Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra di Israele a Gaza: le immagini satellitari mostrano lavori di costruzione al confine egiziano

La guerra di Israele a Gaza: le immagini satellitari mostrano lavori di costruzione al confine egiziano
  • Di Alice Davies e Paul Adams, corrispondente diplomatico
  • notizie della BBC

Fonte immagine, Tecnologie Maxar

Le immagini satellitari sembrano mostrare estesi lavori di costruzione in corso lungo il confine egiziano con Gaza, che secondo quanto riferito sarebbero stati effettuati in preparazione per ospitare i rifugiati palestinesi.

Fonti egiziane anonime hanno riferito che sono in corso i lavori per creare una zona cuscinetto isolata contenente una recinzione murata nel governatorato egiziano del Nord Sinai nel caso in cui Israele continui la sua offensiva di terra pianificata nella città di Rafah, situata nell'estremo sud di Gaza.

Secondo un rapporto pubblicato da un gruppo per i diritti umani, nella zona si stanno costruendo muri alti sette metri.

L’Egitto ha pubblicamente negato di aver effettuato tali preparativi.

Il ministro della Difesa Yoav Galant ha anche affermato che Israele “non ha intenzione di evacuare i civili palestinesi in Egitto”.

Dall’inizio della guerra di Gaza in seguito all’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, l’Egitto ha costantemente affermato che non aprirà i suoi confini ai rifugiati.

Ha assunto questa posizione in parte perché non vuole apparire complice dello sfollamento su larga scala dei palestinesi, ma anche per preoccupazioni economiche e di sicurezza.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sembra intenzionato a lanciare una grande offensiva a Rafah, dove vivono circa 1,4 milioni di persone, nonostante gli avvertimenti internazionali.

Israele sostiene che le forze di Hamas sono presenti nella città e devono essere “eliminate”. Si ritiene inoltre che lì siano trattenuti ostaggi israeliani, 130 dei quali risultano ancora dispersi.

Netanyahu ha parlato in modo vago delle “aree che abbiamo ripulito a nord di Rafah”, ma le indicazioni sono che la pianificazione è ancora in una fase iniziale.

All'inizio dell'attacco, Israele aveva precedentemente ordinato ai palestinesi di dirigersi a Rafah mentre i combattimenti continuavano nel nord della Striscia di Gaza.

“Combatteremo fino alla vittoria completa, e ciò include un'azione forte anche a Rafah dopo aver permesso alla popolazione civile di lasciare le aree di combattimento”, ha detto giovedì Netanyahu.

Le ultime immagini satellitari, rilasciate da Maxar Technologies, potrebbero indicare che l'Egitto ha deciso di adottare misure precauzionali a seguito dell'imminente attacco.

In una foto, datata 15 febbraio, vaste aree di terreno vicino al valico di Rafah verso Gaza sembrano essere state bonificate.

I lavori sembrano essere stati completati nei giorni scorsi, come si può vedere confrontando la scena con un'immagine precedente della stessa zona cinque giorni fa.

Il governatore egiziano del Nord Sinai, Mohamed Shousha, ha dichiarato giovedì al canale di notizie saudita Al-Arabiya Al-Hadath che lo scopo dell’attività nella regione è quello di “condurre un inventario delle case” che sono state distrutte durante la passata campagna egiziana contro gli islamisti. Gruppo statale nella regione.

Shousha ha aggiunto che la posizione dell'Egitto è quella di “non consentire lo spostamento forzato dei residenti di Gaza in Egitto”.

Ma le immagini satellitari scattate il 15 febbraio mostrano anche veicoli da cantiere sparsi lungo la strada vicino alla zona di confine sgombrata, alcuni dei quali sembrano stiano erigendo un grande muro.

Fonte immagine, Tecnologie Maxar

Oltre alle immagini satellitari, foto e video dell’area scattati e pubblicati dai membri della Sinai Foundation for Human Rights sembrano mostrare lavori di costruzione in corso.

Il rapporto cita anche una fonte a conoscenza della questione che afferma che la costruzione avrà lo scopo di “accogliere i rifugiati da Gaza in caso di esodo di massa dei residenti della Striscia”.

Giovedì, parlando ai giornalisti stranieri, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha ribadito la questione: “Lo Stato di Israele non ha intenzione di evacuare i civili palestinesi in Egitto.

Ha aggiunto: “Rispettiamo e apprezziamo l'accordo di pace che abbiamo concluso con l'Egitto, poiché è la pietra angolare della stabilità nella regione e un partner importante”.

Israele sa che non può dare l’impressione di espellere i palestinesi dalle loro terre, ma ciò non significa che impedirà alle persone di andarsene se lo desiderano.

Israele non ostacolerà la situazione se l’Egitto sarà disposto ad accogliere circa 100.000 rifugiati (come alcune stime indicano la capacità dell’area recintata in costruzione nel Sinai egiziano).

I funzionari delle Nazioni Unite sono profondamente preoccupati e temono che si stia avvicinando un'evacuazione di massa. “Sembra che si stia andando in questa direzione”, ha detto un funzionario alla BBC, in condizione di anonimato.

Intervenendo all’agenzia di stampa Reuters alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, ha avvertito che l’afflusso di rifugiati da Rafah in Egitto sarebbe “un disastro per i palestinesi… il futuro della pace”.

Circa l'80% della popolazione della Striscia di Gaza discende da rifugiati fuggiti o espulsi dai propri villaggi durante la Guerra d'Indipendenza israeliana.

Lasciare Gaza, l’ultima parte della loro casa ancestrale, sembrerà a molti una ripetizione di ciò che i palestinesi chiamano la “Nakba”, o la catastrofe del 1948.

Anche se il campo profughi dall’altra parte del confine viene descritto come un rifugio temporaneo, è probabile che il senso di shock che accompagna la loro partenza da Gaza sia profondo.

Anche se Israele potrebbe voler presentare questa mossa come una mossa volontaria – in risposta ad un appello egiziano – i palestinesi troveranno difficile vederla come qualcosa di diverso da un’altra espulsione forzata, più di quattro mesi dopo l’attacco israeliano alla Striscia di Gaza.

Il Ministero della Sanità nei territori palestinesi gestiti da Hamas ha riferito che almeno 28.775 persone, soprattutto donne e bambini, sono state uccise a seguito dell’attacco israeliano a Gaza.

Israele è intervenuto dopo che i militanti guidati da Hamas hanno ucciso circa 1.200 persone e preso 253 ostaggi in un attacco a sorpresa sul suo territorio il 7 ottobre.