Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le proteste di massa in Cina sopraffanno i regimi di censura

Le proteste di massa in Cina sopraffanno i regimi di censura

La famigerata polizia di Internet cinese non riesce a tenere il passo con l’enorme volume di video che espongono i disordini nel paese segreto, mentre i residenti stanchi protestano contro le rigide regole di blocco del COVID del governo.

Il temibile sistema di censura non è in grado di scattare istantanee di dimostrazioni accese abbastanza velocemente, mentre i manifestanti astuti usano anche trucchi per eludere i loro sistemi, Lo ha riferito mercoledì il New York Times.

“Questa è una violazione cruciale del grande silenzio”, ha detto alla pubblicazione Xiao Qiang, ricercatore sulla libertà di Internet presso l’Università della California, Berkeley.

Video di manifestanti che si scontrano con la polizia, o tenendo fogli di carta bianchi in segno di sfida, Circolava sui social da giorni: un’insolita e coraggiosa dimostrazione di resistenza nella Cina autoritaria.

Il filmato, pubblicato martedì su Twitter, mostra dozzine di poliziotti antisommossa di Guangzhou che avanzano in formazione verso le barriere strappate mentre i manifestanti lanciano oggetti contro di loro.

Altri video hanno mostrato la polizia che dispiega gas lacrimogeni nel distretto di Hezhou della città.

Personale di sicurezza che indossa indumenti protettivi arresta un manifestante nella città di Zhengzhou, nella provincia di Henan, nella Cina centrale.
AP

La massima autorità di contrasto del Partito Comunista ha promesso martedì in una dichiarazione che la Cina avrebbe represso le “attività di infiltrazione e sabotaggio delle forze ostili”.

Anche il Comitato centrale per gli affari politici e legali ha affermato che non tollererà “atti illegali e criminali che turbano l’ordine sociale”.

Ma i video di protesta continuano a circolare.

Secondo Qiang, la dipendenza della Cina dall’automazione per censurare i suoi cittadini online ha reso difficile reprimere la resistenza dei social media, poiché gli incidenti sono stati rappresentati da più angolazioni con molteplici opportunità di diventare virali.

READ  Convalida di falsi video sul conflitto in Ucraina

“Una volta che la rabbia si riversa in strada, diventa molto difficile censurarla”, ha detto Chiang.

Un ex censore cinese ha dichiarato al New York Times che Pechino dovrà assumere più monitor – e sviluppare algoritmi di monitoraggio più sofisticati – se vuole fermare il torrente di video pubblicati online.

I manifestanti hanno anche esplorato soluzioni alternative – aggiungendo filtri o creando videoclip di video che vengono riprodotti su altri dispositivi – in un tentativo astuto e apparentemente riuscito di aggirare la censura statale.

Screenshot di manifestanti cinesi che lanciano oggetti contro la polizia
Persone lanciano oggetti contro le forze di sicurezza durante una protesta vicino alla fabbrica Foxconn di Apple a Zhengzhou.
tramite Reuters

Un numero crescente di manifestanti ha anche iniziato a utilizzare reti private virtuali – e software simili – che consentono loro di accedere a servizi come Instagram e Twitter, che sono bloccati da Internet in Cina.

Durante il fine settimana è stato riferito che la polizia in Cina stava confiscando cellulari, cercando foto o video delle proteste e cancellandoli, insieme a qualsiasi software VPN.

La scintilla dei giorni di sfida è stata lanciata Un incendio mortale la scorsa settimana nella città dell’estremo ovest di UrumqiSecondo quanto riferito, gli sforzi di salvataggio sono stati ostacolati dalle rigide restrizioni di blocco del coronavirus del paese.

La città è stata sottoposta a un blocco COVID di 100 giorni.

Screenshot dei manifestanti cinesi che si scontrano con la polizia
Sono circolati video che mostrano i manifestanti che si scontrano con la polizia nonostante i tentativi della censura di rimuoverli dalle piattaforme cinesi.
tramite Reuters

Entro domenica, le proteste avevano raggiunto le principali città come Nanchino, Shanghai e Guangzhou, così come la capitale, Pechino.

Le proteste, nominalmente per la cosiddetta politica di blocchi massicci del presidente cinese Xi Jinping per arginare la diffusione della pandemia, sono diventate un referendum sulla presa del potere da parte di Xi.

Il leader si è recentemente allontanato dalle tradizioni del Partito comunista cinese e si è nominato per un terzo mandato alla guida del Paese.

READ  5 cose da sapere prima dell'apertura della Borsa di mercoledì 16 novembre

Sebbene il governo non abbia ancora riconosciuto le richieste dei manifestanti, mercoledì le città di Guangzhou e Chongqing hanno annunciato un allentamento di alcune regole di quarantena per il COVID-19.

Un uomo con un lungo palo affronta la polizia in Cina
Violente proteste sono scoppiate in tutto il paese in risposta alle rigide politiche di blocco della Cina.
AFPTV/AFP tramite Getty Images

L’annuncio arriva dopo che lunedì le autorità sanitarie di Pechino hanno annunciato una campagna per incoraggiare i cinesi più anziani a ottenere il vaccino COVID 19, che alcuni hanno visto come un presagio di un cambiamento nelle politiche di blocco.

Solo due terzi dei cinesi di età superiore agli 80 anni hanno ricevuto almeno una dose del vaccino e meno della metà ha avuto un’overdose.

Al contrario, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il 93% degli americani di età pari o superiore a 65 anni è completamente vaccinato.

con filo