, nonché altre escursioni virtuali come l’invio di un sottomarino per esplorare i suoi oceani.

Nel frattempo, nonostante le osservazioni del Voyager 1 nel 1980 e dell’orbiter Cassini di Saturno e della sua sonda Huygens nel 2004-2005, i modelli degli scienziati planetari della dinamica dell’atmosfera di Titano erano ancora incerti. Ma il telescopio Webb, lanciato quasi un anno fa, ha occhi a infrarossi che possono vedere attraverso la foschia di Titano.

Quindi, quando Connor Nixon del Goddard Space Flight Center della NASA ha ricevuto un’e-mail da Rodriquez, era entusiasta.

“Abbiamo aspettato anni per utilizzare la visione a infrarossi di Webb per studiare l’atmosfera di Titano”, ha detto Nixon. “L’atmosfera di Titano è incredibilmente interessante, non solo per le sue nubi e tempeste di metano, ma anche per quello che può dirci sul passato e sul futuro di Titano, incluso se abbia mai avuto un’atmosfera”.

Nixon quello stesso giorno ha contattato due astronomi – Emke de Pater dell’Università della California, Berkeley, e Catherine de Claire del Caltech – che erano affiliati ai due telescopi Keck da 10 metri sul Mauna Kea alle Hawaii e si sono chiamati Team Keck Titano. Ha richiesto immediate osservazioni di follow-up per vedere se le nuvole stavano cambiando e in quale direzione soffiava il vento.

Come ha mostrato de Pater, tali richieste dell’ultimo minuto non sono sempre possibili, perché il tempo del telescopio è un bene prezioso.

“Siamo stati molto fortunati”, ha detto.

READ  Infine, la navicella spaziale Marte è stata aggiornata da Windows 98 Era

L’osservatore di turno quella notte, Carl Schmidt della Boston University, era uno dei loro collaboratori in altri studi planetari.

De Pater ha aggiunto che anche il team di Keck desidera supportare le osservazioni di Webb.

“Amano i corpi del sistema solare”, ha detto, “poiché sono ordinati e cambiano sempre nel tempo”.

Utilizzando le immagini a luce visibile di Keck e le immagini a infrarossi del telescopio Webb, Nixon e i suoi colleghi sono stati in grado di sondare Titano dalle caratteristiche sulla Terra attraverso i vari strati della sua atmosfera, tutto ciò di cui un meteorologo a lungo raggio potrebbe aver bisogno.

E altro ancora in arrivo.

In una e-mail, Nixon ha affermato che il suo team era particolarmente entusiasta di vedere cosa accadrà nel 2025, quando Titano raggiungerà l’equinozio d’autunno settentrionale.

“Poco dopo l’ultimo equinozio, abbiamo visto una gigantesca tempesta su Titano, quindi siamo entusiasti di vedere se la stessa cosa accadrà di nuovo”, ha detto.

© 2022 La società del New York Times