Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'amministratore delegato di McDonald's ha affermato che si sta riscontrando un “impatto positivo sul business” in tutto il Medio Oriente

L'amministratore delegato di McDonald's ha affermato che si sta riscontrando un “impatto positivo sul business” in tutto il Medio Oriente

Jean-Marc Gibaud/AFP

Il CEO di McDonald's Chris Kempczinski in una foto del 2021.


New York
CNN

McDonald's ha affermato che sta riscontrando un “impatto commerciale tangibile” in Medio Oriente a causa della guerra tra Israele e Hamas. Unirsi a Starbucks nel rilasciare una dichiarazione pubblicaCerca di eliminare idee sbagliate e boicottaggi che colpiscono i marchi.

In un messaggio pubblicato su LinkedInL'amministratore delegato di McDonald's, Chris Kempczinski, ha affermato che “molti mercati” in tutto il Medio Oriente stanno “vedendo un impatto tangibile sul business a causa della guerra e della disinformazione associata” che colpisce la catena di fast food statunitense. Ha aggiunto: “Questo è frustrante e infondato”.

Kempczinski non ha fornito dettagli, incluso quanto le vendite siano state influenzate negativamente. Eppure lo è “In tutti i paesi in cui operiamo, compresi i paesi musulmani, McDonald's è orgoglioso di essere rappresentato da proprietari locali che lavorano instancabilmente per servire e sostenere le loro comunità, dando lavoro a migliaia di loro concittadini.”

I suoi commenti arrivano pochi mesi dopo che A Operatore McDonald's in Israele Offre sconti a soldati, forze di sicurezza e altri dopo l'attacco del 7 ottobre da parte degli attivisti di Hamas in Israele.

Molti operatori di McDonald's nella regione hanno rapidamente preso le distanze dalle azioni dell'operatore israeliano. Gruppi di concessione in Kuwait, Pakistan e altri paesi hanno rilasciato dichiarazioni affermando di non condividere la proprietà con la concessione israeliana. Alcuni di questi concessionari hanno dichiarato di aver fatto donazioni finanziarie per aiutare i residenti di Gaza.

Il dibattito ruota attorno al modello di franchising di McDonald's, in cui i ristoranti posseduti e gestiti in modo indipendente prendono decisioni separate dall'azienda. I clienti potrebbero non essere consapevoli della distinzione e credere che un'azione intrapresa da una sede sia sempre ufficialmente approvata da McDonald's Corporation o rifletta le posizioni di altre sedi.

READ  L'acrobata cinese cade e muore in un video

La stragrande maggioranza delle sedi McDonald's sono gestite da operatori in franchising locali. Questi operatori operano in molti modi come aziende indipendenti: stabiliscono salari e prezzi e, quando lo ritengono opportuno, rilasciano dichiarazioni o donano a loro discrezione. Questo approccio ha contribuito a rendere McDonald's un fenomeno globale. Con oltre 40.000 sedi in tutto il mondo, di cui quasi 27.000 al di fuori degli Stati Uniti, a partire dal 2022. Ma ciò significa che l’azienda non può dettare il modo in cui ciascun operatore risponde a una crisi, nel bene e nel male.

Si prevede che McDonald's pubblicherà gli utili alla fine di questo mese, quando potrebbe rivelare di più sulle questioni menzionate da Kempczinski.

Nel dicembre 2023, Starbucks ha commentato le persone che protestavano contro l'azienda e interrompevano i suoi negozi a causa della guerra tra Israele e Hamas.

“Stiamo vedendo manifestanti influenzati dalla falsa rappresentazione sui social media di ciò che rappresentiamo”, ha detto il CEO di Starbucks Laxman Narasimhan in una lettera a dipendenti e clienti.

“Le città di tutto il mondo, incluso qui in Nord America, hanno assistito a un'escalation di proteste. Molti dei nostri negozi hanno assistito a episodi di vandalismo”, ha affermato. “Abbiamo collaborato con le autorità locali per garantire la sicurezza dei nostri dipendenti e clienti”.

Danielle Weiner-Brunner della CNN ha contribuito a questo rapporto.