Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kyrie Irving rifiuta di scusarsi per aver pubblicato un film antisemita, nonostante i desideri del commissario Adam Silver

Kyrie Irving rifiuta di scusarsi per aver pubblicato un film antisemita, nonostante i desideri del commissario Adam Silver

[EDITOR’S NOTE: The Brooklyn Nets suspended Kyrie Irving for a minimum of five games without pay on Thursday night. Hours later, Irving issued an apology on Instagram. Articles by CBS Sports NBA writer Brad Botkin and CBS Sports columnist Bill Reiter were filed early Friday morning. This story reflects the actions and statements that were made by Irving and others between Oct. 27 and Thursday afternoon.]

New York – Meno di 40 minuti dopo che la National Basketball Association ha rilasciato una dichiarazione del commissario Adam Silver in cui esprimeva disappunto per il fatto che Kyrie Irving non si fosse scusata per aver pubblicato un film pieno di “materiale antisemita aggressivo” e “contenuti vili e dannosi”. Reti di Brooklyn La guardia si rifiutò di nuovo di dire che gli dispiaceva.

Irving ha pubblicato giovedì scorso il link a “Hebrews to Negroes: Awaken Black America”. Una settimana dopo, gli è stato chiesto se fosse dispiaciuto per il danno che il suo post aveva causato alle persone, ha detto: “Mi prendo la responsabilità di pubblicarlo. Alcune delle cose che erano discutibili lì, non sono vere. Come ho detto la prima volta quando i ragazzi mi chiedevano quando ero seduto su quel podio, non credo che tutto quello che tutti pubblichino. È un documentario, quindi mi prendo le mie responsabilità”.

Domanda successiva alla luce del comunicato stampa della lega: la sua dichiarazione congiunta con Nets e Anti-Defamation League è stata una scusa o no?

“Non volevo causare alcun danno”, ha detto Irving. “Non sono io quello che ha fatto un documentario.”

READ  Gli angeli hanno inserito Jared Walsh nella lista degli infetti da 60 giorni

Quando gli è stato chiesto direttamente se avesse convinzioni antisemite, Irving ha detto: “Ancora una volta, ripeto che non so come l’etichetta sia giustificata perché voi ragazzi mi fate le stesse domande più e più volte. Ma questo non vincerà ‘ Si trasformerà in un ciclo di domande attorno alle domande. “Vi ho detto ragazzi come mi sentivo. Rispetto tutti i ceti sociali e abbraccio tutti i ceti sociali. È qui che mi siedo”.

Spinto per una risposta sì o no, Irving ha detto: “Non potrei essere un antisemita se sapessi da dove vengo”. Alla domanda di maggiori dettagli, ha ripetuto: “Non posso essere un antisemita se sapessi da dove vengo”.

Irving non ha risposto direttamente se fosse sorpreso dal fatto che le persone fossero state infettate attraverso i suoi post sui social media. “Penso di poter fare una domanda migliore”, ha detto. “Dov’eri tu da bambino che hai scoperto che 300 milioni dei miei nonni sono stati sepolti in America? Dove stavi facendo le stesse domande di un bambino alle prese con l’apprendimento degli eventi traumatici della mia storia familiare? Sono orgoglioso della mia venuta”.

Più tardi nella stessa risposta, Irving ha detto: “Non sono qui per confrontare le atrocità di nessuno. O i tragici eventi che le loro famiglie hanno affrontato nel corso di generazioni di tempo. Sono qui solo per continuare a esporre le cose che il nostro mondo continua a mettere nell’oscurità . Sono un faro. Sono un faro di luce Questo è quello che sono qui per fare. Voi ragazzi mi fate domande sul basket, e io vi do la mia opinione da esperto. Voi ragazzi mi chiedete di altre cose, io vi do la mia opinione e questo significa che qualunque cosa tu pensi sia una percezione o una bufala”.

Irving che da allora non ha più parlato con i giornalisti Entra in una lite con uno per uno Contro gli Indiana Pacers il 29 ottobre, si sentiva “qui a rispondere alle domande se mi dispiace o meno per qualcosa che non ho creato, ed era qualcosa che ho condiviso, e sto dicendo a tutti che mi sto prendendo la responsabilità. ”

Il film pubblicato da Irving è pieno di metafore antisemite, inclusa una citazione falsa che dice: “Gli ebrei hanno stabilito cinque grandi bugie che servono a nascondere la loro natura e proteggere la loro posizione e potere”, incluso “l’omicidio di 6 milioni di persone nell’Olocausto durante la seconda guerra mondiale”.

“Queste bugie sono sfortunate”, ha detto Irving. “E non è che io non creda nell’Olocausto. Non l’ho mai detto. Non l’ho mai detto. Non è mai uscito dalla mia bocca. Non l’ho mai twittato. Non mi è mai piaciuto niente del genere. L’Olocausto in sé è stato un evento che ha significato qualcosa per un folto gruppo di persone che ha subito qualcosa che avrebbe potuto essere evitato.” “.

Irving non ha deplorato del tutto il film, affermando: “Potrebbe esserci delle sfortunate bugie”. Alla domanda su cosa esattamente il film non credesse, ha detto: “Penso che alcune critiche alla fede e alla società ebraiche, certo. Alcuni dei punti erano sfortunati”.

Prima che fosse emessa la dichiarazione congiunta, Il Notizie quotidiane di New YorkLo ha riferito Stephen Bundy Che Irving abbia mandato suo padre e la matrigna/agente a incontrare la Lega anti-diffamazione. Alla domanda se avesse incontrato di persona l’ADL, Irving ha detto: “Mi è stato detto che volevano un incontro e l’abbiamo affrontato”.

Quindi, un dipendente di Nets ha interrotto la discussione sui media e Irving si è voltato, ignorando un giornalista che chiedeva chiarimenti.