Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Robert Fico: il primo ministro slovacco accusa l’opposizione di “odio” per la sparatoria

Robert Fico: il primo ministro slovacco accusa l’opposizione di “odio” per la sparatoria
Commenta la foto, Robert Fico ha rilasciato la sua prima dichiarazione dopo l’attentato in un video su Facebook

  • autore, RobCameron
  • Ruolo, Praga

Tre settimane dopo essere stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella Slovacchia centrale, Robert Fico è tornato prepotentemente alla vita politica, alla vigilia delle elezioni europee.

In un video su Facebook apparentemente registrato nella sua casa a Bratislava, il primo ministro slovacco ha accusato l’opposizione liberale slovacca, i “media antigovernativi” e le ONG finanziate dall’estero di aver creato un clima di odio e intolleranza che ha portato alla sparatoria. Forse.

Il signor Fico, che è stato gravemente ferito il 15 maggio dopo essere stato colpito più volte all’addome, ha detto di aver perdonato il suo aggressore – identificato dai pubblici ministeri come Juraj C, 71 anni – e di non nutrire alcun odio nei suoi confronti.

Ma ha detto che il suo aggressore era un “attivista dell’opposizione slovacca”.

Fico ha detto che l’uomo, che rischia una lunga pena detentiva per tentato omicidio, era un “messaggero del male e dell’odio politico” fomentato dall’opposizione “infruttuosa e demoralizzante” in Slovacchia.

I partiti dell’opposizione – in particolare il Partito liberale progressista slovacco, vicino al partito populista di sinistra Smer di Fico in vista delle elezioni per il Parlamento europeo – hanno condannato la sparatoria e respinto categoricamente ogni legame con l’aggressore.

Fico, che è stato primo ministro per più di 10 degli ultimi 18 anni, è tornato al potere lo scorso ottobre a capo di una coalizione populista nazionalista.

Commenta la foto, Il sospettato della sparatoria di Fico è stato arrestato dopo l’incidente avvenuto nella città di Handlova il 15 maggio.

In un video apparentemente registrato nel corridoio di una stazione di polizia poche ore dopo l’attacco nella città centrale di Handlova, il sospettato – descritto come poeta e scrittore – ha affermato che il suo movente era quello di opporsi alle politiche di Fico, inclusa l’abolizione delle istituzioni pubbliche. L’emittente RTVS.

Sono emersi anche filmati che lo mostrano durante diverse manifestazioni antigovernative.

Tuttavia, vecchi video mostravano l’uomo mentre parlava a una riunione di un’organizzazione paramilitare slovacca di estrema destra, quindi c’è una continua confusione sulle sue convinzioni politiche.

Il signor Fico, che aveva un bell’aspetto e indossava una camicia a quadri bianca e blu, ha detto che se tutto andrà bene, potrà tornare al lavoro alla fine di giugno.

Ha fatto appello ai “media antigovernativi” – in particolare quelli che secondo lui erano di proprietà di società legate al filantropo americano George Soros così come alle ONG finanziate dall’estero e dell’opposizione – di non minimizzare le ragioni del tentativo di omicidio.

Ha detto di aver avvertito mesi fa che la possibilità di un attacco contro un funzionario governativo era “quasi certa”.

Ha detto che l’attacco è avvenuto in un clima in cui l’opposizione stava sfruttando il fatto che l’Occidente collettivo stava cercando di imporre “una politica estera accettabile”, soprattutto nei confronti dell’Ucraina, e stava trattando duramente i piccoli paesi che stavano cercando di imporre un blocco sui piccoli paesi. Intraprendere un proprio percorso sovrano.

Ha detto che gli “eccessi violenti o odiosi” dell’opposizione contro il governo democraticamente eletto sono stati accolti con il silenzio dalle organizzazioni internazionali, semplicemente perché le opinioni dell’opposizione erano in linea con la politica occidentale sull’Ucraina.

Ha aggiunto che questa era l’atmosfera in cui è avvenuto l’attentato.

“Dovrei essere pieno di rabbia, odio e vendetta”, ha detto Fico.

“[But] “Vorrei esprimere la mia convinzione che tutto il dolore che ho passato e che continuo a provare sarà di beneficio”.