Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele annuncia il ritiro di migliaia di truppe da Gaza | Notizie sulla guerra di Israele a Gaza

Israele annuncia il ritiro di migliaia di truppe da Gaza |  Notizie sulla guerra di Israele a Gaza

Israele è stato messo sotto pressione dal suo principale alleato, gli Stati Uniti.

L'esercito israeliano ha annunciato il ritiro di migliaia di soldati dalla Striscia di Gaza assediata, il primo significativo ritiro delle truppe dall'inizio della guerra in ottobre.

Israele è sottoposto a crescenti pressioni da parte del suo principale alleato, gli Stati Uniti, affinché passi a una guerra a minore intensità, che abbia meno vittime civili.

Ma nella città meridionale di Khan Yunis sono continuati pesanti combattimenti, con Israele che ha promesso di continuare la guerra fino a quando non avrà raggiunto i suoi obiettivi, inclusa la distruzione del gruppo palestinese Hamas, che ha ucciso circa 1.140 persone negli attacchi nel sud di Israele in ottobre. 7, secondo i funzionari israeliani.

In un comunicato, l'esercito ha affermato lunedì che cinque brigate, ovvero diverse migliaia di soldati, sarebbero state portate fuori dall'enclave per l'addestramento e il riposo.

Il portavoce dell'esercito Daniel Hagari, quando ha annunciato per la prima volta il ritiro delle truppe durante un briefing domenica, non ha detto che la decisione segnava l'ingresso della guerra in una nuova fase.

“Gli obiettivi della guerra richiedono combattimenti prolungati e ci stiamo preparando di conseguenza”, ha detto.

Palestinesi ispezionano i danni subiti da una casa crollata a seguito di un attacco aereo israeliano su Khan Younis nel sud della Striscia di Gaza. [Mohammed Dahman/AP Photo]

Una nuova piattaforma?

Il generale di brigata in pensione Shlomo Brohm, ex responsabile della pianificazione strategica dell'esercito israeliano, ha affermato che i cambiamenti delle truppe potrebbero essere dovuti alla pressione degli Stati Uniti e potrebbero segnalare un cambiamento nel modo in cui Israele conduce la guerra.

“La guerra non si ferma”, ha detto Brohm. “Questo è l'inizio di una diversa modalità operativa”.

Funzionari israeliani hanno affermato che la guerra sarà combattuta in tre fasi principali. Il primo è un bombardamento intensivo per liberare le vie di accesso alle forze di terra ed evacuare i civili. La seconda è stata l’invasione della Striscia di Gaza iniziata il 27 ottobre.

READ  Israele afferma che due ostaggi sono stati salvati da Gaza in un'operazione speciale dopo 128 giorni

Con carri armati e truppe che ora occupano gran parte della Striscia, l’esercito si sta muovendo verso una terza fase, nonostante gli uomini armati palestinesi siano in agguato nei tunnel e nei bunker nascosti, ha detto un funzionario israeliano. problema, ha detto all’agenzia di stampa Reuters.

“Ci vorranno almeno sei mesi e comporteranno intense operazioni di rastrellamento contro i terroristi. Nessuno parla di colombe della pace volate da Shujaya”, ha detto il funzionario, riferendosi alla Striscia di Gaza devastata dal conflitto.

Separatamente lunedì, gli Stati Uniti hanno annunciato che ritireranno un gruppo d’attacco di portaerei dal Mediterraneo orientale e lo sostituiranno con una nave d’assalto anfibia e navi da guerra di accompagnamento.

Secondo funzionari sanitari palestinesi, almeno 21.978 persone sono state uccise negli attacchi israeliani a Gaza dal 7 ottobre.

L'esercito israeliano ha dichiarato la scorsa settimana che almeno 172 soldati sono stati uccisi dall'inizio dell'operazione di terra a fine ottobre, di cui 18 a causa del fuoco amico e 11 per malfunzionamenti di armi o attrezzature.

Combattimenti transfrontalieri

Dallo scoppio della guerra, l’esercito israeliano è impegnato in battaglie transfrontaliere con il gruppo armato libanese Hezbollah.

Lunedì Hezbollah ha dichiarato in un telegramma che tre dei suoi combattenti erano stati uccisi nel sud del Libano. Anche se non sono stati forniti dettagli su come sono stati uccisi, i gruppi hanno affermato che si trattava di “martiri in arrivo”. [liberate] Gerusalemme”.

L'esercito israeliano ha affermato di aver colpito una serie di obiettivi, comprese le “basi militari” dove operava Hezbollah in Libano.

Secondo Hezbollah e fonti della sicurezza che hanno parlato con Reuters, sono morti più di 100 combattenti di Hezbollah e quasi due dozzine di civili, compresi bambini e anziani.

READ  Il primo ministro portoghese Costa si dimette a causa di un'indagine sulla corruzione