Dicembre 8, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il telescopio Webb vede un diamante celeste tra le galassie più antiche dell’universo

Il telescopio Webb vede un diamante celeste tra le galassie più antiche dell'universo

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Un nuovo studio ha rivelato che la prima immagine scattata dal telescopio spaziale James Webb rivela alcune delle stelle e galassie più antiche dell’universo, comprese quelle simili a diamanti.

È stata la prima vista straordinaria di Webb Rilasciato dal presidente Joe Biden l’11 luglio È “l’immagine a infrarossi più profonda e accurata dell’universo lontano fino ad oggi”, secondo la NASA.

La prima immagine di Webb mostra SMACS 0723, in cui un enorme gruppo di ammassi di galassie funge da lente d’ingrandimento per gli oggetti dietro di loro.

Questo è chiamato lente gravitazionale e questo ha creato la prima visione a campo profondo di Webb che include galassie incredibilmente vecchie e deboli. Le osservazioni in campo profondo sono osservazioni estese di aree del cielo che possono rivelare oggetti deboli.

Alcune di queste galassie lontane e ammassi stellari non sono mai state viste prima. L’ammasso di galassie appare come appariva 4,6 miliardi di anni fa.

Ora, i ricercatori hanno eseguito la prima analisi in campo profondo di Webb e hanno scoperto gli ammassi globulari più distanti di sempre. Questi ammassi sono ammassi densi contenenti milioni di stelle, alcune delle quali potrebbero essere le prime e le più antiche stelle dell’universo. Uno studio dettagliato dei risultati è stato pubblicato giovedì in Lettere del diario astrofisico.

Lamia Moola, coautrice dello studio e Dunlap Fellow presso il Dunlap Institute for Astronomy and Astrophysics dell’Università di Toronto, ha affermato in una nota.

“Questa scoperta nel primo campo profondo di Webb fornisce già uno sguardo dettagliato al primo stadio di formazione stellare, confermando l’incredibile potenza di JWST”.

Una caratteristica importante del campo profondo è chiamata Sparkler Galaxy perché sembra essere circondata da punti rossi e gialli luminosi. La galassia si trova a nove miliardi di anni luce di distanza.

Le scintille potrebbero essere piccoli ammassi in cui le stelle si stavano formando attivamente solo tre miliardi di anni dopo il Big Bang, oppure potrebbero essere antichi ammassi globulari di stelle dai primi giorni di formazione delle galassie.

L'ambiente circostante la Galassia Sparkler è stato analizzato in dettaglio.

Il team ha analizzato 12 scintillii e ha determinato che cinque di loro sono tra i più antichi ammassi globulari conosciuti mai trovati.

Karthik J. Iyer, co-autore principale dello studio e Dunlap Fellow presso il Dunlap Institute for Astronomy and Astrophysics presso l’Università di Toronto, ha affermato nella dichiarazione.

“Poiché possiamo osservare le scintille su una gamma di lunghezze d’onda, possiamo modellarle e comprendere meglio le loro proprietà fisiche, come la loro età e il numero di stelle che contengono. Ci auguriamo che la conoscenza che gli ammassi globulari possano essere osservati a così grandi distanze utilizzando JWST stimolerà più scienza e ricerca su oggetti simili.

La sensibilità e la sottigliezza di Webb fanno luce su aspetti inediti dell’universo, come gli ammassi che circondano la Galassia Sparkler.

“Questi ammassi appena identificati si sono formati quasi la prima volta che si sarebbero potute formare stelle”, ha detto Mola. “Stiamo guardando Sparkler com’era nove miliardi di anni fa, quando l’universo aveva solo quattro miliardi e mezzo di anni, guardando qualcosa che è accaduto molto tempo fa. Pensalo come indovinare l’età di una persona in base al suo aspetto… è facile distinguere tra i bambini che vanno dai 5 ai 10 anni, ma è difficile distinguere tra le persone tra i 50 e i 55 anni”.

READ  Inizia il conto alla rovescia per la missione sulla luna Artemis 1 della NASA e il volo inaugurale dell'imponente veicolo SLS