Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studio sorprendente mostra che l’evoluzione in realtà si ripete: ScienceAlert

Uno studio sorprendente mostra che l’evoluzione in realtà si ripete: ScienceAlert

L’evoluzione è spesso vista come un processo stocastico che influenza una varietà di tratti che appaiono casualmente attraverso la variazione genetica.

Tanto che se dovessimo riportare indietro l’orologio sull’evoluzione e “riavviare il nastro della vita”, il defunto paleontologo Stephen Jay Gould Disse con sospetto “Qualsiasi cosa Homo sapiens “Si svilupperà di nuovo.”

Ma un nuovo studio sugli insetti stecco suggerisce che l’evoluzione a volte può ripetersi in modo prevedibile, il che può aiutarci a capire come gli organismi cambiano in risposta alle pressioni selettive.

Patrick Nossel, un biologo evoluzionista del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, e i suoi colleghi hanno studiato i modelli di mimetizzazione degli insetti stecco, principalmente Tima Christinai. Dopo 30 anni di studi sul campo provenienti da 10 siti separati, hanno scoperto che la ripetizione è una parte essenziale dell’evoluzione degli insetti stecco.

Dagli anni ’90, Nossel e i suoi colleghi hanno catturato insetti incapaci di volare dai bordi delle strade nelle montagne vicino a Santa Barbara, in California.

Tre varietà distinte di T. Cristina Si mimetizzano con strisce bianche o verdi per abbinarsi alle loro piante ospiti preferite, o raramente con una tonalità più scura. Gli insetti stecco depongono le uova solo una volta all’anno, quindi ogni anno nello studio rappresenta una nuova generazione di insetti stecco, senza sovrapposizioni.

Con oltre 32.000 insetti nella rete raccolti e catalogati, il team è riuscito a distinguere le tendenze, scoprendo che in tutte le 10 popolazioni geograficamente separate, la frequenza degli insetti stecco verdi e striati variava di anno in anno in modo prevedibile. Se le strisce diventano meno comuni un anno, diventeranno più comuni l’anno successivo e viceversa.

READ  SpaceX ha appena effettuato tre lanci in 36 ore

Tuttavia, la percentuale di insetti rari e di colore scuro che si confondono nel suolo della foresta è rimasta piuttosto bassa e stabile nel tempo.

“I nostri risultati suggeriscono che l’evoluzione è ripetibile e complessa per lo stesso tratto”, hanno detto Nossel e colleghi Scrivendo nel loro articolo pubblicato.

Questi risultati ricordano studi precedenti che avevano cercato di capire perché l’evoluzione continua a creare (e distruggere) i granchi, con i loro piani corporei laterali, i gusci forti e gli enormi artigli. La ricerca ha anche dimostrato che altri organismi, ad es Pesce spinosoHanno una tendenza simile a sviluppare gli stessi tratti più e più volte.

Tuttavia, la maggior parte di questi risultati provengono da studi condotti su una o poche popolazioni o da brevi esperimenti di laboratorio non sufficientemente lunghi per cogliere l’emergere di mutazioni genetiche che potrebbero portare a tratti benefici.

Questo nuovo studio ritorna su questioni vecchie di decenni sul determinismo e il caso nella storia della vita, ma potrebbe avere anche implicazioni future. Gli scienziati non sono coinvolti nel lavoro Lui pensa Comprendere che l’evoluzione a volte funziona in modo prevedibile può aiutare i ricercatori a prevedere come cambieranno gli organismi e quindi a gestire le popolazioni.

Ma da quando Nossel e i suoi colleghi hanno solo guardato T. Cristina e i loro parenti, possono solo speculare su come i risultati potrebbero differire in altri taxa o se l’evoluzione potrebbe essere altrettanto prevedibile anche in altre parti del regno animale e nel mondo vegetale.

Sembra proprio che ci siano un mucchio di esempi adesso, di falene e Farfalle per la pesca, gli uccelli, pecoraE Mio carouna specie che segue percorsi evolutivi prevedibili, ritornando a tratti testati che la aiutano a sopravvivere.

READ  La straordinaria immagine del telescopio James Webb della NASA rivela gli anelli minuti di Nettuno

Lo studio è stato pubblicato in Progresso della scienza.