Giugno 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Cina si oppone alla nuova indagine europea sulle turbine eoliche e al rapporto che denuncia “distorsioni nell'economia”

La Cina si oppone alla nuova indagine europea sulle turbine eoliche e al rapporto che denuncia “distorsioni nell'economia”

Pechino ha espresso una forte opposizione al piano della Commissione europea di indagare sulle turbine eoliche cinesi per i sussidi statali e ha denunciato un rapporto di Bruxelles in cui si denunciano “distorsioni nell'economia” – sviluppi che dovrebbero mettere a dura prova le relazioni bilaterali ma che non dissuaderanno la Cina a lungo termine. termine. .

La vicepresidente esecutiva della Commissione europea Margrethe Vestager ha dichiarato martedì, durante un discorso negli Stati Uniti, che la sua agenzia, un ente operativo per l'Unione europea a 27 nazioni, intende condurre un'indagine sui sussidi per la produzione di turbine eoliche. In Cina, secondo il sito web del comitato.

Mercoledì, il direttore della Commissione per la difesa commerciale Martin Lucas ha dichiarato su LinkedIn che la sua agenzia aveva pubblicato un rapporto aggiornato sulle “significative distorsioni nell’economia indotte dallo stato” in Cina.

L'agenzia di stampa ufficiale cinese Xinhua ha detto che un funzionario del Ministero del Commercio cinese ha incontrato Lucas lo stesso giorno a Bruxelles per confutare l'indagine e il rapporto pianificati.

Il ministro degli Esteri cinese Li Qiang ha respinto le preoccupazioni per un “eccesso di capacità” nei suoi colloqui con Janet Yellen

La Commissione Europea ha anche avviato un’indagine sulle auto elettriche e sui pannelli solari cinesi Lista di sostegno stranieroentrato in vigore a luglio.

“La Cina ritiene che le indagini sulla regolamentazione delle sovvenzioni estere avviate finora dall'UE… non solo abbiano seriamente danneggiato la fiducia delle imprese cinesi negli investimenti e nel commercio in Europa, ma abbiano anche interferito con la cooperazione industriale reciprocamente vantaggiosa tra Cina ed Europa”, ha affermato ha detto il ministero. Lo ha affermato mercoledì il commercio in un comunicato.

READ  Il tuo barbecue del Memorial Day ti costerà molto quest'anno

“IL [investigations] Avrà anche un impatto sulla risposta globale agli sforzi legati al cambiamento climatico e al processo di transizione verde.

Nel suo discorso di martedì, Vestager ha detto che la commissione esaminerà i fornitori cinesi di turbine eoliche e le “condizioni per lo sviluppo di parchi eolici” in Bulgaria, Francia, Grecia, Romania e Spagna.

Il sussidio abbasserebbe i prezzi unitari, rendendo i beni più competitivi sui mercati esteri come l’Europa.

12:53

“Running the corner”: come l'industria cinese delle auto elettriche è riuscita a dominare il mercato globale

“Running the corner”: come l'industria cinese delle auto elettriche è riuscita a dominare il mercato globale

Sempre martedì, la commissione ha annunciato una sentenza preliminare antidumping sugli esteri alchilfosfatici prodotti in Cina e ha imposto una tassa del 45,1% sulle plastiche resistenti al fuoco.

I leader europei erano già preoccupati per le barriere cinesi all’accesso al mercato e per gli squilibri commerciali. Il deficit commerciale di beni tra l’UE e la Cina ha raggiunto i 291 miliardi di euro (312,6 miliardi di dollari USA) lo scorso anno, quando la Cina era la principale fonte di importazioni dell’UE con il 20,5% del totale.

La Cina è il più grande produttore mondiale di energia eolica e sta esportando turbine per smorzare la domanda globale di energia pulita, mentre l’industria nazionale dell’energia pulita si trova ad affrontare un eccesso di capacità.

Il prezzo delle turbine cinesi è di circa Un quinto in meno Di prodotti americani ed europei, ha scoperto il servizio di ricerca BloombergNEF.

Analisti: le indagini sulle turbine eoliche cinesi potrebbero danneggiare i progetti di energia pulita nell’Unione europea

Un documento di lavoro di 700 pagine dello staff della Commissione europea sulle “distorsioni” economiche della Cina aggiorna il rapporto del 2017 riassumendo le recenti politiche e leggi industriali cinesi. Il contenuto ha lo scopo di guidare eventuali indagini antidumping se i prezzi e i costi sono “influenzati da significative distorsioni indotte dallo stato”, ha affermato Lucas su LinkedIn.

READ  Nissan sta richiamando più di 236.000 veicoli per risolvere un problema che potrebbe causare la perdita del controllo dello sterzo

Dopo l'incontro con Lucas a Bruxelles, la dichiarazione del Ministero del Commercio afferma: “L'UE ha aggiornato il suo rapporto pertinente e ancora una volta ha distorto le politiche, l'ambiente di mercato e il sistema economico della Cina, creando scuse per le successive pratiche antidumping discriminatorie”.

Ha aggiunto: “La Cina esprime profonda preoccupazione e forte opposizione”.

Giovedì le critiche sono continuate, con il portavoce del ministero He Yadong che ha affermato che l'indagine dell'UE sulle turbine eoliche cinesi “viola chiaramente i principi del libero scambio e interrompe gravemente la normale cooperazione industriale bilaterale”.

“Si tratta di una tipica politica protezionistica, che assesterà un duro colpo alla risposta globale al cambiamento climatico e alla transizione verde”, ha affermato, aggiungendo che la decisione danneggerà la fiducia delle multinazionali nell'UE e “indebolirà la fiducia reciproca tra Cina e Unione Europea.” .

Gli analisti si aspettano che la Cina probabilmente reagirà di più, anche se con cautela, per evitare di perdere troppi scambi commerciali con l’Europa.

Nick Marrow, analista senior del commercio globale presso l’Economist Intelligence Unit, ha affermato che, sebbene le soluzioni siano difficili nel breve termine, la Cina “non metterà in ginocchio queste misure europee”. Ha indicato l'indagine cinese sui sussidi al brandy francese, annunciata a gennaio, come esempio delle possibili risposte della Cina in futuro.

Ma ha detto che è improbabile che la Cina colpisca a meno che non sia una risposta diretta alle provocazioni, perché è “interessata alla stabilità delle sue relazioni con l’Europa”.

Le aziende cinesi potrebbero anche raddoppiare le spedizioni di merci in Europa da paesi terzi se l’UE e la Cina non riescono a seppellire le loro differenze, ha affermato Song Seng Won, consulente economico presso la società di servizi finanziari CGS di Singapore.

READ  Le compagnie aeree stanno affrontando importanti sfide di cambio prenotazione quest'estate

Possono spedire in Europa dal Vietnam o da altri paesi in via di sviluppo, proprio come ora esportano dal Messico agli Stati Uniti, ha detto Song.

“La Cina può giocare sul lungo termine”, ha aggiunto. “Possono costruire anche quella scala.”