Novembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il telescopio James Webb della NASA rivela milioni di galassie

Il telescopio James Webb della NASA rivela milioni di galassie

SMACS 0723: Gli archi rossi nell’immagine tracciano la luce delle galassie nell’universo primordiale

C’erano 10 volte più galassie come la nostra Via Lattea nell’universo primordiale di quanto si pensasse in precedenza.

Questa intuizione cosmica viene dalla forma Uno dei primi studi Immagini catturate dal nuovo telescopio spaziale James Webb della NASA.

Uno dei suoi autori, il professor Christopher Conselice dell’Università di Manchester, nel Regno Unito, ha affermato che Webb potrebbe “ingrandire l’universo primordiale”.

Ciò ha prodotto intuizioni su cose nello spazio che “sapevamo esistessero ma non capivamo come e quando si sono formate”.

Il ricercatore ha spiegato che le galassie a disco dominano gli odierni “cluster di galassie”.

La nostra galassia è un disco, Andromeda (il nostro vicino più vicino, a 2,5 milioni di anni luce dalla Terra) è un disco.

“Tre quarti delle galassie vicine sono dischi, ma si pensa che si siano formati tardi nell’evoluzione dell’universo”, ha detto a BBC News.

Era prima che il telescopio spaziale James Webb desse agli astronomi un punto indietro nel tempo.

Lo studio, che è stato pubblicato su un server di prestampa, il che significa che non è stato ancora esaminato da altri scienziati sul campo, ha utilizzato la prima immagine rilasciata dal telescopio.

Questa immagine mostra un ammasso di galassie in primo piano chiamato SMACS 0723. La gravità di questa enorme massa di oggetti ha amplificato la luce delle galassie sullo sfondo, nell’universo lontano, rendendole visibili per la prima volta. Alcune di queste galassie esistevano solo 600 milioni di anni dopo il Big Bang.

Nebulosa Carina

Webb scatta delle foto straordinarie: “Questo potrebbe essere il telescopio più importante di sempre”

Webb, con il suo specchio dorato largo 6,5 metri e gli strumenti a infrarossi ultrasensibili, è in grado di identificare e contare le loro forme.

READ  Marte potrebbe sostenere la vita? La NASA Challenge vuole aiutarti a trovare la risposta

“Sapevamo che avremmo visto cose che Hubble non ha visto. Ma in questo caso vediamo le cose in modo diverso”, ha detto il professor Conselis, che presenterà alcune delle sue scoperte sabato 23 luglio. Al Bluedot Festival alla Jodrell Bank nel Cheshire.

L’universo ha circa 13,8 miliardi di anni, quindi le immagini catturate da JWST sono scorci dei processi che hanno formato stelle e pianeti molto prima della nostra apparizione.

“Questi sono i processi che dobbiamo capire se vogliamo capire le nostre origini”, ha detto il professor Koncells.

“Questo potrebbe essere il telescopio più importante di sempre”, ha aggiunto. Almeno da Galileo.

James Webb è uno sforzo congiunto delle agenzie spaziali statunitensi, europee e canadesi, con la NASA in testa.

James Webb

James Webb

Segui Vittoria su Twitter