Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kristen Stewart posa sulla copertina della rivista Rolling Stone al Festival del cinema di Berlino

Kristen Stewart posa sulla copertina della rivista Rolling Stone al Festival del cinema di Berlino

Kristen Stewart ha difeso Il suo ultimo Rolling Stone Riprese di copertina Lei ha respinto la polemica sulle foto domenica al Festival di Berlino, dove è stato proiettato il suo nuovo film L'amore giace sanguinante Controllato.

“Avere un corpo femminile che ti impone qualsiasi tipo di sessualità che non sia progettata esclusivamente per uomini eterosessuali è qualcosa con cui le persone si sentono a disagio e quindi ne sono davvero felice”, ha detto Stewart delle foto che accompagnano la nostra storia di copertina. (attraverso Reporter di Hollywood).

“Va bene prendere immagini diverse e mescolarle in un modo a cui le persone non sono abituate e non vogliono andare, e anche questo va bene.”

C'è stato, prevedibilmente, un crollo di destra sulle immagini dopo che la copertina è stata rivelata all'inizio di questa settimana, con sia Stewart che Rolling Stone È accusato di promuovere “un’ideologia queer e non binaria”.

Comune

Al Festival del cinema di Berlino, Stewart ha sostenuto le foto scattate da Collier Schorr e ha respinto il clamore che avevano suscitato negli ambienti di destra. “In effetti, è così diffuso e onnipresente e viene negato ed è pazzesco che non ci siano più foto come questa”, ha detto Stewart. “Ho adorato l'opportunità.”

Adesivo di YouTube

Ha aggiunto: “L’era dei film queer, che si limitavano chiaramente a questo, è finita. Implementato. Forse accadrà, ma penso che le cose si stiano evolvendo e andando avanti. È così radicato nel modo in cui tutti andiamo avanti. “Non si tratta di fare[film]sul motivo per cui sono emarginati, ma sulle esperienze reali delle persone, cosa gli piace, quali sono i loro desideri, da dove vengono, dove vogliono andare e sì, non sentirsi sempre come te. devo salire su quel maledetto podio ed essere il portavoce di tutti.”

READ  Richard Simmons rompe il silenzio, pubblica una lettera ai fan sulla scia del documentario TMZ