Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra tra Israele e Hamas: Israele bombarda le aree in cui sono fuggiti gli abitanti di Gaza

La guerra tra Israele e Hamas: Israele bombarda le aree in cui sono fuggiti gli abitanti di Gaza

I lavoratori dell’Asia meridionale si stanno dirigendo verso Israele, il cui bisogno di manodopera è diventato più urgente dopo l’attacco guidato da Hamas in ottobre.

Il governo israeliano ha chiuso i valichi dalla Cisgiordania, privando migliaia di palestinesi di opportunità di lavoro, e molti dei lavoratori stranieri su cui Israele fa affidamento per gestire le sue fattorie e l’industria delle costruzioni se ne sono andati. La maggior parte dei circa 30.000 lavoratori agricoli stranieri in Israele provenivano dalla Tailandia e decine di loro furono rapiti o uccisi il 7 ottobre.

Funzionari dei tre paesi hanno affermato che nelle prossime settimane migliaia di persone dall’India e dallo Sri Lanka saranno inviate in Israele, come parte degli accordi di fornitura di manodopera, principalmente nei settori dell’edilizia, della sanità e dell’agricoltura. Sia l’India che lo Sri Lanka ne soffrono Alto tasso di disoccupazioneI funzionari hanno detto di aver ricevuto migliaia di domande per lavori di costruzione in Israele.

Mukesh Ranjan, un operaio edile nello stato di Haryana, nel nord dell'India, ha affermato che, nonostante i rischi posti dalla guerra a Gaza, lui e dozzine di altri del suo villaggio hanno fatto domanda per lavori di costruzione tramite un'agenzia governativa statale, che ha affermato di aver ricevuto più di 2.500 domande da richiedere.

Il signor Ranjan ha detto che, se selezionato, utilizzerebbe il salario per pagare una migliore istruzione scolastica per le sue due figlie adolescenti e per saldare i debiti contratti a causa delle perdite nella sua fattoria.

“Coglierò questa opportunità”, ha aggiunto.

Il reclutamento fa parte un accordo I media indiani hanno riferito che a maggio è stato firmato un accordo tra India e Israele che concederebbe permessi a 42.000 lavoratori indiani. Saranno circa 34.000 i lavoratori impiegati nell'edilizia e 8.000 nella sanità.

READ  Il vice ministro degli Esteri cinese visita la Corea del Nord nell'ultima diplomazia tra i due paesi

Circa 10.000 lavoratori dello Sri Lanka lavorano in Israele, principalmente come operatori sanitari nel settore sanitario. Bandula Gunawardena, ministro del governo dello Sri Lanka, ha affermato che il paese ha concluso un accordo con Israele a novembre per inviare più lavoratori agricoli e che il primo gruppo del gruppo si era già recato lì.

Funzionari israeliani hanno affermato che il reclutamento nell’Asia meridionale non è finalizzato a colmare il vuoto lasciato dai lavoratori palestinesi, ma fa piuttosto parte del riempimento delle attuali quote di manodopera straniera.

Inbal Mashash, direttore del Dipartimento per i lavoratori stranieri presso l’Autorità israeliana per la popolazione e l’immigrazione, ha affermato che l’economia israeliana è sotto pressione a causa della partenza dei lavoratori stranieri, della chiamata di più soldati di riserva israeliani per il servizio militare e delle restrizioni sui lavoratori stranieri. ingresso dei palestinesi dalla Cisgiordania.

“Non c’è dubbio che l’economia sia in una sorta di crisi in questo momento in termini di forza lavoro”, ha detto.

I rappresentanti della Israel Builders Association, un'organizzazione privata, hanno affermato che stanno selezionando i lavoratori in India per lavori di costruzione e che le selezioni inizieranno presto in Sri Lanka, dove Migliaia si sono fatti avanti.

Shai Posner, vicedirettore dell'associazione edilizia, ha affermato che prima del 7 ottobre, circa 80.000 lavoratori palestinesi erano impiegati nel settore edile in Israele. A loro si sono uniti 18.000 stranieri provenienti dall'Europa dell'Est e dalla Cina, e altri 200.000 israeliani.

Nel complesso, il numero di lavoratori palestinesi che entrano quotidianamente in Israele dalla Cisgiordania è sceso a circa 8.000 dai 124.000 presenti prima del 7 ottobre, ha affermato Shani Sasson, portavoce dell'Ufficio per il coordinamento delle attività governative nei territori, l'agenzia di difesa israeliana che supervisiona la politica nei territori palestinesi.

READ  L'Ucraina chiede alla Turchia di sequestrare una nave mercantile battente bandiera russa notizie di guerra tra Russia e Ucraina

In India c’è una certa opposizione alla coscrizione. Sotto la guida del primo ministro Narendra Modi, il paese si è avvicinato a Israele, con il quale ora condivide ampi legami di difesa, ma che sostiene anche da tempo i diritti dei palestinesi.

K ha detto: Hemalatha, presidente dell'Unione dei lavoratori edili dell'India, ha detto di essere preoccupata che Israele stia usando i lavoratori indiani a svantaggio dei palestinesi. “Siamo completamente contrari a questo”, ha detto.

Ma la signora Mashash, dell’Autorità israeliana per l’immigrazione, ha affermato che i lavoratori stranieri “non sostituiscono i lavoratori palestinesi” i cui permessi di lavoro non sono stati cancellati.

Jonathan Rees Pamodi Warafita ha contribuito alla segnalazione.