Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Google licenzia 28 dipendenti che avevano partecipato ad un sit-in per protestare contro un contratto da 1,2 miliardi di dollari con Israele.

Google licenzia 28 dipendenti che avevano partecipato ad un sit-in per protestare contro un contratto da 1,2 miliardi di dollari con Israele.

Il Washington Post ha appreso che Google ha licenziato 28 dipendenti per aver partecipato a un sit-in di 10 ore negli uffici del colosso della ricerca a New York e Sunnyvale, in California, per protestare contro i legami commerciali dell'azienda con il governo israeliano.

Le dipendenti donne filo-palestinesi – che martedì scorso indossavano un tradizionale hijab arabo mentre facevano irruzione e occupavano l'ufficio di un alto dirigente in California – sono state licenziate mercoledì scorso dopo un'indagine interna, ha detto in un comunicato Chris Racco, vicepresidente della sicurezza globale di Google. nota a livello aziendale. .

“Hanno preso il controllo degli uffici, hanno deturpato la nostra proprietà e hanno ostacolato fisicamente il lavoro di altri dipendenti di Google”, ha scritto Racco nella nota ottenuta da The Post. “Il loro comportamento era inaccettabile, estremamente distruttivo e faceva sentire i colleghi minacciati.”

A New York, i manifestanti hanno occupato il 10° piano degli uffici di Google nel quartiere Chelsea di Manhattan nell'ambito di una protesta che si è estesa anche agli uffici della società a Seattle per quella che è stata definita una “Giornata di azione contro il genocidio”.

Un folto gruppo di dipendenti di Google mostra cartelli di protesta contro la partecipazione della propria azienda al Progetto Nimbus. X/@NoTechAparttheid

“Tale comportamento non ha posto nel nostro posto di lavoro e non lo tollereremo”, ha scritto Racco. “Viola chiaramente numerose politiche alle quali tutti i dipendenti devono attenersi, tra cui il nostro Codice di condotta, la nostra Politica su molestie, discriminazioni e ritorsioni e i nostri standard di condotta e preoccupazioni sul posto di lavoro”.

Rakow ha aggiunto che la società “prende sul serio la questione e continueremo a far rispettare le nostre politiche di lunga data per agire contro comportamenti distruttivi, incluso il licenziamento”.

I dipendenti licenziati appartenevano a un gruppo chiamato No Tech For Apartheid, che criticava la risposta di Google alla guerra tra Israele e Hamas.

READ  Ottobre Commercio al dettaglio, produzione industriale, immobilizzazioni e occupazione

Il gruppo ha pubblicato diversi video e live streaming delle proteste sul suo account X, incluso il momento in cui i dipendenti hanno ricevuto l'ultimo avvertimento e sono stati arrestati dalla polizia locale per violazione di domicilio.

I manifestanti hanno chiesto a Google di ritirarsi dal contratto da 1,2 miliardi di dollari “Project Nimbus”, in base al quale Google Cloud e Amazon Web Services forniscono servizi di cloud computing e intelligenza artificiale al governo e all’esercito israeliani.

I dipendenti indisciplinati sono stati licenziati mercoledì tardi. twitch/notech4apartheid

I critici dell'azienda hanno sollevato il timore che questa tecnologia venga utilizzata come arma contro i palestinesi di Gaza.

I lavoratori interessati hanno criticato Google per i licenziamenti in una dichiarazione condivisa dalla portavoce di No Tech For Apartheid Jane Chung.

“Questa sera, Google ha licenziato in modo casuale 28 lavoratori, compresi quelli che non avevano partecipato direttamente allo storico sit-in di protesta di 10 ore di ieri”, hanno detto i lavoratori nella nota.

“Questo palese atto di ritorsione è un chiaro segnale che Google apprezza il suo contratto da 1,2 miliardi di dollari con il governo e l’esercito israeliano genocida più dei suoi dipendenti, quelli che creano valore reale per i suoi dirigenti e azionisti”.

Alcuni di loro indossavano il tradizionale hijab arabo mentre facevano irruzione e occupavano l'ufficio di un alto dirigente della California. twitch/notech4apartheid

“Sundar Pichai e Thomas Kurian sono i beneficiari del genocidio”, aggiunge la dichiarazione, riferendosi rispettivamente al CEO di Google e al CEO della sua unità cloud.

“Non riusciamo a capire come questi uomini possano dormire la notte quando le loro tecniche hanno consentito di uccidere, denunciare dispersi o feriti 100.000 palestinesi negli ultimi sei mesi del genocidio israeliano – e oltre”.

Un portavoce della polizia di New York ha detto che la protesta di martedì “ha coinvolto circa 50 partecipanti” e ha confermato che “quattro sono stati arrestati per violazione di domicilio all'interno dell'edificio di Google”.

Il Dipartimento di Pubblica Sicurezza di Sunnyvale ha affermato che la protesta in California “ha coinvolto circa 80 partecipanti”. Un portavoce dell'azienda ha aggiunto che cinque manifestanti che si erano rifiutati di lasciare l'ufficio di Google “sono stati arrestati senza incidenti con l'accusa di violazione di domicilio”, sono stati fermati e rilasciati.

READ  GM critica il discorso della UAW nel sesto giorno di sciopero

Non è stato immediatamente possibile sapere se tutti e nove i dipendenti arrestati fossero tra quelli licenziati. Google aveva precedentemente messo i dipendenti in congedo amministrativo e interrotto il loro accesso ai sistemi interni.

Quando è stato raggiunto per un commento, un portavoce di Google ha confermato il licenziamento. X/@NoTechAparttheid

Il mese scorso, Google ha licenziato un ingegnere del software che aveva criticato pubblicamente uno dei dirigenti della società con sede in Israele durante una conferenza tecnologica a New York City.

Quando è stato raggiunto per un commento, un portavoce di Google ha confermato il licenziamento.

“Queste proteste facevano parte di una campagna a lungo termine da parte di un gruppo di organizzazioni e persone che in gran parte non lavorano in Google”, ha detto il portavoce in una nota.

“Queste proteste facevano parte di una campagna a lungo termine da parte di un gruppo di organizzazioni e persone che in gran parte non lavorano in Google”, ha detto il portavoce in una nota. X/@NoTechAparttheid

“Un piccolo numero di manifestanti è entrato nei dipendenti e ha distrutto alcune delle nostre sedi. Ostruire fisicamente altri dipendenti e negare loro l'accesso alle nostre strutture rappresenta una chiara violazione delle nostre politiche e un comportamento del tutto inaccettabile.

“Abbiamo ora completato le indagini individuali che hanno portato alla cessazione del rapporto di lavoro di 28 dipendenti e continueremo a indagare e ad agire secondo necessità”, ha aggiunto il portavoce.

I manifestanti hanno preso d'assalto l'ufficio personale del CEO di Google Cloud Thomas Kurian a Sunnyvale.

La maglia dei Golden State Warriors incorniciata e realizzata su misura da Kurian era visibile sul muro dell'ufficio sullo sfondo della trasmissione in diretta e i dipendenti hanno scritto un elenco delle loro richieste su una lavagna.

I critici dell'azienda hanno sollevato il timore che questa tecnologia venga utilizzata come arma contro i palestinesi di Gaza. X/@NoTechAparttheid

Di seguito è possibile leggere integralmente la nota aziendale.

dipendenti di Google,

Potresti aver visto notizie di proteste in alcuni dei nostri uffici ieri. Sfortunatamente, diversi dipendenti hanno portato l'evento nei nostri edifici di New York e Sunnyvale. Hanno preso possesso di uffici, hanno deturpato la nostra proprietà e hanno interrotto fisicamente il lavoro di altri dipendenti di Google. Il loro comportamento era inaccettabile, estremamente inquietante e faceva sentire i colleghi minacciati. Abbiamo messo sotto indagine i dipendenti coinvolti e bloccato il loro accesso ai nostri sistemi. Coloro che si sono rifiutati di andarsene sono stati arrestati dalle forze dell’ordine e allontanati dai nostri uffici.

A seguito di un'indagine, oggi abbiamo posto fine al rapporto di lavoro con ventotto dipendenti risultati coinvolti. Continueremo a indagare e ad adottare le azioni necessarie.

Tale comportamento non è ammesso nel nostro posto di lavoro e non lo tollereremo. Viola chiaramente numerose politiche alle quali tutti i dipendenti devono attenersi, tra cui il Codice di condotta, la Politica su molestie, discriminazioni e ritorsioni e gli standard di condotta e preoccupazioni sul posto di lavoro.

Siamo un luogo di lavoro e ci si aspetta che ogni Googler legga le nostre politiche e le applichi al modo in cui si comporta e comunica sul nostro posto di lavoro. La stragrande maggioranza dei nostri dipendenti fa la cosa giusta. Se sei uno dei pochi che tende a pensare che ignoreremo i comportamenti che violano le nostre politiche, ripensaci. L'azienda prende sul serio la questione e continueremo ad applicare le nostre politiche di lunga data per agire contro comportamenti disturbanti, compreso il licenziamento.

Dovresti aspettarti di sentire di più dai leader sugli standard di comportamento e di discorso sul posto di lavoro.

Chris