Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La tempesta solare potrebbe scatenare venti solari di 1,8 milioni di miglia all’ora sulla Terra domani

I buchi coronali appaiono come macchie scure nelle immagini ultraviolette del Sole.  Nella foto è il sole oggi con un buco solare vicino all'equatore

Una cavità simile a una valle nell’atmosfera solare nota come buco coronale scatenerà domani una tempesta solare verso il nostro pianeta.

Secondo gli esperti, il vento solare – un flusso continuo di particelle cariche – può irradiarsi dal cratere e precipitare verso la Terra a velocità sbalorditive fino a 1,8 milioni di miglia all’ora.

È preoccupante che la tempesta solare possa causare fluttuazioni nella rete elettrica e un governo irregolare dei veicoli spaziali sotto forma di “nuvole in crescita” sulle orbite terrestri basse.

L’aurora boreale, nota anche come aurora boreale, potrebbe essere visibile anche nel nord del Regno Unito.

I buchi coronali appaiono come macchie scure nelle immagini ultraviolette del Sole. Nella foto è il sole oggi con un buco solare vicino all’equatore

Cosa sono i fori coronali?

Il nostro sole emette costantemente gas caldi dalla sua superficie, un flusso continuo di particelle – principalmente protoni ed elettroni – noto come vento solare.

Il vento solare fluisce dal Sole con particolare forza attraverso i fori coronali.

Normalmente, le linee del campo magnetico sulla superficie del sole formano anelli chiusi che mantengono i gas contenuti.

I buchi coronali sono luoghi in cui le linee del campo magnetico non si richiudono su se stesse, ma invece si estendono direttamente nello spazio.

Questo lascia un canale aperto, attraverso il quale il vento solare può sfuggire senza ostacoli.

I fori coronali creano raffiche di vento solare. Ad esempio, il vento solare di solito lascia il sole a circa 900.000 miglia all’ora, ma il vento solare che lascia il centro del buco coronale viaggia molto più velocemente, fino a 1,8 milioni di miglia all’ora.

Quando le particelle del vento solare raggiungono la Terra, il che richiede da due a quattro giorni, a seconda della loro velocità, possono verificarsi modeste tempeste geomagnetiche.

Le raffiche di vento ad alta velocità possono anche disturbare i satelliti nell’orbita terrestre.

I buchi coronali appaiono come macchie scure nelle immagini ultraviolette del Sole.

Fonte: Exploratorium

secondo Meteo spaziale in direttaIl cratere è stato scoperto lunedì 28 novembre e la tempesta risultante potrebbe raggiungere la terraferma il 1° dicembre.

Ha detto che il foro coronale in transito – che passa attraverso l’equatore del sole – è stato rilevato in una posizione rivolta verso la Terra.

Spaceweather.com La tempesta solare è classificata “G1” (su una scala da uno a cinque), quindi è considerata abbastanza minore, sebbene possa ancora causare fluttuazioni nella rete elettrica e problemi per i satelliti.

“Il materiale gassoso fuoriesce da un buco simile a una valle nell’atmosfera del sole”, dice.

Una tempesta solare, nota anche come tempesta geomagnetica, è una perturbazione del sole.

READ  Un catalizzatore completamente nuovo ed economico che accelera la produzione di ossigeno dall'acqua

Quando una tempesta solare viene verso di noi, parte dell’energia e delle piccole particelle possono viaggiare attraverso le linee del campo magnetico ai poli nord e sud nell’atmosfera terrestre.

Lì, le molecole interagiscono con i gas nella nostra atmosfera, dando vita a uno splendido spettacolo di luce nel cielo, noto come aurora boreale.

L’ossigeno emette luci verdi e rosse, mentre l’azoto emette luce blu e viola.

Nel nord della Terra, l’aurora boreale è ufficialmente conosciuta come aurora boreale o aurora boreale, mentre nel sud l’evento è chiamato aurora boreale.

Il Met Office del Regno Unito ha affermato che durante questa settimana c’è stata una confusione concentrata intorno al Polo Nord.

“C’è ancora una piccola possibilità che l’aurora boreale sia visibile nell’estremo nord della Scozia, dove il cielo è limpido”, dice.

Il vento solare è costante, quindi l’aurora boreale appare frequentemente in alcune parti del nord Europa come la Norvegia e l’Islanda.

Ma in alcuni punti del ciclo di 11 anni del sole, tempeste solari più intense producono venti solari che bombardano il nostro pianeta, rendendo l’aurora boreale più luminosa e più frequente, il che significa che le persone nel Regno Unito hanno maggiori possibilità di vederla.

I buchi coronali sono una caratteristica tipica del Sole, sebbene appaiano in luoghi diversi e con maggiore frequenza in momenti diversi del ciclo di attività del Sole.

Questi buchi sono regioni della corona in cui il campo magnetico si estende nello spazio anziché ripetersi in superficie.

Le particelle che si muovono lungo quei campi magnetici possono lasciare il sole invece di rimanere intrappolate vicino alla superficie. Quelle particelle intrappolate possono riscaldarsi e brillare.

Nelle parti della corona in cui le particelle lasciano il sole, il bagliore è più scuro e il foro coronale appare scuro nelle immagini ultraviolette.

L'aurora boreale - uno spettacolo di luce naturale nel cielo terrestre - potrebbe essere visibile anche nel nord del Regno Unito.  Nella foto è raffigurata l'aurora boreale, nota anche come aurora boreale, vista nel cielo sopra Tromsø, Norvegia, 2 novembre 2022

L’aurora boreale – uno spettacolo di luce naturale nel cielo terrestre – potrebbe essere visibile anche nel nord del Regno Unito. Nella foto è raffigurata l’aurora boreale, nota anche come aurora boreale, vista nel cielo sopra Tromsø, Norvegia, 2 novembre 2022

Danni causati da tempeste solari

Le eruzioni solari possono distruggere i satelliti e avere un enorme costo finanziario.

Le particelle cariche possono anche minacciare le compagnie aeree disturbando il campo magnetico terrestre.

Razzi troppo grandi possono creare correnti all’interno delle reti elettriche e interrompere l’alimentazione.

Quando le espulsioni di massa coronale colpiscono la Terra, provocano tempeste geomagnetiche e aurore potenziate.

Possono disturbare le onde radio e le coordinate GPS e sovraccaricare i sistemi elettrici.

Una grande ondata di potenza può fluire nelle reti elettriche ad alta tensione e danneggiare permanentemente i trasformatori.

Ciò potrebbe portare alla chiusura di attività commerciali e abitazioni in tutto il mondo.

READ  La pioggia di meteoriti delle lucertole dovrebbe raggiungere il suo picco la prossima settimana

Le tempeste solari possono anche essere causate da un’espulsione di massa coronale (CME), una massiccia espulsione di plasma dalla corona solare (il suo strato più esterno).

Oltre alle CME, questi eventi solari includono brillamenti solari, esplosioni sul sole che si verificano quando l’energia immagazzinata in campi magnetici “contorti” viene rilasciata.

La NASA spiega: “Ci sono molti tipi di eruzioni sul Sole. I brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale comportano entrambe massicce esplosioni di energia, ma sono molto diverse.

A volte questi due fenomeni si verificano contemporaneamente – infatti, i brillamenti più forti sono quasi sempre associati alle espulsioni di massa coronale – ma sono emessi da cose diverse, hanno un aspetto e una trasmissione diversi e hanno effetti diversi vicino ai pianeti.

Le particelle degli eventi solari possono viaggiare per milioni di miglia e alcune di esse potrebbero eventualmente scontrarsi con la Terra.

Secondo i Royal Museums Greenwich, la maggior parte delle particelle viene deviata, ma alcune vengono catturate nel campo magnetico terrestre.

È accelerato verso il basso verso i poli nord e sud nell’atmosfera, motivo per cui le aurore si vedono meglio vicino ai poli magnetici.

“Queste particelle si scontrano poi con gli atomi e le molecole nell’atmosfera terrestre, essenzialmente riscaldandoli”, ha detto l’astronomo del Royal Observatory Tom Kerse.

Chiamiamo questo processo fisico “eccitazione”, ma è molto simile a riscaldare un gas e farlo brillare.

Le tempeste solari non sono pericolose per gli esseri umani sulla Terra, ma possono causare interferenze con le reti elettriche e i segnali GPS.

Nel 1859, una massiccia tempesta geomagnetica nota come Carrington Event inviò potenti CME verso la Terra, interrompendo le comunicazioni sulla Terra.

Aurora boreale sul monte Ingolfsfjall vicino a Selfoss, sulla costa meridionale dell'Islanda, 28 novembre 2022

Aurora boreale sul monte Ingolfsfjall vicino a Selfoss, sulla costa meridionale dell’Islanda, 28 novembre 2022

Se un tale evento dovesse verificarsi nel mondo di oggi, gli effetti sarebbero catastrofici per i nostri sistemi di comunicazione.

Uno studio del 2021 condotto da uno scienziato dell’Università della California, Irvine, ha scoperto che Internet potrebbe rimanere inattivo per settimane all’indomani di una violenta tempesta solare, a causa di debolezze nell’enorme rete mondiale di cavi di comunicazione sottomarini.

Le fluttuazioni elettromagnetiche causate da forti tempeste solari non possono danneggiare direttamente i cavi in ​​fibra ottica che costituiscono la spina dorsale di Internet.

Tuttavia, hanno il potenziale per far emergere amplificatori di segnale sparsi lungo i cavi sottomarini che sono necessari per mantenere le connessioni su grandi distanze.

Secondo gli astrofisici, la probabilità che una tempesta solare in grado di causare un’interruzione catastrofica si verifichi nei prossimi 10 anni varia dall’1,6 al 12%.

READ  SpaceX ha lanciato e fatto atterrare un razzo Falcon 9 da record

Le tempeste solari sono un chiaro pericolo per le stelle e possono danneggiare i satelliti

tempeste solario attività solare, può essere suddivisa in Quattro componenti principali Può avere effetti sulla Terra:

  • Brillamenti solariUna grande esplosione nell’atmosfera del sole. Questi bagliori sono fatti di fotoni che viaggiano direttamente dalla posizione del bagliore. I brillamenti solari colpiscono la Terra solo quando si verificano sul lato del Sole rivolto verso la Terra.
  • Eiaculazione di massa coronarica (CME)Grandi nubi di plasma e campo magnetico emanate dal Sole. Queste nuvole possono esplodere in qualsiasi direzione e poi continuare in quella direzione, solcando il vento solare. Queste nuvole provocano effetti sulla Terra solo quando sono dirette verso la Terra.
  • Correnti di vento solare ad alta velocità: Questi provengono da buchi coronali nel sole, che si formano ovunque sul sole e di solito solo quando vicino all’equatore solare i venti colpiscono la terra.
  • particelle solari: particelle cariche ad alta energia che si pensa vengano rilasciate principalmente da urti formati nei fronti di espulsione di massa coronale e nei brillamenti solari. Quando la nube CME solca il vento solare, possono essere prodotte particelle solari e poiché sono cariche, seguono le linee del campo magnetico tra il Sole e la Terra. Solo le particelle cariche che seguono le linee del campo magnetico che attraversano la Terra avranno un effetto.

Sebbene questi possano sembrare pericolosi, gli astronauti non sono in pericolo immediato a causa di questi fenomeni a causa dell’orbita relativamente bassa delle missioni con equipaggio.

Tuttavia, devono preoccuparsi dell’esposizione cumulativa durante le passeggiate nello spazio.

Questa immagine mostra i fori coronali del Sole sotto forma di raggi X.  L'atmosfera esterna solare, la corona, è costituita da forti campi magnetici, che una volta chiusi possono causare l'espulsione improvvisa e violenta di bolle di gas e campi magnetici, chiamata espulsione di massa coronale.

Questa immagine mostra i fori coronali del Sole sotto forma di raggi X. L’atmosfera solare esterna, la corona, è costituita da forti campi magnetici, che una volta chiusi possono causare il rilascio di bolle o lingue di gas e campi magnetici chiamati espulsioni di massa coronale.

Danni causati da tempeste solari

Le eruzioni solari possono distruggere i satelliti e avere un enorme costo finanziario.

Le particelle cariche possono anche minacciare le compagnie aeree disturbando il campo magnetico terrestre.

Razzi troppo grandi possono creare correnti all’interno delle reti elettriche e interrompere l’alimentazione.

Quando le espulsioni di massa coronale colpiscono la Terra, provocano tempeste geomagnetiche e aurore potenziate.

Possono disturbare le onde radio e le coordinate GPS e sovraccaricare i sistemi elettrici.

Una grande ondata di potenza può fluire nelle reti elettriche ad alta tensione e danneggiare permanentemente i trasformatori.

Ciò potrebbe portare alla chiusura di attività commerciali e abitazioni in tutto il mondo.

fonte: NASA – Tempesta solare e meteorologia spaziale