Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La domanda di mutui è in calo del 29% rispetto allo scorso anno poiché i tassi rimangono al 6%

Con l’aumento dei tassi di interesse, la domanda di mutui non ha altro da fare che scendere.

Secondo l’indice destagionalizzato della Mortgage Bankers Association, il volume delle domande è sceso dell’1,2% la scorsa settimana rispetto alla settimana precedente. I risultati della settimana includono aggiustamenti per osservare la festa del lavoro. Dall’anno scorso, la domanda di mutui da parte degli acquirenti di case è diminuita di quasi un terzo.

I tassi ipotecari, leggermente allentati a luglio e agosto, sono rimbalzati dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha chiarito agli investitori che la banca centrale sarebbe stata dura sull’inflazione.

Il tasso di interesse medio del contratto per i mutui a tasso fisso a 30 anni è aumentato dal 5,94% al 6,01% per i pagamenti ($ 647.200 o meno).

“Il tasso ipotecario fisso a 30 anni ha raggiunto il 6% per la prima volta dal 2008, salendo al 6,01%, più del doppio rispetto a un anno fa”, ha affermato Joel Kahn, vicepresidente associato dell’MBA per le previsioni economiche e di settore. .

La domanda di rifinanziamento è scesa di un altro 4% per la settimana ed è stata inferiore dell’83% rispetto alla stessa settimana di un anno fa. Secondo Black Knight, fornitore di tecnologia ipotecaria e fornitore di dati, solo circa 452.000 mutuatari con tassi superiori al 6% potrebbero beneficiare del rifinanziamento. Questo è il numero più basso. Questi pochi candidati rimanenti possono risparmiare solo $ 315 al mese per il mutuatario.

Le richieste di mutuo per l’acquisto di una casa hanno guadagnato lo 0,2% rispetto alla settimana precedente, ma sono diminuite del 29% rispetto alla stessa settimana dell’anno scorso. La domanda è aumentata per Veterans Affairs e prestiti USDA, che sono favoriti dagli acquirenti per la prima volta perché possono permettersi acconti bassi o nulli.

READ  La FIFA dà il nome alle città dei Mondiali 2026: annunci in diretta

“Lo spread tra il tasso ipotecario fisso a 30 anni e i prestiti ARM e jumbo si è ampliato rispettivamente di 118 e 45 punti base, la scorsa settimana. L’ampio spread sottolinea la volatilità nei mercati dei capitali a causa dell’incertezza sulle prossime mosse politiche della Fed”, Kahn aggiunto. detto.

I tassi ipotecari sono aumentati in modo significativo questa settimana dopo che l’inflazione mensile è risultata superiore alle attese. Gli investitori erano preoccupati che la Federal Reserve avrebbe aumentato i tassi più del previsto nella sua prossima riunione.

“È stata una delle ultime scarpe a cadere prima dell’annuncio della Fed il 21 settembre, ed è arrivata in un momento in cui il mercato aveva completamente quotato un aumento di 75 punti base, ma era disposto a considerare qualcosa di molto più alto se i dati fossero credibili”. Matthew Graham, direttore operativo di Mortgage News Daily, ha scritto. “Questo è stato sufficiente per la banca centrale per almeno aprire la conversazione”.