Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La polizia dice che uno studente ha appiccato un incendio mortale in una scuola in Guyana dopo aver confiscato il telefono

La polizia dice che uno studente ha appiccato un incendio mortale in una scuola in Guyana dopo aver confiscato il telefono

Una studentessa ha appiccato un incendio in un dormitorio scolastico in Guyana che ha ucciso 19 bambini dopo che le autorità scolastiche le avevano confiscato il cellulare, ha detto la polizia martedì.

I bambini, per lo più ragazze aborigene, sono morti intorno alla mezzanotte di lunedì, per lo più sul posto.

“Una studentessa è sospettata di aver appiccato il devastante incendio perché la madre del dormitorio e l’insegnante hanno elencato il suo cellulare”, ha detto la polizia in un comunicato.

David Adams, il sindaco di Mahdia, la città in cui si trova la scuola, ha precedentemente confermato a Reuters il presunto coinvolgimento della studentessa e ha detto che non è rimasta ferita nell’incendio.

Ha aggiunto di non poter confermare se lo studente fosse sotto la custodia del governo. La dichiarazione della polizia non ha menzionato l’arresto.

La polizia ha detto che alcuni studenti hanno detto agli investigatori di essere stati svegliati da urla e di aver visto fuoco e fumo nel bagno del dormitorio.

La polizia ha aggiunto che un patologo del governo che ha condotto un’autopsia su sei corpi lunedì in ritardo ha indicato la causa della morte come inalazione di fumo e ustioni.

Tredici gruppi di resti sono stati trasportati nella capitale, Georgetown, per l’identificazione del DNA. Quasi altri 30 bambini sono stati portati in ospedale.

Il ministro dell’Istruzione Priya Manikchand in precedenza ha rifiutato di discutere il presunto coinvolgimento dello studente.

Alla domanda sulle accuse secondo cui la residenza non è dotata di un moderno sistema di allarme antincendio e che gli studenti non sono stati addestrati alle esercitazioni antincendio, Manikchand ha detto a Reuters: “È tutto sotto inchiesta e una volta finalizzato verrà rilasciato un rapporto. Cosa dovrebbe venirne fuori è un miglioramento in tutto il settore”.

READ  Blinken incontra il presidente cinese Xi mentre aumentano i disaccordi

Ha aggiunto che specialisti in ustioni, psichiatri e altro personale medico si stavano prendendo cura dei bambini feriti e delle loro famiglie.

Il più giovane degli uccisi era il figlio di cinque anni del custode. Tutte le altre vittime erano ragazze e includevano diversi fratelli e almeno una coppia di gemelli.

Il presidente Irfan Ali ha incontrato lunedì alcune delle famiglie dei morti dopo aver visitato l’ospedale di Mahdia e ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale.

(Segnalazione di Kiana Wahlberg a Georgetown, scrittura di Julia Simes Cobb e David Gregorio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.