Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’annuncio di un accordo sugli ostaggi tra Israele e Hamas potrebbe arrivare già martedì

L’annuncio di un accordo sugli ostaggi tra Israele e Hamas potrebbe arrivare già martedì

Ahmed Garabli/AFP/Getty Images

Una donna tiene in mano i ritratti degli ostaggi Erez Calderon, 12 anni, e dei figli della famiglia Goldstein Almok mentre i manifestanti si radunano davanti all’ufficio dell’UNICEF a Tel Aviv per chiedere il rilascio degli israeliani tenuti in ostaggio a Gaza il 20 novembre 2023.



CNN

Israele, Hamas e gli Stati Uniti sono ai vertici raggiungimento di un accordo L’annuncio potrebbe avvenire già martedì Hamas deve rilasciare 50 donne e bambini presi in ostaggio dal gruppo militante durante l’attacco terroristico del 7 ottobre contro Israele in cambio di un cessate il fuoco da quattro a cinque giorni e del rilascio di tre prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Fonti vicine ai negoziati.

L’accordo potrebbe essere annunciato già martedì, hanno detto due fonti israeliane. I funzionari statunitensi vicini ai colloqui hanno insistito sul fatto che, sebbene non fosse stato raggiunto alcun accordo, erano sempre più fiduciosi e ottimisti. Molte settimane di duro lavoro Gli ostaggi pagheranno con la loro liberazione.

“È molto vicino”, ha detto alla CNN un alto funzionario americano.

Il Gabinetto di Guerra israeliano si è riunito martedì sera, ora locale, seguito da una riunione del Gabinetto di Difesa. L’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che una riunione plenaria del gabinetto si terrà dopo la riunione del gabinetto della Difesa.

“Stiamo facendo progressi. Non penso che valga la pena dirlo troppo anche in questo momento, ma spero che presto arrivino buone notizie”, ha detto Netanyahu martedì durante l’incontro con i bookmaker.

Un accordo innescherebbe il primo cessate il fuoco duraturo dalla guerra e la più grande escalation da parte di Israele dall’inizio della guerra.

Gli ostaggi liberati sono di varie nazionalità, secondo un familiare, tra cui la piccola Abigail Eden di 3 anni, il più giovane ostaggio americano, i cui genitori sono stati uccisi da Hamas. Non è stato immediatamente chiaro quanti – se ce ne saranno – dei 50 ostaggi che Hamas rilascerà inizialmente in base all’accordo saranno cittadini americani.

READ  Si dice che Taylor Swift stia girando un video ispirato a Batman per il suo nuovo singolo

Il gruppo afferma che gli ostaggi offerti da Hamas per il rilascio anticipato sono vivi, secondo una fonte vicina ai colloqui.

Il governo israeliano mira a rilasciare almeno 50 ostaggi – 10 al giorno per cinque giorni – come parte di un accordo presentato martedì, ha detto alla CNN una fonte del governo israeliano. Il governo è disposto a estendere l’accordo se Hamas sarà disposto a rilasciare più ostaggi.

Fonti hanno riferito alla CNN che Hamas inizialmente aveva chiesto al principale organo di vigilanza israeliano di porre fine al cessate il fuoco di più giorni. Durante i colloqui, le parti hanno concordato che i droni di sorveglianza evacuassero lo spazio aereo di Gaza per una parte della giornata. Si prevede che questa finestra di sei ore consentirà ad Hamas di provare a spostare gli ostaggi senza rivelare la loro posizione.

Secondo l’imminente accordo, Hamas prenderà in ostaggio più donne e bambini durante il periodo del cessate il fuoco – qualcosa che il gruppo ha sottolineato non potrà essere fatto finché non sarà in vigore un cessate il fuoco duraturo. E il cessate il fuoco temporaneo potrebbe essere esteso oltre per consentire il rilascio degli ostaggi.

Nell’ambito dei negoziati, Hamas ha richiesto centinaia di camion di aiuti. Il carburante è fondamentale per alimentare le operazioni militari e ventilare la rete di mine sotterranee del gruppo a Gaza.

C’è la speranza che l’accordo sugli ostaggi consentirà più aiuti a Gaza, con i partner che lavorano per un obiettivo di 400 camion al giorno, ha detto una fonte vicina ai negoziati.

L’accordo arriva dopo settimane di difficili negoziati tra Israele, Hamas e Stati Uniti, con il Qatar che gioca un ruolo chiave di mediazione. L’attuazione dell’accordo non inizierà immediatamente e potrebbe richiedere almeno un giorno, ha detto la persona, perché ci sono procedure legali che Israele deve seguire prima di rilasciare i prigionieri palestinesi. Si prevede che i detenuti siano donne e minorenni.

READ  'Super Mario Bros. Movie' Barrels a 678 milioni di dollari al botteghino globale - Scadenza

Il governo israeliano dovrebbe approvare il rilascio dei prigionieri, ma ciò non costituirebbe un ostacolo, ha detto una fonte. Mentre i funzionari di gabinetto si riunivano all’interno di un edificio di sicurezza israeliano per discutere l’accordo, le famiglie degli ostaggi si radunavano fuori con striscioni e tamburi.

Ma due partiti israeliani di estrema destra che fanno parte della coalizione di governo del primo ministro Benjamin Netanyahu hanno successivamente suggerito che non avrebbero sostenuto un accordo sugli ostaggi preso in considerazione dal governo.

Il Partito Religioso Sionista, guidato dal ministro delle Finanze Bezalel Smodrich, ha dichiarato: “L’accordo proposto è pessimo e non dovremmo accettarlo. È un male per la sicurezza di Israele, per gli ostaggi e per i soldati dell’IDF”, e ha aggiunto: “L’unico modo per restituire tutti gli ostaggi è continuare ad esercitare pressioni militari finché Hamas non si arrenderà completamente”.

Entrambe le parti hanno affermato di non aver ancora visto i termini completi dell’accordo.

Negli ultimi giorni gli ambienti diplomatici e i funzionari governativi, tra cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, hanno assunto un tono più ottimista riguardo all’andamento dei colloqui. Ma varie parti coinvolte hanno sottolineato che qualsiasi accordo potrebbe essere vanificato da sviluppi clandestini in Hamas e Gaza.

Lunedì sera il leader di Hamas ha dichiarato in un comunicato che le due parti sono “vicine a raggiungere un accordo di cessate il fuoco”.

L’ultima corsa arriva il giorno dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il gabinetto di guerra hanno incontrato le famiglie degli ostaggi.

Israele afferma che Hamas ha preso più di 200 ostaggi a Gaza. Dopo la liberazione delle donne e dei bambini inizieranno ulteriori trattative per la liberazione di altre categorie di ostaggi.

READ  Biden News Today: il presidente apre riserve di petrolio per affrontare i prezzi del gas, Putin sembra essere "autoisolato" e scettico sulla ritirata dell'Ucraina

Con la consapevolezza che una manciata di ostaggi americani erano tenuti in ostaggio da Hamas, gli alti funzionari statunitensi hanno lavorato duramente per settimane per ottenere il rilascio degli ostaggi. Biden ha parlato direttamente con Netanyahu, l’emiro del Qatar Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani e il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha detto martedì che Biden è “personalmente coinvolto nel portare avanti il ​​processo” e riceve aggiornamenti dal team statunitense coinvolto nei negoziati “di solito più volte al giorno e ha ritenuto opportuno intervenire. Personalmente”.

Fonti hanno affermato che gli alti funzionari di Biden, tra cui il consigliere per la sicurezza nazionale Jack Sullivan, il coordinatore dell’NSC per il Medio Oriente Brett McGurk e il direttore della CIA Bill Burns, sono stati coinvolti “quasi ogni ora” negli sforzi per far uscire gli ostaggi da Gaza. McGurk si è recentemente recato in Medio Oriente per un viaggio in più paesi volto in gran parte a favorire il rilascio degli ostaggi.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.