Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’aumento del debito cinese spinge Moody’s ad abbassare le sue prospettive di credito

L’aumento del debito cinese spinge Moody’s ad abbassare le sue prospettive di credito

In un altro duro colpo per l’economia cinese, l’agenzia di rating del credito Moody’s ha dichiarato martedì di aver emesso una previsione negativa per la salute finanziaria del governo cinese.

Moody’s ha espresso preoccupazione per il costo potenziale che il governo nazionale dovrà sostenere per salvare i governi regionali e locali e le imprese statali, oppressi dai debiti. Moody’s, che in precedenza aveva considerato stabile la situazione finanziaria della Cina, ha avvertito che l’economia del paese si sta stabilizzando verso una crescita più lenta mentre il suo enorme settore immobiliare inizia a contrarsi.

Il Ministero delle Finanze cinese ha risposto rapidamente, affermando che l’economia cinese è resistente e che i bilanci dei governi locali sono in grado di sopportare la perdita di entrate derivante dalla contrazione del mercato immobiliare del paese.

Nel frattempo, Moody’s ha riaffermato il rating creditizio complessivo del governo cinese ad A1, che si colloca all’incirca a metà della scala di ciò che è generalmente considerato “investment grade” o a basso rischio. Una prospettiva negativa del rating creditizio non segue necessariamente un declassamento del rating creditizio, ma serve piuttosto da avvertimento che il rating attuale potrebbe non essere sostenibile.

Tuttavia, l’abbassamento delle aspettative di credito rappresenta una pietra miliare importante per l’economia cinese.

Fino a poco tempo fa, la Cina aveva soldi illimitati da spendere per la più grande rete di treni ad alta velocità del mondo, un massiccio rafforzamento militare, sussidi per i produttori e progetti di costruzione su larga scala all’estero.

Oggi la Cina si trova ad affrontare vincoli di bilancio sempre più gravi, derivanti principalmente dal forte calo del settore immobiliare. Costruire appartamenti, fabbriche, torri per uffici e altri progetti è l’industria più grande del paese, che rappresenta il 25% della produzione economica. Gli appartamenti rappresentano anche l’investimento principale per la maggior parte delle famiglie, rappresentando tre quinti o più dei loro risparmi.

READ  Rupert Murdoch pensa di fondere nuovamente Fox e News Corp | Rupert Murdoch

Sebbene l’indebitamento del governo nazionale cinese sia stato limitato, i governi locali e regionali e le imprese statali hanno contratto ingenti prestiti negli ultimi 15 anni. Il denaro che i governi locali hanno prelevato dai finanziatori ha generato un’elevata crescita economica, ma molti di loro si trovano ora ad affrontare seri problemi.

Per la Cina, il cambiamento nelle aspettative di credito avrà un impatto diretto limitato sulle sue finanze. A differenza di molti paesi, la Cina fa molto poco affidamento sui prestiti esteri. Il governo nazionale vende principalmente obbligazioni alle banche statali del paese. Anche i governi regionali e locali del paese e le imprese statali vendono loro obbligazioni.

Pechino ha sottolineato la leadership economica della Cina durante la crisi finanziaria globale del 2008 e del 2009, quando il mercato immobiliare statunitense ha subito una brusca correzione. Ora la Cina si trova ad affrontare una crisi immobiliare simile, e forse più ampia. Decine di importanti promotori immobiliari sono insolventi e incapaci di completare centinaia di migliaia di appartamenti per i quali hanno già accettato ingenti depositi.

Gli sviluppatori hanno lasciato centinaia di miliardi di dollari in fatture scadute per le piccole imprese e altri appaltatori, portando a una cascata di problemi di pagamento. Con l’eccezione di alcune imprese statali, i costruttori hanno per lo più smesso di acquistare terreni per la futura costruzione di alloggi.

La vendita dei terreni era la principale fonte di entrate per i governi locali. Molti di loro si trovano ora ad affrontare una crisi a causa del calo dei ricavi derivanti da queste vendite. Moody’s ha affermato nella sua dichiarazione di martedì che il governo nazionale dovrà probabilmente aiutare questi governi ad adattarsi.

READ  Cosa ha Warner Bros. Discovery In aggregato canali e marchi

Le difficoltà nel settore immobiliare hanno portato a un declino della crescita economica, hanno contribuito ad alti tassi di disoccupazione giovanile e hanno lasciato molte famiglie caute nello spendere soldi.

“Il cambiamento delle prospettive riflette anche maggiori rischi associati ad una crescita economica sostenuta e strutturalmente bassa nel medio termine e al continuo ridimensionamento del settore immobiliare”, ha affermato Moody’s.

Il Ministero delle Finanze cinese ha respinto le argomentazioni di Moody. Mentre le entrate dei governi locali derivanti dalla vendita dei terreni sono diminuite, ha detto, anche i governi stessi stanno spendendo meno per risarcire i residenti le cui case sono state demolite per far posto a nuovi edifici. Il Ministero ha inoltre sottolineato che l’economia cinese continua a godere di un grande slancio.

La Cina non è la sola a ricevere le preoccupazioni di Moody’s. L’agenzia ha abbassato il suo outlook sul credito per gli Stati Uniti a negativo il mese scorso, riaffermando il rating massimo del paese, AAA.

Il debito totale in Cina è ora più elevato rispetto alle dimensioni della sua economia rispetto agli Stati Uniti.

Il rating creditizio della Cina è stato declassato l’ultima volta nel 2017 sia da Moody’s che da Standard & Poor’s. Più recentemente, Standard & Poor’s ha espresso meno preoccupazione di Moody’s per l’economia cinese. Diverse ore prima dell’annuncio di Moody’s di martedì, Standard & Poor’s ha affermato di ritenere che la Cina potrebbe evitare il ripetersi del “decennio perduto” di debole attività economica in Giappone a seguito del declino del mercato immobiliare dei primi anni ’90.

All’inizio di quest’anno Fitch Ratings aveva dichiarato a Bloomberg TV che avrebbe potuto riconsiderare il rating creditizio dei titoli sovrani cinesi, ma recentemente ha confermato tale rating con un outlook stabile.

READ  Esclusiva MSCI afferma che la rimozione della Russia dagli indici "Natural Next Step"

Quest’anno l’economia cinese ha subito una salita accidentata, dopo quasi tre anni di rigorose misure di “eliminazione del Covid”, tra cui molti dei blocchi municipali più lunghi e severi del mondo.

Nel periodo luglio-settembre l’economia è cresciuta ad un ritmo annuo del 5,3%. L’aumento degli investimenti dei produttori, alimentato dal debito, è stato controbilanciato da una spesa alquanto sostenuta nei ristoranti e negli hotel Caduta nella costruzione di appartamenti.

I dati per ottobre e novembre erano contrastanti. Gli investimenti rimangono forti in nuovi stabilimenti che producono auto elettriche e altri prodotti avanzati. Ma l’arrivo del freddo ha portato a un’ondata di malattie respiratorie in gran parte della Cina, inizialmente tra i bambini ma anche tra gli adulti. Ciò ha svuotato molti ristoranti e altri luoghi del settore dei servizi.

Moody’s ha affermato che le enormi dimensioni dell’economia cinese, la seconda più grande al mondo dopo quella degli Stati Uniti, le conferiscono una grande capacità di assorbire gli shock. Il Tesoro è d’accordo, affermando che “i fondamentali positivi a lungo termine non sono cambiati e rimarranno un importante motore della crescita economica globale in futuro”.