Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele sta segretamente prendendo di mira i legislatori statunitensi con una campagna di influenza sulla guerra di Gaza

Israele sta segretamente prendendo di mira i legislatori statunitensi con una campagna di influenza sulla guerra di Gaza

Lo scorso anno Israele ha organizzato una campagna di influenza, indirizzando ai legislatori statunitensi e al pubblico americano messaggi pro-Israele, volti a rafforzare il sostegno alle sue azioni nella guerra con Gaza, secondo i funzionari coinvolti nell’iniziativa e i documenti relativi alla guerra. pratico.

Quattro funzionari israeliani hanno affermato che la campagna segreta è stata commissionata dal Ministero israeliano per gli Affari della Diaspora, un ente governativo che collega gli ebrei di tutto il mondo allo Stato di Israele. Secondo funzionari e documenti, il ministero ha stanziato circa 2 milioni di dollari per l’operazione e ha ingaggiato la Stoic, una società di marketing politico di Tel Aviv, per realizzarla.

La campagna è iniziata a ottobre e rimane attiva sulla piattaforma X. Al suo apice, centinaia di account falsi che si spacciavano per veri americani sono stati utilizzati su X, Facebook e Instagram per pubblicare commenti pro-Israele. I resoconti si concentravano sui legislatori americani, in particolare neri e democratici, come il deputato Hakeem Jeffries, il leader della minoranza alla Camera di New York, e il senatore Raphael Warnock della Georgia, con messaggi che li esortavano a continuare a finanziare l’esercito israeliano.

Per creare molti post è stato utilizzato ChatGPT, un chatbot basato sull’intelligenza artificiale. La campagna ha anche creato tre siti web di notizie false in lingua inglese contenenti articoli filo-israeliani.

Il collegamento del governo israeliano con l’operazione di influenza, che il New York Times ha verificato con quattro attuali ed ex membri del Ministero degli Affari della Diaspora e documenti sulla campagna, non è stato riportato in precedenza. FakeReporter, un’organizzazione israeliana di monitoraggio della disinformazione, ha identificato questi sforzi a marzo. La settimana scorsa, anche Meta, che possiede Facebook e Instagram, e OpenAI, che produce ChatGPT, hanno dichiarato di aver trovato e disabilitato l’operazione.

La campagna segreta indica fino a che punto Israele era disposto a spingersi per influenzare l’opinione pubblica americana sulla guerra a Gaza. Gli Stati Uniti sono da tempo uno dei più fedeli alleati di Israele, con il presidente Biden che ha recentemente firmato un pacchetto di aiuti militari da 15 miliardi di dollari per il paese. Ma il conflitto è stato impopolare tra molti americani, che hanno invitato Biden a ritirare il suo sostegno a Israele di fronte all’aumento delle morti civili a Gaza.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Gli esperti di social media hanno affermato che l’operazione è il primo caso documentato in cui il governo israeliano ha organizzato una campagna per influenzare il governo americano. Sebbene le campagne coordinate e sostenute dal governo non siano rare, di solito sono difficili da dimostrare. È opinione diffusa che Iran, Corea del Nord, Cina, Russia e Stati Uniti sostengano sforzi simili in tutto il mondo, ma spesso nascondono il loro coinvolgimento esternalizzando il lavoro a società private o gestendolo attraverso un paese terzo.

“Il ruolo di Israele in questa questione è sconsiderato e potenzialmente inefficace”, ha affermato Achia Schatz, direttore esecutivo di FakeReporter. Per Israele “condurre un’operazione che interferisce nella politica americana è del tutto irresponsabile”.

Il Ministero israeliano per gli Affari della Diaspora ha negato il suo coinvolgimento nella campagna e ha affermato di non avere alcun collegamento con Al-Rawaqi. Al-Rawaqi non ha risposto alle richieste di commento.

Meta e OpenAI hanno affermato la scorsa settimana che la campagna non ha avuto un impatto diffuso. FakeReporter ha scoperto che gli account falsi avevano accumulato più di 40.000 follower su X, Facebook e Instagram. Ma Mita ha detto che molti di questi follower erano probabilmente bot e non generavano un vasto pubblico.

L’operazione è iniziata poche settimane dopo l’inizio della guerra, in ottobre, secondo i funzionari israeliani e i documenti relativi all’operazione. Decine di startup tecnologiche israeliane hanno ricevuto quel mese e-mail e messaggi WhatsApp che li invitavano a partecipare a riunioni urgenti per diventare “soldati digitali” per Israele durante la guerra, secondo i messaggi visti dal Times. Alcune e-mail e messaggi sono stati inviati da funzionari del governo israeliano, mentre altri provenivano da startup e incubatori tecnologici.

Il primo incontro si è tenuto a Tel Aviv a metà ottobre. Tre partecipanti hanno detto che sembrava trattarsi di un incontro informale in cui gli israeliani potevano offrire volontariamente le loro competenze tecniche per aiutare lo sforzo bellico del paese. Hanno aggiunto che hanno partecipato anche membri di diversi ministeri del governo.

READ  Un nuovo attacco missilistico russo scuote il Paese e colpisce la rete elettrica

Secondo le registrazioni degli incontri, ai partecipanti è stato detto che avrebbero potuto essere “guerrieri per Israele” e che “campagne digitali” avrebbero potuto essere condotte per conto del Paese.

Funzionari israeliani hanno affermato che il Ministero degli Affari della Diaspora ha ordinato una campagna contro gli Stati Uniti. Secondo una lettera vista dal Times, è stato fissato un budget di circa 2 milioni di dollari.

Stoic è stato assunto per gestire la campagna. Stoic afferma sul suo sito web e su LinkedIn di essere stata fondata nel 2017 da un team di strateghi politici e aziendali e di definirsi una società di marketing politico e business intelligence. Un funzionario israeliano ha detto che altre società potrebbero essere state incaricate di condurre ulteriori campagne.

Molti degli account falsi della campagna su X, Instagram e Facebook apparivano come studenti americani fittizi, cittadini preoccupati ed elettori locali. I resoconti condividevano articoli e statistiche a sostegno della posizione di Israele nella guerra.

L’operazione si è concentrata su più di una dozzina di membri del Congresso, molti dei quali erano neri e democratici, secondo un’analisi di FakeReporter. Il deputato Ritchie Torres, un democratico di New York che ha espresso apertamente le sue opinioni filo-israeliane, è stato preso di mira, insieme a Jeffries e Warnock.

Alcuni account falsi hanno risposto ai post di Torres su X commentando l’antisemitismo nei campus universitari e nelle principali città americane. In risposta a un post dell’8 dicembre sul sito X di Torres sulla sicurezza antincendio, un account falso ha risposto dicendo: “Hamas sta commettendo il conflitto”, riferendosi al Gruppo Islamico Armato. Il post includeva un hashtag che diceva che gli ebrei venivano perseguitati.

Su Facebook, account falsi hanno postato sulla pagina pubblica del signor Jeffries chiedendo se avesse visto un rapporto sull’impiego da parte delle Nazioni Unite di membri del movimento Hamas a Gaza.

READ  Gli scienziati hanno scoperto un enorme "oceano" vicino al cuore della Terra

Il signor Torres, il signor Jeffries e il signor Warnock non hanno risposto alle richieste di commento.

La campagna ha anche creato tre siti web di notizie false con nomi come Non-Agenda e UnFold Magazine, che hanno plagiato e riscritto materiale proveniente da media tra cui la CNN e il Wall Street Journal per promuovere la posizione di Israele durante la guerra, secondo un’analisi di FakeReporter. Gli account falsi su Reddit vengono poi collegati ad articoli sui cosiddetti siti di notizie per promuoverli.

Lo sforzo è stato trascurato. A volte le foto del profilo utilizzate su alcuni account non corrispondevano ai personaggi immaginari che avevano inserito e il linguaggio utilizzato nei post era artificioso.

In almeno due casi, ha pubblicato account contenenti selfie di uomini neri che dichiaravano di essere una “donna ebrea di mezza età”. In 118 post in cui gli account falsi condividevano articoli pro-Israele, appariva la stessa frase: “Devo rivalutare le mie opinioni a causa di queste nuove informazioni”.

La settimana scorsa, Meta e OpenAI hanno pubblicato rapporti che attribuivano la campagna di influenza a Stoic. morto Egli ha detto Ha rimosso 510 account Facebook, 11 pagine Facebook, 32 account Instagram e un gruppo Facebook collegato all’operazione. OpenAI ha affermato che Stoic ha creato personaggi e biografie fittizie intese a rappresentare persone reali sui servizi di social media utilizzati in Israele, Canada e Stati Uniti per diffondere messaggi anti-islamici. Molti post rimangono su X.

X non ha risposto a una richiesta di commento.

Sulla sua pagina LinkedIn, Stoic ha migliorato la sua capacità di gestire campagne basate sull’intelligenza artificiale. “Guardando al futuro, è chiaro che il ruolo dell’intelligenza artificiale nelle campagne politiche è destinato a fare un salto di trasformazione, rimodellando il modo in cui le strategie elettorali vengono create, implementate e valutate”. libri.

Venerdì, Stoick aveva rimosso quei post da LinkedIn.