Dicembre 5, 2021

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La magistratura fa causa alla Penguin Random House per l’accordo Simon & Schuster

In uno dei suoi primi importanti casi di sfiducia, martedì l’amministrazione Biden ha citato in giudizio la Penguin Random House, il più grande editore degli Stati Uniti. Acquisto del suo concorrente Simon & Schuster, Segnala una visione più ampia di convalida di decenni di integrazione aziendale a Washington.

Nel panorama editoriale È dominato da poche mega aziende, Penguin Random House Towers sopra gli altri. Gestisce più di 300 marchi editoriali in tutto il mondo e ha 15.000 nuove uscite all’anno, molto più grandi degli altri quattro principali editori statunitensi. Con l’acquisizione dei suoi 2,2 miliardi di dollari proposti da Simon & Schuster, Penguin Random House è diventata significativamente più grande.

L’accordo è stato contestato in un contesto in evoluzione verso l’integrazione a Washington, dove è stato aumentato il controllo sulla concorrenza e il potere esercitato da grandi aziende come Amazon e Facebook. La mossa fornisce una finestra su come la gestione di Biden gestirà queste preoccupazioni in futuro.

La magistratura ha affermato che l’acquisizione sarebbe dannosa non solo per i consumatori, ma anche per i cosiddetti monopolisti – in questo caso gli autori – rispetto ai monopoli. Martedì l’amministrazione Biden ha intentato una causa contro la Penguin Random House presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia.