Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Camera dei Rappresentanti vota a favore dell’imposizione di sanzioni alla Corte penale internazionale su possibili mandati di arresto per funzionari israeliani

La Camera dei Rappresentanti vota a favore dell’imposizione di sanzioni alla Corte penale internazionale su possibili mandati di arresto per funzionari israeliani

Washington La Camera dei Rappresentanti ha approvato un disegno di legge sostenuto dai repubblicani che punirebbe la Corte penale internazionale per la sua decisione Cercando l’arresto di alti funzionari israelianiTra loro c’è il primo ministro Benjamin Netanyahu.

Il disegno di legge è passato alla Camera con un voto di 247 contro 155. Quarantadue democratici si sono uniti a 205 repubblicani per votare a favore, mettendo in luce le divisioni democratiche sulla guerra a Gaza. Hanno votato due repubblicani presenti.

“La Corte penale internazionale deve essere sanzionata per questa azione”, ha detto martedì il presidente della Camera Mike Johnson, un repubblicano della Louisiana. “Non possiamo permettere che tutto ciò continui.”

IL legislazione, introdotto dal deputato repubblicano Chip Roy del Texas e co-sponsorizzato da più di 70 repubblicani, punirebbe coloro che sono coinvolti in “qualsiasi tentativo di indagare, arrestare, detenere o perseguire qualsiasi persona protetta dagli Stati Uniti e dai suoi alleati”. Le sanzioni includono la revoca dei visti statunitensi detenuti dai funzionari dell’ICC, il blocco del loro ingresso negli Stati Uniti e il divieto di condurre transazioni immobiliari.

Il deputato Pete Aguilar della California, che presiede l’House Democratic Caucus, ha affermato che i membri del suo partito sostengono ancora la risoluzione. IsraeleNonostante la loro opposizione a questa misura.

“Il rapporto tra Stati Uniti e Israele è forte”, ha detto ai giornalisti martedì. “Continueremo a essere un forte alleato di Israele”.

Inizialmente si prevedeva che gli sforzi per sanzionare la Corte penale internazionale fossero bipartisan dopo che repubblicani e democratici avevano espresso indignazione quando il procuratore capo della corte aveva presentato una richiesta per emettere mandati di arresto per Netanyahu e il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant per presunti crimini di guerra a Gaza. La Procura sta anche cercando di emettere mandati di arresto contro i leader di Hamas.

Ma poi la Casa Bianca Critiche alla Corte penale internazionaleHa detto che non avrebbe sostenuto la misura. In una dichiarazione di lunedì, la Casa Bianca ha affermato di “opporsi fermamente” alla legislazione, sostenendo che è troppo ampia.

“Questa legislazione richiederebbe sanzioni contro il personale giudiziario, i giudici, i testimoni e gli alleati e partner degli Stati Uniti che forniscono un sostegno limitato e mirato alla corte in una serie di aspetti del suo lavoro”, ha affermato la Casa Bianca, anche se si è fermata prima di una minaccia. . Potere di veto se il provvedimento arriva sulla scrivania del presidente.

I Democratici alla Camera hanno avanzato argomentazioni simili martedì durante il dibattito sul disegno di legge.

Il deputato Gregory Meeks, un democratico di New York, ha affermato che la misura è “controproducente” per gli interessi degli Stati Uniti e mina la sua leadership all’estero.

“La punizione della corte e di tutti coloro che la sostengono si ritorcerà contro di noi”, ha detto Meeks, il massimo democratico della commissione per gli affari esteri della Camera.

Il deputato Michael McCaul del Texas, presidente repubblicano della commissione per gli affari esteri della Camera, ha affermato che le azioni della Corte penale internazionale contro Israele “hanno indebolito la reputazione della corte” mettendo “la politica al di sopra della giustizia”.

Ha aggiunto: “Oggi tocca a Israele”. “Domani potrebbero toccare agli Stati Uniti e dobbiamo punire coloro che abusano deliberatamente del loro potere per interessi politici”, ha aggiunto.

È probabile che il Senato, controllato dai democratici, ignori la misura.

Il leader della minoranza alla Camera Hakeem Jeffries, un democratico di New York, ha affermato che il suo partito rimane disposto a impegnarsi con i repubblicani per trovare una soluzione bipartisan alla “CPI in fuga” che non metta a repentaglio la diplomazia americana con i suoi alleati che sono membri della magistratura.

Christine Brown ha contribuito al reporting.

READ  Papa Francesco: la guerra in Ucraina 'potrebbe essere stata in qualche modo provocata' | Papa Francesco