Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele afferma che due ostaggi sono stati salvati da Gaza in un'operazione speciale dopo 128 giorni

Israele afferma che due ostaggi sono stati salvati da Gaza in un'operazione speciale dopo 128 giorni

Ostaggi e famiglie scomparse

Due ostaggi, Fernando Simon Marman, 60 anni, e Louis Har, 70 anni, sono stati salvati da Gaza dalle forze israeliane.



CNN

L'esercito israeliano ha detto lunedì di aver salvato due ostaggi durante un'operazione speciale a Rafah, una città nel sud di Gaza che è stata colpita durante gli attacchi aerei israeliani durante la notte.

Gli ostaggi erano Fernando Simon Marman, 60 anni, e Louis Haar, 70 anni, entrambi arrestati 128 giorni prima durante l'attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

Entrambi gli uomini sono in buone condizioni e sono stati trasferiti allo Sheba Medical Center di Tel Hashomer, hanno riferito le forze di difesa israeliane. L'operazione è stata effettuata in collaborazione con l'Agenzia per la sicurezza israeliana e la polizia israeliana.

Il portavoce dell'IDF Daniel Hagari ha detto ai giornalisti lunedì che “l'operazione segreta per estrarre il fuoco” è iniziata all'1:49 ora locale, seguita da attacchi aerei.

Ha detto che le forze israeliane hanno incontrato resistenza e gli ostaggi sono stati evacuati sotto il fuoco di Hamas, che sarebbero stati portati in un luogo sicuro all'interno di Rafah per cure mediche. Sono stati poi evacuati da Gaza in elicottero.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha elogiato “l'impressionante operazione di lancio” in una dichiarazione a X, e in precedenza su Twitter, ha affermato di aver seguito l'operazione al centro di comando con il primo ministro Benjamin Netanyahu e gli alti comandanti.

Entrambi gli ostaggi sono stati rapiti dal kibbutz Nir Yitzhak, ha aggiunto. Nir Yitzhak è stato uno dei numerosi kibbutz vicino al confine con Gaza che sono stati attaccati dai militanti di Hamas il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo più di 240 ostaggi.

READ  Highlights della Coppa del Mondo 2022: Uruguay vs Corea del Sud hanno pareggiato a reti inviolate

La risposta di Israele ha causato una devastazione diffusa in tutta Gaza. Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, stima che il numero totale dei morti dal 7 ottobre sia superiore a 27.500.

Hatem Ali/AP

Palestinesi passano davanti a un edificio residenziale distrutto da un attacco israeliano a Rafah, nella Striscia di Gaza, l’11 febbraio 2024.

La notizia del rilascio degli ostaggi è arrivata mentre Rafah si riprendeva dagli attacchi israeliani. La Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) ha dichiarato lunedì che più di 100 persone sono state uccise negli attacchi aerei notturni a Rafah e che il bilancio potrebbe aumentare poiché molte altre sono rimaste intrappolate tra le macerie.

La CNN non può verificare in modo indipendente i numeri. La PRCS aveva precedentemente affermato che la città stava subendo “gravi attacchi”.

Il comune di Rafah ha detto lunedì che almeno due moschee e una dozzina di case sono state prese di mira negli attacchi.

Le forze di difesa israeliane hanno confermato lunedì di aver effettuato “una serie di attacchi” contro obiettivi nell'area di Shaboura, nel distretto di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

“Gli scioperi sono finiti”, ha detto l'IDF in un comunicato.

Hamas ha condannato gli attacchi di lunedì, definendoli “sforzi di sfollamento forzato” e “brutali massacri contro civili indifesi e bambini, donne e anziani sfollati”.

Ha inoltre accusato il presidente americano Joe Biden e la sua amministrazione di assumersi la “piena responsabilità” per le morti civili.

Domenica, secondo un alto funzionario dell'amministrazione, Biden e Netanyahu hanno discusso di un accordo per la liberazione degli ostaggi a Gaza, nonché del previsto attacco di terra di Israele a Rafah.

READ  Le bugie elettorali di Trump - The New York Times

Secondo la Casa Bianca, Biden “ha riaffermato il suo punto di vista secondo cui un'operazione militare a Rafah non dovrebbe essere intrapresa senza un piano credibile e applicabile per garantire la sicurezza e il sostegno di più di un milione di persone”.

Rafa è diventato L'ultimo rifugio per i palestinesi L’intera area affollata sta fuggendo verso sud per evitare le campagne aeree e terrestri israeliane. Secondo le Nazioni Unite, si ritiene che a Rafah vivano più di 1,3 milioni di persone, la maggior parte delle quali sfollate da altre parti di Gaza.

E non c'è modo per loro di scappare; La città confina con l’Egitto e l’unica strada per entrare nel paese è chiusa da mesi, insieme al resto di Gaza.

Cresce l’allarme internazionale in vista del previsto assalto di terra a Rafah, Netanyahu respinge le crescenti critiche ai piani – chiede il divieto di ingresso a Rafah Come dire a Israele di perdere una guerra. Ha promesso un passaggio sicuro per il pubblico, ma ha fornito pochi dettagli.