Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La risoluzione americana per il cessate il fuoco a Gaza è stata respinta dalle Nazioni Unite: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra tra Israele e Hamas

La risoluzione americana per il cessate il fuoco a Gaza è stata respinta dalle Nazioni Unite: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra tra Israele e Hamas

Una risoluzione degli Stati Uniti che chiedeva un “cessate il fuoco immediato e prolungato” come parte di un accordo a Gaza è fallita venerdì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dopo che Russia e Cina hanno posto il veto alla risoluzione, che conteneva alcuni dei termini più forti che Washington ha usato fin dall’inizio. Dalla guerra.

La decisione, appoggiata dagli Stati Uniti, riflette la crescente frustrazione dell’amministrazione Biden per il comportamento di Israele durante la guerra, e mirava a fare pressione su Israele affinché non attaccasse la città di Rafah, nel sud di Gaza, dove si stanno rifugiando centinaia di migliaia di civili.

Ma le divisioni internazionali, tra cui l’uso del veto da parte di Washington nel Consiglio e il suo rifiuto di proclamare un cessate il fuoco permanente, sembravano condannare la risoluzione venerdì.

Undici membri hanno votato a favore della risoluzione, ma tre paesi, tra cui due membri permanenti con potere di veto, Russia e Cina, hanno votato contro. Anche l'Algeria ha votato contro questa misura e la Guyana si è astenuta dal voto.

Dopo il voto, l'ambasciatrice statunitense Linda Thomas-Greenfield ha difeso la risoluzione, affermando che era stata introdotta “in buona fede dopo aver consultato tutti i membri del Consiglio e dopo molteplici cicli di emendamenti”.

Ha detto che Russia e Cina hanno posto il veto alla risoluzione per due ragioni: si sono rifiutate di condannare Hamas e “semplicemente non hanno voluto votare a favore di una risoluzione elaborata dagli Stati Uniti perché avrebbero preferito vederci fallire piuttosto che vedere questo consiglio. ” “Ci riesce.”

La signora Thomas-Greenfield ha affermato che il progetto di risoluzione statunitense avrebbe messo il peso del Consiglio di Sicurezza a sostegno degli sforzi diplomatici “per garantire un cessate il fuoco immediato e sostenibile come parte di un accordo che porti al rilascio di tutti gli ostaggi e che consenta ulteriori assistenza umanitaria da fornire ai civili”. Entra a Gaza.”

READ  Un funzionario russo insediato dalla Russia afferma che il numero di soldati ucraini ha superato il numero di soldati russi

Anche il segretario di Stato Antony Blinken, prima di lasciare Tel Aviv, dove venerdì ha incontrato Netanyahu e altri leader, ha espresso il suo disappunto per il fallimento.

Ha detto che gli Stati Uniti stanno cercando di mostrare alla comunità internazionale “un senso di urgenza riguardo al raggiungimento di un cessate il fuoco legato al rilascio degli ostaggi, qualcosa che tutti, compresi i paesi che hanno posto il veto alla risoluzione, avrebbero dovuto essere in grado di ottenere”. dietro.”

L'ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, aveva denunciato la misura sostenuta dagli Stati Uniti prima del voto, descrivendola come una “iniziativa ipocrita” e una “formula annacquata” riguardo al cessate il fuoco.

Ha aggiunto: “Salvare la vita dei palestinesi pacifici non è sufficiente”. Ha sottolineato che la bozza è stata scritta pensando agli interessi politici americani, “per garantire l’impunità di Israele” e minare l’autorità del Consiglio.

Ha esortato i membri del Consiglio a votare contro la risoluzione, affermando: “Non possiamo permettere che il Consiglio di Sicurezza diventi uno strumento per portare avanti la politica distruttiva di Washington in Medio Oriente”.

Vasily Nebenzia, al centro, ambasciatore della Russia presso le Nazioni Unite, ha denunciato la misura appoggiata dagli Stati Uniti prima del voto.credito…Eduardo Munoz Alvarez/Getty Images

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che il suo Paese lavorerà con i paesi arabi, tra cui Giordania ed Emirati Arabi Uniti, per cercare di persuadere Cina e Russia a sostenere la risoluzione del Consiglio di sicurezza francese. Intervenendo in una conferenza stampa a Bruxelles poco dopo il fallimento della risoluzione americana, ha affermato che gli sforzi compiuti sono un segnale positivo del cambiamento delle priorità di Washington.

READ  Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che un drone ucraino ha distrutto le navi pattuglia russe al largo di Snake Island

Il Ministero degli Esteri francese ha dichiarato giovedì che sta preparando un progetto di risoluzione. Non è stato specificato quando sarebbe stato presentato.

Gli Stati Uniti hanno posto il veto su tre precedenti risoluzioni che chiedevano la fine dei combattimenti a Gaza, sostenendo che tali misure potrebbero interrompere i negoziati sugli ostaggi e hanno difeso con forza il diritto di Israele a difendersi dopo l’attacco guidato da Hamas del 7 ottobre. Gli Stati Uniti sono stati l’unico paese che ha votato contro le due risoluzioni. Russia e Gran Bretagna si sono astenute dalla prima votazione di ottobre, mentre la Gran Bretagna si è astenuta dal voto di dicembre e febbraio.

Ma mentre il bilancio delle vittime aumenta a Gaza, con le autorità sanitarie che affermano che sono state uccise più di 30.000 persone, e mentre la fame e le malattie peggiorano in tutta la Striscia, il presidente Biden e altri funzionari statunitensi sono diventati sempre più critici nei confronti del primo ministro israeliano e del suo modo di trattare. Dalla guerra. Nel suo discorso sullo stato dell’Unione di questo mese, Biden ha invitato il primo ministro Benjamin Netanyahu a consentire maggiori aiuti a Gaza e a fare di più per proteggere i civili.

L'urgenza di un cessate il fuoco “immediato” deriva da una bozza di risoluzione del Consiglio di Sicurezza diffusa dagli Stati Uniti il ​​mese scorso, che chiedeva un cessate il fuoco temporaneo “non appena possibile”.

Una delegazione di mediatori provenienti da Israele, Egitto, Qatar e Stati Uniti si è incontrata venerdì a Doha, la capitale del Qatar, per “promuovere il rilascio degli ostaggi” ancora detenuti a Gaza, secondo l’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Un funzionario americano ha confermato che William Burns, direttore della CIA, si recherà venerdì in Qatar per condurre i negoziati.

READ  Putin ordina una caccia intensificata a "traditori, spie e sabotatori"

A dicembre, il Consiglio di Sicurezza ha adottato una risoluzione che chiede “un cessate il fuoco e corridoi umanitari urgenti ed estesi” per consentire agli aiuti di raggiungere i civili a Gaza. Ma questa misura non è arrivata al punto di richiedere un cessate il fuoco. Stati Uniti e Russia si sono astenuti dal voto.

Aurelien Bredin E Michael Crowley Contributo ai rapporti.