Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vendita di obbligazioni si intensifica mentre i rendimenti statunitensi a lungo termine raggiungono i massimi di 16 anni

La vendita di obbligazioni si intensifica mentre i rendimenti statunitensi a lungo termine raggiungono i massimi di 16 anni

Ricevi aggiornamenti gratuiti per i titoli del Tesoro statunitensi

Il rendimento dei titoli del Tesoro statunitensi a 30 anni ha toccato il massimo degli ultimi 16 anni martedì, mentre una svendita nei mercati obbligazionari globali ha spinto le azioni al ribasso e ha scosso valute come lo yen e il rublo.

Il rendimento dei trentennali statunitensi ha raggiunto il 4,91% per la prima volta dal 2007, prima della crisi finanziaria, mentre i mercati si adattavano alla prospettiva di un periodo prolungato di tassi di interesse elevati e al massiccio fabbisogno di prestito dei governi.

A dimostrazione dell’impatto globale della svendita, anche i costi di finanziamento tedeschi e italiani hanno raggiunto i livelli più alti da oltre un decennio.

Su entrambe le sponde dell’Atlantico i mercati azionari sono caduti, lo yen è sceso brevemente sotto i 150 yen rispetto al dollaro e il rublo è sceso a oltre 100 yen rispetto alla valuta statunitense.

La svendita obbligazionaria ha fatto seguito a una serie di dati economici forti e di segnali da parte della Federal Reserve statunitense secondo cui avrebbe mantenuto i tassi di interesse “più alti più a lungo” per ridurre la domanda e portare a termine la sua missione di battere l’inflazione.

“Si tratta di una svendita nel mercato obbligazionario a causa della resilienza macroeconomica di fondo, e lo stiamo vedendo nell’aumento dei tassi di interesse reali”, ha affermato Padraic Garvey, amministratore delegato di ING.

Tra i dati che indicano la salute dell’economia statunitense, i dati sull’attività manifatturiera di questa settimana sono stati migliori del previsto. Anche le opportunità di lavoro per i lavoratori americani sono aumentate inaspettatamente nel mese di agosto, secondo i dati diffusi martedì.

READ  Musk afferma che Twitter è quasi sovraperformato, con 1.500 dipendenti

L’aumento di 0,1 punti percentuali di martedì dei rendimenti dei titoli a 30 anni è avvenuto mentre il rendimento dei titoli a 10 anni è salito di 0,09 punti percentuali al 4,77% e il rendimento dei titoli a due anni è aumentato.

Le aspettative che i tassi di interesse statunitensi restassero elevati avevano rafforzato il dollaro, aumentando la pressione sulle altre valute.

Lo yen è rimbalzato dopo aver superato il livello politicamente sensibile di 150 yen dopo che il Ministro delle Finanze Shunichi Suzuki ha detto che le autorità stanno monitorando il mercato con un senso di urgenza.

Ma il rublo è sceso sotto i 100 dollari rispetto al dollaro, nonostante i recenti tentativi russi di arrestare il declino della valuta aumentando drasticamente i tassi di interesse.

Lo spostamento nel mercato obbligazionario statunitense da 25mila miliardi di dollari ha portato anche al calo delle azioni e delle obbligazioni in tutto il mondo.

Il rendimento trentennale tedesco, ampiamente seguito, è salito di 0,077 punti percentuali al 3,211%, il livello più alto dal 2011, mentre il rendimento trentennale italiano ha raggiunto il livello più alto dal 2012 al 5,45%.

“C’è un po’ di preoccupazione” riguardo alle prospettive del deficit di bilancio italiano, ha detto Garvey, aggiungendo: “Non penso che sia una crisi palese… Il mercato non è nel panico, sta guardando i rischi”.

Nel Regno Unito, il rendimento dei titoli di Stato trentennali ha superato il 5% questa settimana, raggiungendo il livello più alto dall’indomani dello sfortunato “mini” Bilancio dell’ex primo ministro Liz Truss, prima di crollare nuovamente al 4,99% martedì. .

I mercati azionari sono crollati, con l’S&P 500 e il Nasdaq Composite in calo rispettivamente dell’1,3% e dell’1,6%, poco dopo l’apertura di New York martedì. L’indice paneuropeo Stoxx 600 è sceso dell’1,1%.

READ  Amazon, Microsoft, Rivian, UPS, Netflix e altri driver del mercato azionario

Le turbolenze nei mercati del debito hanno influenzato le azioni aumentando i rendimenti che gli investitori possono ricevere acquistando obbligazioni anziché azioni.

La vendita di obbligazioni si è intensificata dopo la riunione di settembre della Fed, che ha reso chiara l’intenzione della banca centrale di mantenere i tassi di interesse più alti il ​​prossimo anno e nel 2025 rispetto alle aspettative dei mercati.

Gli operatori del mercato dei futures ora scommettono che entro la fine del prossimo anno i tassi di interesse statunitensi verranno tagliati due o tre volte dall’attuale range compreso tra il 5,25 e il 5,5%. Prima della riunione della Fed, i trader ipotizzavano quattro o cinque tagli per quella data.

Anche il fabbisogno di indebitamento dei governi su entrambe le sponde dell’Atlantico ha spinto al rialzo i rendimenti.

“Gli Stati Uniti hanno un deficit di bilancio del 7%. [a] “Il periodo di non recessione è molto lungo”, ha affermato Jim Levis, gestore di fondi presso M&G, un asset manager.

“Quando i governi chiedono e hanno bisogno di più denaro, i rendimenti obbligazionari devono aumentare per far fronte a tale situazione”.

Il Tesoro americano prevede di emettere quasi 1.000 miliardi di dollari di debito nei tre mesi fino alla fine di settembre, il primo aumento dei suoi piani di indebitamento trimestrali in due anni e mezzo.