Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In che modo la NASA ha superato le aspettative con l'asteroide Bennu?

In che modo la NASA ha superato le aspettative con l'asteroide Bennu?

Una vista di otto campioni contenenti il ​​materiale finale dell'asteroide Bennu. Polvere e rocce sono state versate nei vassoi dalla piastra superiore della testa del meccanismo di acquisizione del campione a tocco (TAGSAM). Da questo getto sono stati raccolti 51,2 grammi, portando la massa finale del campione di asteroide a 121,6 grammi. Credito immagine: NASA/Erika Blumenfeld e Joseph Aebersold

NASA'S Osiride Rex La navicella spaziale ha consegnato sulla Terra una quantità senza precedenti di 4,29 once di materiale dell’asteroide Bennu, superando i suoi obiettivi di missione. Nonostante le difficoltà iniziali, il campione è stato messo al sicuro con successo per la futura ricerca scientifica, garantendo un’eredità di cooperazione internazionale e studio delle origini del sistema solare.

La navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA ha consegnato 4,29 once (121,6 grammi) di materiale dall'asteroide Bennu quando è tornato sulla Terra il 24 settembre 2023; Il più grande campione di asteroidi mai raccolto nello spazio e più del doppio dei requisiti della missione.

Superare presto le aspettative

Il team della missione aveva bisogno di almeno 60 grammi di materiale per raggiungere gli obiettivi scientifici della missione, una quantità che era già stata superata prima che la testa del TAGSAM fosse completamente aperta. Nell'ottobre 2023, i processori della Astromaterials Research and Exploration Division (ARES) presso il Johnson Space Center della NASA a Houston sono stati in grado di raccogliere piccole rocce e polvere dall'interno della grande custodia contenente la testa di TAGSAM, nonché dall'interno di TAGSAM. Si dirige verso la testa attraverso un lembo di mylar.

Processori di materiali per astronomia OSIRIS-REx

I gestori di materiale astronomico OSIRIS-REx, da sinistra, Rachel Funk, Julia Plummer e Janatul Firdaus si preparano a sollevare la piastra superiore della testa del meccanismo di acquisizione dei campioni touch screened (TAGSAM) e versare l'ultimo frammento di roccia e polvere di asteroide nei vassoi dei campioni sotto. Credito immagine: NASA/Robert Markowitz

Superare le sfide

Lo smontaggio della testa del TAGSAM è stato sospeso alla fine di ottobre 2023, quando il team ha riscontrato due elementi di fissaggio ostinati che hanno impedito loro di completare il processo per rivelare il campione finale all'interno.

READ  Gli astronomi hanno appena risolto un mistero di 60 anni riguardante gli oggetti più luminosi dell'universo

Dopo aver progettato, prodotto e testato nuove attrezzature, gli ingegneri di processo ARES hanno rimosso con successo gli elementi di fissaggio a gennaio e hanno completato lo smontaggio della testa TAGSAM. Il restante campione di Bennu è stato scoperto e versato con cura in contenitori a forma di cuneo. Da questa fusione sono state raccolte 1,81 once (51,2 grammi). Combinando le 2,48 once (70,3 grammi) misurate in precedenza e le particelle aggiuntive raccolte all'esterno del pezzo fuso, la massa totale del campione di Bennu è di 4,29 once (121,6 grammi).

Garantire un’eredità per la ricerca futura

La NASA tratterrà almeno il 70% del campione presso Johnson per ulteriori ricerche da parte di scienziati di tutto il mondo, comprese le generazioni future.

Dal deposito Johnson della NASA, il materiale di Bennu sarà collocato in contenitori e distribuito ai ricercatori per lo studio. Nell’ambito della missione OSIRIS-REx, un gruppo di oltre 200 scienziati di tutto il mondo esplorerà le proprietà della regolite, inclusi ricercatori di diverse istituzioni statunitensi e partner della NASA. JAXA (Agenzia giapponese per l'esplorazione aerospaziale), CSA (Agenzia spaziale canadese) e altro ancora.

Più tardi questa primavera, il team di elaborazione rilascerà un catalogo di campioni di OSIRIS-REx, rendendo il campione di asteroide disponibile per l’ordinazione da parte della comunità scientifica globale.