Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La giornalista russa sfuggita agli arresti domiciliari afferma di essere innocente

La giornalista russa sfuggita agli arresti domiciliari afferma di essere innocente
  • La giornalista conferma di aver superato gli arresti domiciliari
  • Ovsyannikova sfida ancora Putin in un nuovo video

(Reuters) – Marina Ovsianikova, la giornalista televisiva russa accusata di aver diffuso notizie false dopo aver orchestrato una serie di proteste solitarie contro la guerra in Ucraina, ha dichiarato mercoledì di essere fuggita agli arresti domiciliari perché non aveva motivo di rispondere.

“Mi considero completamente innocente e, poiché il nostro stato si rifiuta di rispettare le sue leggi, mi rifiuto di rispettare le misure restrittive impostemi a partire dal 30 settembre 2022 e di liberarmene”, ha detto.

In un video pubblicato su Telegram, si è seduta su un divano rosa e si è rivolta al servizio carcerario federale russo, criticando il presidente Vladimir Putin per la guerra.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Putin tag come questo”, ha detto, indicando quello che sembrava essere un braccialetto elettronico alla caviglia.

Il suo avvocato, Dmitry Zakvatov, ha detto che avrebbe dovuto partecipare all’udienza del tribunale alle 10:00 ora di Mosca (0700 GMT), ma si è tenuta in contumacia perché gli investigatori non sono riusciti a localizzarla.

Ha detto a Reuters che le autorità non sapevano dove si trovasse e che sarebbe stata incarcerata se arrestata.

“Ma speriamo che non accada”, ha detto.

Ovsyannikova ha catturato l’attenzione del mondo a marzo uscendo davanti alle telecamere dello studio durante il telegiornale serale trasmesso dalla televisione di stato con uno striscione che diceva “Ferma la guerra” e “Ti stanno mentendo”.

Il Cremlino all’epoca denunciò la sua azione di protesta come una “rivolta”. Leggi di più

READ  Terremoto in Indonesia: la ricerca è in corso poiché un terremoto di magnitudo 5,6 lascia più di 200 morti a West Java

La 44enne è stata posta agli arresti domiciliari per due mesi ad agosto per una protesta di luglio, quando si trovava sulla riva di un fiume di fronte al Cremlino e mostrava un poster che chiamava Putin l’assassino ei suoi soldati fascisti. Leggi di più

Rischia fino a 10 anni di carcere se condannata per aver diffuso notizie false sulle forze armate russe.

I suoi arresti domiciliari sarebbero dovuti durare fino al 9 ottobre, ma l’agenzia di stampa statale Russia Today ha riferito sabato che era fuggita con la figlia di 11 anni e non si sapeva dove si trovasse. Non è ancora chiaro come se ne sia andata e dove sia andata.

La Russia ha approvato nuove leggi contro la diffamazione o la diffusione di “false informazioni deliberate” sulle forze armate il 4 marzo, otto giorni dopo l’invasione dell’Ucraina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Riferisce Caleb Davis). Montaggio di Mark Trevelyan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.