Maggio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In che modo gli attacchi Houthi nel Mar Rosso hanno sconvolto il traffico marittimo globale?

In che modo gli attacchi Houthi nel Mar Rosso hanno sconvolto il traffico marittimo globale?

Nota: per mostrare le mutevoli rotte delle navi che attraversano regolarmente il Mar Rosso, vengono mostrate 3.461 navi mercantili registrate agli ingressi del Mar Rosso negli ultimi tre mesi. Le rotte marittime prima degli attacchi mostrano le posizioni delle navi dal 1° novembre 2023 al 15 novembre e mostrano le posizioni dal 1° gennaio 2024 al 15 gennaio dopo gli attacchi.

Fonte: Spire Global

È un diversivo straordinario: centinaia di navi evitano il Canale di Suez e navigano per altre 4.000 miglia intorno all'Africa, bruciando carburante, aumentando i costi e aggiungendo 10 o più giorni di viaggio a tratta.

Stanno evitando una delle rotte marittime più importanti del mondo, il Mar Rosso, dove la milizia Houthi, sostenuta dall’Iran, attacca da mesi le navi con droni e missili da siti nello Yemen.

Gli Houthi hanno affermato che stavano cercando di tagliare i collegamenti marittimi con Israele per costringere Israele a porre fine alla sua campagna militare a Gaza. Ma le navi collegate a più di una dozzina di paesi sono state prese di mira, e un portavoce degli Houthi ha detto questa settimana che considerano “tutte le navi americane e britanniche” come obiettivi nemici.

I disordini erano dilaganti. Circa 150 navi sono passate attraverso il Canale di Suez, che si trova all'estremità nord-occidentale del Mar Rosso, durante le prime due settimane di gennaio. Secondo la piattaforma di dati marini Marine Traffic, questo dato è in calo rispetto agli oltre 400 registrati nello stesso periodo dell'anno scorso. Queste svolte e gli attacchi Houthi sono continuati, nonostante gli attacchi aerei lanciati dagli Stati Uniti e dai loro alleati contro gli Houthi.

READ  Gli sfollati di Gaza arrivano in Egitto attraverso il valico di Rafah: aggiornamenti in tempo reale tra Israele e Hamas

Nota: gli attacchi contro le navi commerciali sono attacchi in cui almeno una nave commerciale viene colpita o presa di mira, solitamente con droni o missili. Dati al 20 gennaio.

Fonte: Comando Centrale degli Stati Uniti

Le compagnie di navigazione hanno triplicato i prezzi applicati per trasportare un container dall’Asia all’Europa, in parte per coprire il costo aggiuntivo della navigazione intorno all’Africa. Gli armatori che ancora utilizzano il Mar Rosso, in particolare i proprietari di navi cisterna, devono far fronte a premi assicurativi più elevati.

I prezzi dei container non sono ancora aumentati tanto quanto durante la pandemia di coronavirus. Ma rivenditori come IKEA hanno avvertito che evitare il Canale di Suez potrebbe ritardare l’arrivo delle merci nei negozi. Alcune fabbriche automobilistiche in Europa sono state costrette a sospendere brevemente le attività in attesa di pezzi di ricambio dall'Asia.

Ciò potrebbe esacerbare l’inflazione. JPMorgan Chase ha stimato giovedì che i prezzi al consumo globali dei beni aumenterebbero di un ulteriore 0,7% nella prima metà di quest'anno se le interruzioni delle spedizioni dovessero persistere.

Ecco come appariva la deviazione dal Mar Rosso per una nave, la Maersk Hong Kong. La nave portacontainer battente bandiera di Singapore è salpata da Singapore per la Slovenia il 15 novembre. Arrivò a Port Said in Egitto dopo soli 12 giorni, dopo aver attraversato il Mar Rosso e il Canale di Suez.

Sulla via del ritorno a Singapore, è arrivata nuovamente a Port Said il 17 dicembre. Ma quando gli Houthi intensificarono i loro attacchi, la nave tornò indietro e viaggiò invece intorno all’Africa, tornando a Singapore solo venerdì, dopo un lungo viaggio. Un mese intero di navigazione.

READ  La Germania registra più di 18.000 rifugiati dall'Ucraina

Nota: dati dal 1 novembre 2023 al 19 gennaio 2024.

Fonte: Spire Global

Il Mar Rosso e il Canale di Suez sono diventati sempre più importanti negli ultimi due anni, non solo per le navi che trasportano merci tra l’Asia e l’Europa, ma anche per le spedizioni di petrolio e gas naturale liquefatto.

I paesi europei hanno cercato di smettere di acquistare carburante dalla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina nel 2022. Così la Russia ha aumentato drasticamente il petrolio che spedisce attraverso il Canale di Suez, principalmente verso l’India, mentre l’Europa ha incrementato i suoi acquisti di gas naturale dal Medio Oriente, anche attraverso il Canale di Suez. Canale di Suez. Secondo la US Energy Information Administration, circa il 12% del petrolio trasportato dalle petroliere in tutto il mondo passa attraverso il Mar Rosso, e quasi la stessa quantità di gas naturale liquefatto nel mondo.

Fonte: Banca Mondiale

Nota: le mappe della densità del traffico navale si basano sulle posizioni delle navi segnalate tra gennaio 2015 e febbraio 2021 elaborate dal sistema di monitoraggio del commercio marittimo globale dell'FMI.

Gli Houthi hanno affermato che stavano cercando di interrompere i collegamenti marittimi con Israele nel tentativo di costringere Israele a terminare la sua campagna a Gaza. Ma sono state prese di mira le navi collegate a più di una dozzina di paesi, molte delle quali non viaggiano da o verso i porti israeliani.

Sebbene non siano stati confermati morti o feriti a seguito di questi attacchi, alcune navi sono state danneggiate. La nave da trasporto, Galaxy Leader, è stata dirottata a novembre e trasportata nello Yemen. Lì sono stati detenuti i 25 membri dell'equipaggio, la maggior parte dei quali filippini.

READ  Una delegazione di Hamas arriva a Mosca per colloqui - Ministero degli Affari Esteri

La Marina americana ha abbattuto molti droni e missili prima che potessero raggiungere i loro obiettivi, evitando gravi danni alle navi commerciali. Ma intercettare droni e missili economici con aerei da combattimento avanzati e altri equipaggiamenti militari è costoso per l’America e i suoi alleati.

La posizione della Cina, potenza navale, rimane una questione importante nel Mar Rosso. Pechino ha evitato di criticare gli Houthi e non ha partecipato ad azioni militari contro di loro. Gli attacchi Houthi hanno ritardato l’aumento annuale delle esportazioni cinesi prima che le sue fabbriche smettessero di funzionare il mese prossimo in occasione del Capodanno lunare.