Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le azioni fluttuano dopo che i posti di lavoro negli Stati Uniti hanno riportato una svendita

Le azioni fluttuano dopo che i posti di lavoro negli Stati Uniti hanno riportato una svendita
  • Le azioni statunitensi sono state contrastate dopo le pesanti vendite di venerdì
  • I rendimenti del Tesoro scendono
  • Il petrolio è in rialzo dell’1%, dai minimi di più mesi

(Reuters) – I mercati azionari globali sono rimasti per lo più piatti lunedì, incapaci di riprendersi molto dalle pesanti vendite della scorsa settimana innescate da un forte rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti che ha rafforzato la tesi di forti aumenti dei tassi di interesse. Il dollaro si è indebolito ei rendimenti dei titoli di Stato sono scesi.

A Wall Street, la media industriale del Dow Jones (.DJI) È aumentato dello 0,08% a 3.2831,23; Standard & Poveri 500 (.SPX) Ha perso lo 0,05% a 4.143,27; E il Nasdaq (diciannovesimo) Ha aggiunto solo lo 0,04% a 12.662,28. Leggi di più

Euro Stoxx 600 largo (.stoxx) Lunedì è salito di circa lo 0,75%, guidato dai titoli economici e di crescita, che l’hanno aiutata a riprendersi dalle perdite di venerdì. Indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS), che misura le azioni in 47 paesi, ha aggiunto solo lo 0,22%. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I tassi elevati sono rimasti al centro dell’attenzione degli investitori.

“L’aumento dell’inflazione e la reazione della Fed ad essa sono stati un vero vento contrario alle valutazioni di quest’anno”, hanno scritto lunedì gli strateghi di Morgan Stanley in una nota. “Tuttavia, è stato anche un vento favorevole per i guadagni. Ora siamo dall’altra parte di quella montagna e la leva operativa probabilmente sta fluttuando più di quanto il consenso si aspetti”.

In effetti, secondo i nuovi dati del governo statunitense, gli investimenti delle imprese sembrano essere stati una delle prime vittime della grave inflazione statunitense e dell’aumento dei tassi di interesse. Leggi di più

READ  Le cancellazioni dei voli iniziano nel fine settimana del Memorial Day

I solidi dati sull’occupazione negli Stati Uniti hanno aumentato i rischi del rapporto sui prezzi al consumo negli Stati Uniti per luglio in uscita mercoledì, che potrebbe vedere un’ulteriore accelerazione dell’inflazione.

“Vediamo che l’inflazione rimarrà al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed nel prossimo anno”, hanno scritto in una nota gli strateghi del BlackRock Investment Institute. “Riteniamo che la Fed continuerà a rispondere alle richieste di domare l’inflazione fino a quando non riconoscerà come tale crescita si sia bloccata”.

I rendimenti del Tesoro USA sono scesi mentre gli investitori hanno continuato a digerire il rapporto sull’occupazione e come reagirà la Fed. I trader di futures sui fondi federali stanno ora valutando una probabilità del 67,5% di un altro aumento del tasso di 75 punti base a settembre e che il tasso sui fondi federali salga al 3,65% entro marzo, dal 2,33% di oggi.

Il rendimento del benchmark a 10 anni è sceso al 2,764% lunedì, dopo essere salito al 2,869% venerdì, il più alto dal 22 luglio. Il rendimento del titolo a due anni è stato l’ultimo al 3,217%, dopo aver toccato il 3,331% venerdì, il più alto da giugno. 16.

eccezione del dollaro?

Il dollaro USA è sceso di quasi lo 0,5% contro un paniere di sei valute principali a 106,19, rinunciando ad alcuni guadagni dopo essersi rafforzato con il boom dei posti di lavoro e dei rendimenti.

Gli analisti di cambio erano ottimisti circa le prospettive per la valuta statunitense.

“Dati come questo si aggiungeranno a qualsiasi pensiero sull'”eccezionalismo degli Stati Uniti” ed è molto positivo per il dollaro USA contro tutte le valute”, ha affermato Alan Ruskin, responsabile globale della strategia G10 FX di Deutsche Bank, riferendosi alle statistiche sull’occupazione negli Stati Uniti.

READ  United Airlines prevede di fermare JFK a meno che non ottenga più slot

L’euro ha ridotto i suoi magri guadagni per raggiungere $ 1,02.

Sorprese economiche

Bitcoin e altre criptovalute hanno guadagnato, il che tende a fungere da misura della propensione al rischio. Bitcoin è salito del 3,3% a $ 23.952.

L’oro ha rotto in rialzo lunedì mentre i rendimenti del dollaro e del tesoro sono crollati. L’oro spot è salito dello 0,8% a 1.787 dollari l’oncia, dopo essere sceso dell’1% nella sessione precedente. I futures sull’oro USA sono aumentati dello 0,66% a $ 1.784.

Lunedì i prezzi del petrolio sono aumentati, vicino ai livelli più bassi degli ultimi mesi in un commercio volatile, poiché i dati economici positivi provenienti da Cina e Stati Uniti hanno stimolato le speranze di crescita della domanda nonostante i timori di recessione. Leggi di più

Il greggio statunitense è salito dell’1% a $ 89,91 al barile e anche il greggio Brent è aumentato di circa l’1% a $ 95,91 al barile.

L’Italia si è diffusa
Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Lawrence Delevingne a Boston, Tom Wilson a Londra e Wayne Cole a Sydney; Montaggio di Andrew Heavens, Bernadette Baum e Jane Merriman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.