Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'asteroide “Dio Oscuro” Apophis visiterà la Terra in un raro sorvolo – Earth.com

L'asteroide “Dio Oscuro” Apophis visiterà la Terra in un raro sorvolo – Earth.com

In un’audace estensione della sua missione, la navicella spaziale precedentemente nota come OSIRIS-REx intraprende un viaggio senza precedenti per esplorare l’asteroide Apophis.

È previsto che questo corpo celeste effettui un giro storico intorno alla Terra nel 2029, un evento senza precedenti dall'inizio della storia documentata.

La navicella spaziale, ora ribattezzata Osiride-Apice (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, and Security – Apophis Explorer), sfrutta il suo passato di successo per avventurarsi in nuovi territori cosmici.

Il viaggio di OSIRIS-REx è a dir poco straordinario. Dopo una spedizione durata sette anni e lunga 4 miliardi di miglia, è tornata sulla Terra con un campione dell'asteroide Bennu.

Questa impresa di settembre ha segnato l’apice dell’esplorazione spaziale. Con gli strumenti ancora in perfette condizioni e un quarto del carburante rimanente, la decisione di riutilizzare la navicella per una nuova missione è stata una progressione naturale.

Decisione di esplorare l'asteroide Apophis

Apophis, un asteroide di tipo S composto da materiali di silicato e nichel-ferro, contrasta nettamente con l'asteroide di tipo C ricco di carbonio Bennu.

Dopo aver considerato diverse potenziali destinazioni, tra cui Venere e varie comete, la scelta di Apophis da parte della NASA è stata guidata dalla sua interessante vicinanza alla Terra.

Il 13 aprile 2029, Apophis passerà entro 20.000 miglia (32.000 km) dalla superficie terrestre, più vicino di alcuni satelliti e probabilmente visibile ad occhio nudo nell'emisfero orientale.

Gli asteroidi delle dimensioni di Apophis, che misurano circa 340 metri di diametro, si avvicinano alla Terra circa una volta ogni 7.500 anni. Questa rarità rappresenta un’opportunità inestimabile per l’esplorazione e la comprensione scientifica.

Obiettivi della missione sull'asteroide Apophis

Come ha spiegato Amy Simon, scienziata del progetto di missione della NASA Centro di volo spaziale GoddardOSIRIS-APEX mira a studiare Apophis immediatamente dopo il suo avvicinamento alla Terra.

READ  SpaceX Elon Musk lancia la missione astronauta Crew-4 della NASA

“OSIRIS-APEX studierà Apophis direttamente dopo questo passaggio, permettendoci di vedere come cambia la sua superficie interagendo con la gravità terrestre”, ha detto. Simone.

Ciò consentirà agli scienziati di monitorare eventuali cambiamenti superficiali derivanti dall'interazione gravitazionale della Terra con l'asteroide.

Inoltre, Danny Mendoza Dellagiostina, ricercatore principale di OSIRIS-APEX presso l’Università dell’Arizona a Tucson, sottolinea l’importanza di questo approccio ravvicinato come esperimento naturale.

“L'avvicinamento ravvicinato è una grande esperienza naturale”, ha detto. Della Giustina. “Sappiamo che le forze di marea e l'accumulo di detriti sono processi fondamentali che possono svolgere un ruolo nella formazione dei pianeti. Possono dirci come siamo passati dai detriti del sistema solare primordiale a pianeti a tutti gli effetti.”

Questo evento potrebbe fornire informazioni sulle forze di marea e sull’accumulo di cumuli, processi fondamentali che potrebbero aver avuto un ruolo nella formazione del pianeta.

Programma della missione sull'asteroide Apophis

Apophis è un argomento importante per comprendere gli asteroidi potenzialmente pericolosi, la maggior parte dei quali sono di tipo S come lui.

Le conoscenze acquisite da questa missione saranno fondamentali per la ricerca sulla difesa planetaria, una priorità assoluta per la NASA. Entro il 2 aprile 2029, OSIRIS-APEX inizierà a fotografare Apophis mentre insegue l'asteroide.

Anche i telescopi terrestri osserveranno Apophis, ma dopo l'incontro ravvicinato, l'asteroide sarà troppo vicino al Sole perché i telescopi ottici terrestri possano osservarlo.

Ciò mette OSIRIS-APEX in una posizione unica per rilevare eventuali cambiamenti risultanti dall’incontro.

Studia Apophis da vicino

Quando arriverà, il 13 aprile 2029, OSIRIS-APEX opererà vicino all'asteroide per circa 18 mesi. La sua missione include la mappatura della superficie, l'analisi della sua composizione chimica e l'esecuzione di una manovra audace: immergersi a 16 piedi dalla superficie di Apophis per sollevare rocce e polvere, rivelando così i materiali sottostanti.

READ  Si ritiene che le molecole d'acqua sugli asteroidi siano "completamente secche"

Anche se mancano più di cinque anni alla data dell'appuntamento, il viaggio di OSIRIS-APEX comprende sei passaggi ravvicinati del Sole e tre assist gravitazionali, mettendola sulla rotta per Apophis.

Quali scoperte ci attendono devono ancora essere viste, ma come ha detto toccantemente Amy Simon, i precedenti risultati della missione su Bennu hanno solo approfondito la curiosità e le domande della comunità scientifica per Apophis.

In breve, la missione OSIRIS-APEX su Apophis è una continuazione dell’eredità del suo predecessore, ma anche un passo verso un mondo di nuove possibilità e scoperte. Fornisce informazioni sui processi di formazione del nostro sistema solare e fa avanzare la nostra comprensione della dinamica degli asteroidi e della difesa planetaria.

Maggiori informazioni su OSIRIS-REx

Come accennato in precedenza, la missione OSIRIS-REx, un’ambiziosa impresa della NASA, rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione dello spazio e nello studio degli asteroidi.

Questa missione è stata lanciata l'8 settembre 2016, con l'obiettivo di raggiungere l'asteroide vicino alla Terra Bennu, un corpo ricco di carbonio che gli scienziati ritengono contenga indizi sul sistema solare primordiale e sulle origini della vita.

Panoramica della missione e degli obiettivi

OSIRIS-REx, che sta per Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer, ha intrapreso un viaggio lungo milioni di miglia. Il suo obiettivo principale era raccogliere e restituire campioni dalla superficie di Bennu.

Questa missione è stata di enorme importanza scientifica, poiché gli asteroidi come Bennu sono resti della formazione del sistema solare e probabilmente contengono composti organici e acqua.

Viaggio sull'asteroide Bennu

Dopo un viaggio di due anni, OSIRIS-REx è arrivato a Bennu nel dicembre 2018. La navicella spaziale ha poi trascorso due anni in prossimità dell'asteroide, mappandone la superficie con un dettaglio senza precedenti e scegliendo il sito più adatto per raccogliere campioni.

READ  I muri invisibili nello spazio possono spiegare un problema che ha sconcertato gli scienziati

Questa fase prevedeva manovre complesse e navigazione precisa attorno al piccolo campo gravitazionale dell'asteroide.

Raccolta di esemplari storici

Nell'ottobre 2020, OSIRIS-REx ha fatto la storia atterrando con successo sulla superficie di Bennu e raccogliendo campioni.

Un meccanismo di acquisizione del campione “Touch-And-Go” (TAG) ha consentito alla navicella spaziale di contattare brevemente l'asteroide e di utilizzare un'esplosione di gas di azoto per sollevare la regolite (materiale superficiale), che è stata poi catturata nella testa di campionamento.

Ritorna e atterra a terra

OSIRIS-REx, con il suo prezioso carico utile, ha iniziato il suo viaggio verso la Terra nel maggio 2021. Il team OSIRIS-REx della NASA ha quindi compiuto un'enorme impresa nell'esplorazione spaziale, riportando con successo sulla Terra una capsula contenente rocce e polvere dall'asteroide Bennu.

La capsula ha registrato il suo ingresso sulla Terra alle 8:52 EDT di domenica, atterrando precisamente in un'area predeterminata presso il Department of Defense Test and Training Range nello Utah, vicino a Salt Lake City.

Questo evento segna la prima volta che la NASA ottiene campioni da un asteroide, fornendo materiale inestimabile per la ricerca che potrebbe rivoluzionare la nostra comprensione del sistema solare e degli inizi della vita.

—–

Ti piace quello che ho letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli accattivanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

Visitaci su EarthSnap, un'app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com.

—–