Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'esercito israeliano afferma di aver ritirato le sue forze da Khan Yunis dopo mesi di combattimenti

L'esercito israeliano afferma di aver ritirato le sue forze da Khan Yunis dopo mesi di combattimenti

Mohamed Abed/AFP/Getty Images

Mesi di combattimenti a Khan Yunis portarono alla distruzione dell'area.



CNN

L'esercito israeliano ha dichiarato di aver ritirato le sue forze di terra da… Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza Dopo mesi di aspri combattimenti.

IL Forze di difesa israeliane (IDF) Le forze di occupazione hanno detto domenica che la 98a Divisione aveva “completato la sua missione” a Khan Yunis. La divisione stava lasciando la Striscia di Gaza “per riprendersi e prepararsi per le operazioni future”.

L'esercito israeliano ha aggiunto: “Una grande forza guidata dalla 162a Divisione e dalla Brigata Nahal continua ad operare nella Striscia di Gaza e preserverà la libertà d'azione dell'esercito israeliano e la sua capacità di effettuare accurate operazioni di intelligence”.

La squadra della CNN lungo il confine dove le forze entrano ed escono da Gaza non ha ancora assistito al ritiro di un gran numero di truppe, ma ha assistito al ritiro di un gran numero di carri armati da Khan Yunis durante la notte. Ora sono di stanza ai confini di Gaza e Israele.

La brigata israeliana è solitamente composta da poche migliaia di soldati, ma non è chiaro esattamente quante forze israeliane si siano ritirate da Gaza.

A gennaio, la 98a divisione era la più grande divisione militare mai vista, rinforzata appositamente per combattere Hamas a Khan Yunis.

Interrogato dalla CNN sulle ragioni del ritiro, l'esercito israeliano ha rifiutato di commentare. L'IDF inoltre non ha commentato se ciò significhi che non ci sono più truppe sul terreno nel sud di Gaza.

Ciò che non è chiaro è anche cosa significhi il ritiro per i piani di Israele di invadere Rafah, la parte meridionale di Gaza che è diventata un rifugio per centinaia di migliaia di palestinesi. Israele ha affermato che l'incursione a Rafah era necessaria per raggiungere il suo obiettivo di eliminare Hamas a Gaza.

READ  Un dilemma su vasta scala per il Sudafrica

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha detto domenica che le forze lasceranno Gaza per prepararsi alle missioni successive, anche nell'area di Rafah.

“Le forze escono e si preparano prima delle missioni successive. Abbiamo visto esempi di tali missioni mentre lavoravamo a Shifa. E anche per la loro missione nell'area di Rafah”, ha detto Gallant nelle sue osservazioni durante la sua visita al Comando meridionale dell'esercito.

Gallant ha dichiarato: “Siamo arrivati ​​a una situazione in cui Hamas non controlla la Striscia di Gaza e non opera come una struttura militare che rappresenta una minaccia per i cittadini dello Stato di Israele”, sottolineando di aver completato una valutazione della situazione dal Comando Sud dell'esercito israeliano durante il ritiro delle sue forze da Khan Yunis.

Il ministro della Difesa ha aggiunto che le forze israeliane a Khan Yunis sono riuscite a distruggere “obiettivi ostili, magazzini sotterranei e armi”. [infrastructure]Sede centrale [and] Sale comunicazioni.»

L'emittente pubblica israeliana Channel 11, affiliata alla CNN, ha riferito domenica che le forze rimanenti sarebbero stazionate lungo il cosiddetto Corridoio Netzarim, la strada che divide la Striscia di Gaza in due parti. Prende il nome dall'ex insediamento israeliano di Netzarim a Gaza, il corridoio si interseca con una delle due principali strade nord-sud di Gaza, Salah al-Din Street, per creare un incrocio centrale strategico.

Prima del ritiro, l’esercito israeliano ha detto domenica che unità di commando hanno fatto irruzione e perquisito più di un centinaio di siti nel quartiere Al-Amal di Khan Yunis, dove hanno trovato un lungo tunnel e “eliminato i terroristi”. La CNN non può verificare in modo indipendente queste affermazioni.

READ  Soldati siriani uccisi in attacchi missilistici israeliani: media di stato | Notizie di guerra siriana

Intervenendo su The Week della ABC, il consigliere per le comunicazioni per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha affermato che è improbabile che la mossa sia un segno di qualche nuova operazione in arrivo, ma piuttosto un “sollievo e rinnovamento”.

“Sono sul posto da quattro mesi. La notizia che ci arriva è che sono stanchi e hanno bisogno di essere riforniti.”

Gli Stati Uniti sono il principale alleato di Israele, ma stanno facendo pressioni sul Paese affinché faccia di più per proteggere i civili e consentire l’ingresso degli aiuti.

Durante una chiamata questa settimana Tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, Biden ha chiesto a Netanyahu di adottare misure per affrontare la crisi o affrontarne le conseguenze.

Mohamed Abed/AFP/Getty Images

La gente cammina davanti agli edifici danneggiati e distrutti a Khan Yunis il 7 aprile, dopo che Israele ha ritirato le sue forze di terra dall'area.

Mohamed Abed/AFP/Getty Images

La pressione internazionale su Israele sta aumentando, con il suo stretto alleato che chiede agli Stati Uniti di fare di più per proteggere i civili.

L'esercito israeliano ha iniziato la sua campagna contro Hamas nel nord di Gaza poco dopo gli attacchi del 7 ottobre che hanno ucciso circa 1.200 persone. All’inizio della guerra, l’esercito israeliano identificò Khan Yunis come una zona più sicura e chiese ai residenti del nord di Gaza di cercare rifugio lì.

Ma quando l’attenzione dell’esercito israeliano si è spostata sempre più verso sud, la città è diventata un campo di battaglia.

Il 1° dicembre, l’esercito israeliano ha lanciato un attacco aereo su larga scala su Khan Yunis, lanciando volantini sulla città invitando i residenti a evacuare immediatamente.

READ  Guerra in Ucraina: otto morti nell'attacco russo a Liman, dicono le autorità

Da allora, l’area si è trasformata in un luogo di intensi combattimenti, lasciando la zona devastata. Durante la sua visita sul luogo dell'incidente all'inizio dell'anno, la CNN ha trovato edifici completamente distrutti o irreparabili.

L'esercito israeliano afferma che la città è una roccaforte di Hamas, aggiungendo che la rete di tunnel sotto gli edifici civili della città è probabilmente il luogo in cui Hamas ha pianificato gli attacchi del 7 ottobre. La città è il luogo di nascita del leader del movimento Hamas a Gaza. Yahya Al-Sanwar.

Hamas ha negato di essersi nascosto negli ospedali e in altri edifici civili, e la CNN non è stata in grado di verificare in modo indipendente nessuna delle due affermazioni.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.