Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

LeBron James ha utilizzato l’All-Star Weekend per avvisare i Los Angeles Lakers

LeBron James ha utilizzato l'All-Star Weekend per avvisare i Los Angeles Lakers

I Los Angeles Lakers potrebbero dover scambiare per lui LeBron James quest’estate.

James è stato chiaramente umiliato dalla dirigenza dei Lakers due volte nelle ultime due settimane. La prima quando ha scelto di non concludere un accordo prima della scadenza del 10 febbraio dopo che lui lo aveva esortato pubblicamente e privatamente a fare qualcosa. Più precisamente, aspettalo. E in secondo luogo, quando il direttore generale dei Lakers Rob Pelinka ha tagliato il traguardo quando ha annunciato che James era a conoscenza dello status quo. Una fonte ha detto a ESPN che non c’era la pre-approvazione da parte di James.

Da allora, ha martellato le nocche della squadra con round di manovre del marchio passivo-aggressive, sia sui social media che nelle conferenze stampa. È poi diventato aggressivo durante l’All-Star Weekend in un’intervista con The Athletic, dove ha lasciato cadere del liquido più leggero su un precedente concetto di Bubbles che avrebbe potuto finalmente tornare ai Cleveland Cavaliers prima di ritirarsi.

Non importa come James, 37 anni, potrebbe provare a dare forma a quelle citazioni d’ora in poi – è stato così ansioso di qualificarle – un importante impiegato dei media, mentre si trovava a Cleveland, stava parlando con un giornalista che conosce bene. Sapeva esattamente cosa stava facendo.

Proprio come stava facendo la scorsa settimana, a seguito dell’inerzia rispetto alla scadenza di scambio, quando ha parlato di come il suo recente infortunio al ginocchio potrebbe turbarlo per il resto della stagione. Il ginocchio è sicuramente un problema, ma James stava anche gettando le basi per darsi delle opzioni a seconda di come il resto della stagione ha giocato per i Lakers (27-31).

Quello che James sta facendo probabilmente mira a un obiettivo primario: costringere i Lakers a fare un grande lavoro quest’estate. Ha cercato di farlo bene e ora lo fa duramente.

Non si tratta di lasciare Los Angeles, non è qualcosa che James vuole. Non si tratta nemmeno di giocare con suo figlio. Bruni, 17 anni, ha almeno due anni fuori dalla NBA, se è capace e pronto a quell’età. C’è un sacco di basket di tanto in tanto, e come James ha chiarito in questa stagione, c’è ancora benzina nel serbatoio da spargere prima di preoccuparsi di quel sogno.

READ  Dana White: Joe Rogan avrebbe potuto lavorare a UFC 271, programmare la storia del conflitto si chiama "bullshit*t"

A James non importava mai delle scelte di draft, presenti o future. Ha avuto un interesse occasionale nello sviluppo dei suoi giovani compagni di squadra, adottandone alcuni nel corso degli anni. Ma non aveva mai avuto problemi a dire addio se la sua carica lo avesse spinto al premio d’oro più vicino più velocemente. Qualsiasi giovane nella sua lista che la pensa diversamente non ha fatto le sue ricerche.

Ora sta giocando e vuole sempre vincere il campionato nella stagione in cui è. Non giochi otto finali NBA consecutive, 10 delle quali in 13 anni cambiando squadra tre volte, concentrandoti solo sul lungo termine. James dice ai suoi team di lavorare in questo modo, ne parla ogni giorno e si aspetta anche gli altri. Ciò include interamente la gestione.

Ora sarebbe saggio ricordare l’inverno del 2018, quando James era frustrato dal team difettoso di Caves. Si è rifiutato di prolungare il suo contratto l’estate precedente quando ha concluso un accordo Paolo Giorgio Era sul tavolo. Il proprietario di Cleveland Dan Gilbert ha risposto con un inchino Keri IrvingDomanda commerciale, ottenere un accordo incentrato sulla scelta del draft e non sui giocatori come James ha chiarito che voleva.

Ci fu una ragionevole smentita, ma a metà gennaio James iniziò a suonare sotto una qualche forma di protesta. Tutti nella squadra ne erano consapevoli ed era chiaro che se si guardava abbastanza da vicino, i piedi di James erano fuori dal gas. Kobe Altman, direttore generale di Gilbert e Caves, era a un bivio e sapeva che c’era una forte possibilità che James lasciasse il free agency, ma avevano ancora il resto della stagione.

READ  L'ex-Baylor Bears QB Gerry Bohanon si impegna a trasferirsi nei South Florida Bulls

Alla fine, Gilbert e Altman si sono resi conto che non avevano scelta. James era una risorsa insostituibile. Una volta che se ne sarà andato, non ci sarà nessun altro. Quindi il giorno prima della data di scambio finale, hanno concluso diversi scambi. Quella notte, Altman incontrò James prima della partita e gli disse il giorno successivo che stavano scambiando per quattro nuovi giocatori e decisero di usare la loro scelta al primo turno quell’anno per farlo. È stato il settimo primo giocatore a scambiarli nelle quattro stagioni in cui James è tornato.

gioco

0:59

Mentre manda in frantumi il gioco di Josh Giddey, LeBron James ha detto che Sam Presti è il miglior giocatore del suo gioco con il suo occhio al talento.

Quella notte, peppy James terminò il suo colpo da capolavoro con 37 punti, 10 rimbalzi e 15 assist che includevano il colpo del cicalino per vincere una partita contro i Minnesota Timberwolves. Ha affrontato questo con un movimento per la personalità passiva-aggressiva Hall of Fame, voltando le spalle a Isaiah Thomas quando ha incaricato la corte di celebrare. James non ha mai voluto che i Cavs scambiassero con Thomas e sapeva già che sarebbe stato spedito il giorno successivo.

I Cavs hanno ottenuto quattro giocatori alla scadenza, ma non era quello il vero premio. Quella notte, i membri del front office si guardarono e si resero conto: quello che stavano davvero scambiando era James.

Ha proseguito con una delle più grandi serie post-stagionali della sua carriera professionale, ottenendo due successi strepitosi e vincendo due partite in Game Seven, di cui una in trasferta, per rivendicare la sua ottava finale consecutiva.

I Lakers si sono cimentati in tutto, entrando negli affari dei Cavs e usandoli per ottenere uno spazio di stipendio più alto per ingaggiare James l’estate successiva e guadagnare la loro scelta al primo turno.

Ora potrebbero aver bisogno di ricordarlo.

READ  Note sui giganti: Logan Webb domina Padres 2-1

Dopo che i Lakers hanno vinto il titolo nel 2020, James ha esteso il suo contratto di due stagioni fino al 2023. A causa delle regole relative a questa estensione, James non è stato in grado di ottenere un’opzione giocatore nell’accordo. Questa è la prima volta che non ha la possibilità di rescindere il contratto in anticipo da quando ha un contratto da principiante per quasi due decenni.

Non ci sono stati problemi anche quando l’accordo è stato annunciato, ma ora è una circostanza fortunata. I Lakers arriveranno quest’estate senza doversi preoccupare che James entri nel libero arbitrio e lo guarderà funzionare prima di decidere se firmare di nuovo.

Ma non è gratuito. Il 4 agosto è il primo giorno in cui James può prolungare nuovamente il suo contratto. I Lakers ne offriranno sicuramente uno. James avrà alcune richieste prima di accettare.

I Lakers hanno un elenco imperfetto – sì, James ha giocato un ruolo importante nel metterlo insieme, ma ciò non significa che non sia pronto a divorziare – ma hanno delle opzioni. Se Russell Westbrook Scegliendo la propria opzione giocatore, avrà un contratto scaduto del valore di $ 47 milioni.

Dopo che sono stati in grado di scambiare la loro scelta solo nel primo round del 2027, cosa che i Lakers hanno deciso di non scambiare entro la scadenza, in parte perché avevano ancora due priorità future da Antonio Davis Deal – Le regole consentiranno quindi ai Lakers di scambiare la loro scelta del 2029.

Essere aggressivi e ipotecare ulteriormente il futuro sarà doloroso e rischioso. Ma James chiarisce i suoi sentimenti: non gli importa. Fallo e otterrà più nuovi giocatori, e ciò manterrà James profondamente coinvolto.

Questo è qualcosa che nessuna squadra è stata in grado di rifiutare.