Maggio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le azioni iniziano a zigzag nel trimestre. Lo yen si sta avvicinando al minimo di un anno

Le azioni iniziano a zigzag nel trimestre.  Lo yen si sta avvicinando al minimo di un anno

Un passante si riflette su uno schermo elettrico che mostra un grafico dell’ultimo minuto del tasso di cambio yen giapponese/dollaro statunitense fuori da una società di intermediazione a Tokyo, Giappone, il 2 maggio 2023. REUTERS FOTO/ISEI KATO/file Ottenere i diritti di licenza

TOKYO (Reuters) – I mercati azionari asiatici hanno iniziato il quarto trimestre dell’anno in modo incerto lunedì, con scambi ridotti alle festività, con i futures sull’indice S&P 500 in rialzo mentre il dollaro ha resistito e un accordo dell’ultimo minuto per evitare un governo americano lo spegnimento ha preso il sopravvento. .

I mercati in India, Hong Kong e Cina sono rimasti chiusi per ferie.

Il Nikkei giapponese (.N225) è salito fino all’1,7%, prima di crollare su un livello piatto a metà pomeriggio. Lo yen è sceso a quasi 150 dollari per dollaro, e la sua debolezza è un vantaggio per gli esportatori che valutano i loro guadagni esteri in yen.

Anche l’accordo dell’ultima ora per evitare lo shutdown del governo statunitense, raggiunto nel fine settimana, ha contribuito a migliorare l’umore e a far salire i futures sulle azioni statunitensi dello 0,5% in Asia. Un disegno di legge di finanziamento temporaneo pubblicato nel fine settimana ha consentito al governo di continuare a lavorare fino al 17 novembre, e significa che i dati chiave, incluso il rapporto mensile sulle buste paga di venerdì, potranno procedere in tempo.

I futures europei sono saliti dello 0,2%.

“I rischi di blocco vengono solo ritardati, non eliminati”, hanno scritto gli strateghi di TD Securities in una nota al cliente.

“La sensazione di ridotta incertezza porterà probabilmente un certo sollievo ai mercati”, ma “è probabile che la volatilità del mercato rimanga elevata mentre gli investitori attendono il prossimo catalizzatore, che probabilmente saranno dati di alto livello”.

READ  I futures azionari scendono mentre Wall Street attende i risultati di medio termine

Le azioni giapponesi hanno ricevuto sostegno anche dall’indagine trimestrale Tankan della Banca del Giappone, che ha mostrato un miglioramento della fiducia delle imprese. Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) è ​​rimasto piatto.

Flessibilità del dollaro

Il trading di obbligazioni e forex rimane guidato dalle aspettative che i tassi di interesse statunitensi rimarranno elevati, e la vendita di obbligazioni giapponesi lunedì ha provocato una risposta della banca centrale.

I rendimenti dei titoli di Stato giapponesi a 10 anni sono aumentati di un punto base raggiungendo il massimo decennale pari allo 0,775%. La Banca del Giappone ha dichiarato che acquisterà obbligazioni a 5-10 anni fino alla loro scadenza mercoledì, e l’entità degli acquisti sarà annunciata allora. I futures sono rimbalzati alla notizia.

Nel mercato dei titoli del Tesoro, il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è aumentato di 4 punti base al 4,6124%, mentre il rendimento a 2 anni è aumentato di 3,7 punti base al 5,0832%.

Il dollaro è rimasto elevato sui mercati valutari, nonostante si sia fermato dai livelli massimi registrati la scorsa settimana, ad eccezione dello yen, che ha registrato il suo livello più alto dallo scorso ottobre a 149,74 yen.

“La relativa resilienza della crescita negli Stati Uniti e una Fed aggressiva sono fattori che continuano a sostenere il dollaro, finché i dati statunitensi non inizieranno a mostrare segnali più materiali di declino”, ha affermato Christopher Wong, stratega valutario presso OCBC.

I sondaggi contrastanti sulle fabbriche cinesi e l’aspettativa di nessuna modifica ai tassi di interesse nelle riunioni delle banche centrali nei prossimi giorni hanno messo sotto pressione il dollaro australiano e quello neozelandese.

READ  Amazon schiaffeggia i venditori statunitensi con il 5% di carburante e supplementi per l'inflazione

Il dollaro australiano è sceso dello 0,5% a 0,6400 dollari USA, mentre il dollaro neozelandese è sceso dello 0,2% a 0,5986 dollari USA. L’euro è sceso leggermente a 1,0564 dollari.

I prezzi del petrolio greggio si sono stabilizzati dopo i cali di fine settimana

I futures del greggio Brent per dicembre sono aumentati di 16 centesimi, o dello 0,2%, a 92,36 dollari al barile. I futures sul greggio statunitense West Texas Intermediate hanno guadagnato 20 centesimi, o lo 0,1%, a 90,99 dollari al barile.

Lo riferisce Kevin Buckland. Report aggiuntivi di Tom Westbrook a Singapore. A cura di Edwina Gibbs e Simon Cameron-Moore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda