Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Intervista sull'uscita di Klay Thompson: con la libera agenzia incombente, quali saranno le prospettive per la leggenda dei Warriors

Intervista sull'uscita di Klay Thompson: con la libera agenzia incombente, quali saranno le prospettive per la leggenda dei Warriors

SAN FRANCISCO – Klay Thompson si è ritirato rapidamente dal Golden 1 martedì sera a Sacramento, le ferite di un’altra sconfitta per esclusione sono troppo fresche per parlare con i giornalisti. Ha mancato tutti e 10 i suoi tiri e non ha segnato un punto, qualcosa che in seguito ha definito “grande vecchia torta”, con la sua imminente libera agenzia che incombeva sulle sue teste e su quelle dell'intera organizzazione Golden State Warriors.

Questo è ciò che ha reso Thompson l'attrazione principale nelle interviste di uscita di mercoledì pomeriggio. È stato l'ultimo giocatore a parlare e tutti hanno sentito la voce. Verso le 15:00, dopo il suo incontro con Mike Dunleavy e Steve Kerr, Thompson entrò nella stanza con il labbro grasso. È venuto da un gomito durante una partita dei Sacramento Kings e ha aggiunto l'atmosfera.

Thompson fu subito pieno di domande sulla libera agenzia.

“Non vogliamo parlare prima della stagione?” Ha risposto al tiro. “Vuoi parlare del futuro? Ci sono stati molti incontri, amico. È stato un risultato davvero grande. Cosa c'è di sbagliato se voi ragazzi non volete vivere nel presente, fratello? È ridicolo.” Comunque, qual è la tua domanda?”

A Thompson è stato ricordato perché il suo futuro è un argomento così rilevante. È una leggenda del franchise e un'icona locale, avendo giocato 13 stagioni e vinto quattro titoli per il franchise. Stephen Curry, Draymond Green e Steve Kerr sono già tutti sotto contratto per almeno altre due stagioni. Il contratto di Thompson sta per scadere. I colloqui per l’estensione non sono andati da nessuna parte. È un risultato molto deludente pensare che lascerà Golden State quest'estate, segnando la fine di un'era.

“Sai, non ci ho pensato molto a causa di quello che hai appena detto sulla stagione”, ha detto Thompson. “Non ho pensato davvero al futuro perché avevo ancora bisogno di elaborare l'anno che abbiamo vissuto. È stata una partita piena di alti e bassi, ma alla fine noi, io personalmente e la nostra squadra abbiamo fatto tutto il possibile per provarci. vincere quante più partite possibile.

L’uscita anticipata fornisce un ulteriore margine prima della libera agenzia, ma la lega si sta muovendo rapidamente. La conversazione di Thompson con Kerr e Dunleavy mercoledì è stata la prima di quelle che saranno sicuramente molte importanti conversazioni avanti e indietro tra Thompson, Kerr, Dunleavy, Curry, Green, Joe Lacob e Kirk Lacob nelle prossime settimane.

“Fantastico, considerando che è il 17 aprile, non credo di dover cambiare rotta così in fretta”, ha detto Thompson. “Quando sarà il libero arbitrio? Il 1 luglio? Sì, ho un po' di tempo. Ho un po' di tempo.”

La maggior parte degli agenti, del personale del front office e degli addetti ai lavori sanno che la free agency in realtà non inizia il 1° luglio. Fondamentalmente finisce. Tutte le grandi decisioni avvengono dietro le quinte prima dell'evento. Quindi, questa enorme scelta di Thompson e dei Warriors sta arrivando a un ritmo più veloce di quanto il mondo esterno possa pensare. Ma in questa fase nulla è vicino a essere deciso. Il campionato spesso reagisce e cambia a seconda di ciò che accade nei playoff, che iniziano questo fine settimana.

READ  I vichinghi scambiano i Lions per la fine del tribunale di TJ Hockenson il giorno della scadenza della NFL

Quali sono le priorità di Thompson?

“Ovviamente vuoi continuare a vincere”, ha detto. “Voglio dire, quando partecipi a stagioni vincenti, non vuoi davvero allontanartene. Quindi mi piacerebbe vincere di nuovo. Sarebbe bello (un anello da campionato) per il pollice. Penso ancora è a portata di mano. Ci vorrà molto impegno. Ma a parte questo, devi solo pensare a cosa ti renderà veramente felice negli ultimi anni della tua carriera.

Kerr, Curry e Green hanno tutti tenuto a dire ai giornalisti martedì sera tardi che rivogliono indietro Thompson e credono che lo farà. Green ha detto che secondo lui l'organizzazione avrebbe pagato quello che è servito perché lo fanno sempre, puntando in particolare a dare a Thompson un accordo massimo nell'estate del 2019 dopo che si è strappato il legamento crociato anteriore nell'ultima partita delle finali NBA.

“Oh cavolo”, ha detto Thompson. “Beh, 2019, puoi immaginare se non mi avessero pagato dopo che mi sono infortunato? Sarebbe stato davvero brutto. Tipo, 'Oh, sei andato a cinque finali di fila, ti sei rotto la rotula, sì, scusa.' ' Quindi no, voglio dire che è stato molto carino da parte loro ogni anno e faccio del mio meglio e il gruppo di proprietà è stato fantastico, non ho altro che cose positive da dire su di loro, ci trattano con grande rispetto e fanno tutte le piccole cose fare il nostro lavoro al più alto livello “Quello. Voglio dire, dipende da loro, ma alla fine, qualunque cosa accada, è roba buona. È stato uno strano tour privato.”

Ecco un video della maggior parte di queste risposte. Il suo linguaggio del corpo dice sempre tutto.

Ecco alcune altre note rilevanti dalle interviste di uscita.


Kuminga ha diritto ad una proroga quest'estate. Ha firmato un contratto da 7,6 milioni di dollari la prossima stagione a prescindere, ma i Warriors potrebbero evitare la libera agenzia limitata la prossima estate se accettano un accordo. Queste conversazioni di solito non si surriscaldano fino a ottobre.

“Oh, wow, non ci avevo mai pensato”, ha detto Kuminga. “Questo è qualcosa su cui penso che il mio agente lavorerà. Ora mi concentrerò solo sulla mia mente e sul mio corpo e tutto si prenderà cura di se stesso.

Per quanto riguarda il suo futuro con gli Warriors, Kuminga ha detto: “Adoro qui”.

A Kuminga è stato chiesto quale fosse la sua più grande area di crescita in questa stagione, e lui ha detto comunicazione, un evidente riferimento ai momenti difficili che ha avuto a che fare con un tempo di gioco limitato prima di avere finalmente una conversazione difficile con Kerr.

READ  La FIA ha emesso 12 sanzioni per infrazioni al track limit dopo il GP d'Austria di F1

“A volte le persone non ti conoscono se non parli”, ha detto Kuminga. “A volte, le persone non sanno cosa hai in mente se non puoi vederlo davvero. Non so cosa c'è nella mente degli allenatori se non posso fare loro domande, e le domande sono comunicazione allo stesso modo fatemi domande su tutto. ” O sul basket o sulla mia vita. Non sapreste tutti se non avessi comunicato con voi ragazzi, penso che sia più o meno quello che ho dovuto fare, imparare e trovare un modo per comunicare con i miei compagni e i miei allenatori.

Wiggins ha 29 anni, ma ha appena concluso la peggiore stagione offensiva della sua carriera. L'ex marcatore da 23 punti a partita ha una media di 13,2 punti in questa stagione, più di 3 punti in meno rispetto al suo precedente minimo in carriera. La sua peggiore percentuale di field goal (45,3%) è arrivata in cinque stagioni e la sua percentuale di 3 punti (35,8%) è arrivata in quattro stagioni.

“La mia stagione non è stata molto buona”, ha detto Wiggins. “Non eccezionale. Mi sento come se avessi iniziato a riprenderlo nella seconda metà della stagione. Ma la prima metà non è stata molto buona. Per quanto riguarda la squadra, sento che siamo stati davvero bravi nella seconda metà della stagione. Stavamo cercando di capire le cose, ma è un peccato che tutto sia dovuto finire.” in questo modo”.

Wiggins ha tre anni e 84,5 milioni di dollari rimanenti nel suo contratto. È un candidato commerciale quest'estate. I Warriors hanno esplorato gli scambi che coinvolgono Wiggins prima della scadenza di febbraio.

“Mi prendo cura di ciò di cui posso occuparmi”, ha detto Wiggins. “Ciò che è fuori dal mio controllo, non mi preoccupo, tutto quello che posso fare è lavorare duro, allenarmi duramente e fare quello che posso fare”.

Il debuttante dei Warriors ha intenzione di giocare nella NBA Summer League, credendo che un maggiore utilizzo del ruolo della palla lo renderà più preparato per la prossima stagione.

“È naturale che il mio ruolo aumenti”, ha detto Podzemski. “Penso che la palla sarà un po' più nelle mie mani e sarò più efficiente, e sto cercando di alleviare il peso dalle spalle di Steph e Draymond. Come il resto dei nostri ragazzi può influenzare le cose. Penso che a molte volte, quando eravamo in partite davvero importanti o avevamo davvero bisogno di vincere, rimandavamo per Steve.

Traccia Jackson Davis

Jackson-Davis ha anche detto che gareggerà almeno in parte della Summer League e ha menzionato diverse aree che vorrebbe migliorare.

READ  Orion Kerkering dei Phillies brilla al suo debutto in MLB - NBC Sports Philadelphia

“Quando abbiamo effettivamente parlato, l'allenatore ha menzionato il nome di (Domantas) Sabonis (come paragone)”, ha detto Jackson-Davis. “Penso che l'intensità con cui gioca senza palleggio, cose del genere, potrebbe provare a segnare 3 a partita, ma non è necessariamente quello che è come giocatore. È sicuramente qualcosa su cui voglio espandere abbattendoli, devo tradurlo indietro, penso ai tiri liberi e poi essere in grado di prendere e tirare i 3.

Jackson Davis ha anche menzionato l'estremità difensiva del campo e la necessità di espandere la sua versatilità.

Gary Payton II

Payton è apparso in appena 44 delle 82 partite di questa stagione, affrontando una serie di disturbi che lo hanno tenuto fuori nei momenti chiave, incluso essere stato disattivato per la partita dei playoff dei Kings martedì sera a causa di un altro stiramento al polpaccio della stagione.

“È stato frustrante stare lì a guardare, senza poter fare nulla”, ha detto Payton. “Ma mi ha dato motivazione, mi ha spinto a prendermi più cura del mio corpo quest'estate e a tornare e prepararmi per compiere 82 anni la prossima estate.”

Payton ha una stagione rimanente nel suo contratto, un'opzione da 9,1 milioni di dollari che dovrebbe esercitare o incassare per ottenere un contratto a lungo termine con forse un valore annuale inferiore.

“Mi piacerebbe tornare e rigiocarlo”, ha detto Payton. “Meglio ancora, restituiscimi l'intero accordo e resta qui ancora un po'. Troveremo una soluzione.”

Looney dovrà pagare 8 milioni di dollari la prossima stagione, ma solo 3 milioni di dollari sono garantiti, lasciandolo vulnerabile a un taglio di stipendio che lo manderebbe in free agency e porrebbe fine al suo mandato di nove anni con gli Warriors.

“Non ho sempre il controllo del mio futuro qui”, ha detto Looney. “Mi piacerebbe tornare, far parte di questa squadra, parte di questa organizzazione. Questo è tutto quello che so. Ma questa è l'NBA. Quando non arrivi ai playoff, perdi, e di solito succedono cose. Quindi non lo faccio “Non so cosa succederà”, ha detto. Ma devo essere pronto per il passo successivo.

(Immagine in alto: Tyler Ross/NBAE tramite Getty Images)