Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La missione della NASA offrirà una visione senza precedenti delle acque superficiali della Terra | NASA

Una missione satellitare internazionale guidata dalla NASA dovrebbe decollare dalla California meridionale all’inizio di giovedì come parte di un importante progetto di scienze della Terra per esaminare in modo completo gli oceani, i laghi e i fiumi del mondo per la prima volta.

Il satellite radar avanzato, soprannominato Swot, è progettato per offrire agli scienziati una visione senza precedenti del fluido vitale che copre il 70% del pianeta, gettando nuova luce sui meccanismi e sulle conseguenze del cambiamento climatico.

Il razzo Falcon 9, di proprietà e gestito dalla società di lancio commerciale del miliardario Elon Musk SpaceXprima dell’alba di giovedì dalla US Space Force Base Vandenberg, a circa 170 miglia (275 chilometri) a nord-ovest di Los Angeles, per portare Swot in orbita.

Se tutto va come previsto, il satellite delle dimensioni di un SUV produrrà dati di ricerca entro diversi mesi.

Dopo quasi 20 anni di sviluppo, Swot incorpora una tecnologia radar a microonde avanzata che secondo gli scienziati raccoglierà misurazioni dell’altezza della superficie di oceani, laghi, bacini e fiumi con dettagli ad alta risoluzione in oltre il 90% del globo.

“È davvero la prima missione a osservare quasi tutta l’acqua sulla superficie del pianeta”, ha affermato Ben Hamlington, uno scienziato del Jet Propulsion Laboratory della NASA che guida anche il team NASA Sea Level Change.

Una delle principali motivazioni della missione è esplorare come gli oceani assorbono il calore atmosferico e l’anidride carbonica in un processo naturale che modula le temperature globali e il cambiamento climatico.

Esaminando i mari dall’orbita, Swot è progettato per misurare sottili differenze nelle altezze della superficie attorno a correnti e vortici più piccoli, dove si pensa che si stia verificando gran parte del riscaldamento degli oceani e del carbonio. E Swot può farlo con una precisione 10 volte maggiore rispetto alle tecnologie attuali, secondo JPL.

Si stima che gli oceani abbiano assorbito oltre il 90% del calore in eccesso intrappolato nell’atmosfera terrestre a causa delle emissioni di gas serra causate dall’uomo.

Studiare il meccanismo attraverso il quale ciò accade aiuterà gli scienziati del clima a rispondere a una domanda chiave: “Qual è il punto critico in cui gli oceani iniziano a rilasciare enormi quantità di calore, invece di assorbirlo, di nuovo nell’atmosfera e ad accelerare il riscaldamento globale, piuttosto che limitalo”, ha detto Nadia Vinogradova-Schiffer, scienziata del programma Swot alla NASA a Washington.

La capacità di Swot di discernere caratteristiche di superficie più piccole viene utilizzata anche per studiare l’impatto dell’innalzamento del livello degli oceani sulle coste.

Dati più accurati lungo le zone di marea possono aiutare a prevedere fino a che punto possono penetrare le alluvioni provenienti dalle mareggiate interne, nonché quanta acqua salata penetrerà negli estuari, nelle zone umide e nelle falde acquifere.

Fare ripetutamente un inventario delle risorse idriche della Terra durante la missione Swot di tre anni consentirà ai ricercatori di monitorare meglio le fluttuazioni nei fiumi e nei laghi del pianeta durante i cambiamenti stagionali e i principali eventi meteorologici.

Raccogliere dati come questi è come “prendere il polso del sistema idrico mondiale, quindi saremo in grado di dire quando corre e saremo in grado di dire quando è lento”, ha affermato Tamlin Pavelsky, capo delle scienze dell’acqua dolce della NASA.

Lo strumento radar Swot opera sulla cosiddetta frequenza in banda Ka dello spettro delle microonde, consentendo alle scansioni di penetrare la copertura nuvolosa e l’oscurità su vaste aree della Terra. Ciò consente agli scienziati di mappare accuratamente le loro osservazioni in due dimensioni indipendentemente dal tempo o dall’ora del giorno e coprire vaste aree geografiche molto più rapidamente di quanto fosse possibile in precedenza.

In confronto, studi precedenti sui corpi idrici si sono basati su dati presi in punti specifici, come misuratori fluviali o oceanici, o da satelliti che possono solo tracciare misurazioni lungo una linea unidimensionale, richiedendo agli scienziati di colmare le lacune nei dati attraverso l’estrapolazione.

“Invece di darci la linea di elevazione, ci dà la mappa di elevazione, e questo è solo un punto di svolta completo”, ha detto Pavelski.

READ  La ricerca di case in cerca di grotte su Marte è già iniziata