Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Estonia ostacola l'attacco della “guerra ombra”, ha detto alla CNN il primo ministro Kaja Kallas

L'Estonia ostacola l'attacco della “guerra ombra”, ha detto alla CNN il primo ministro Kaja Kallas

Nicholas Maeterlinck/Belga Mag/AFP/Getty Images

Il primo ministro estone Kaja Kallas partecipa al vertice del Consiglio europeo che si terrà a Bruxelles il 1° febbraio.



CNN

L’Estonia ha sventato un’operazione di influenza diretta dalla Russia sul suo territorio, ha detto alla CNN il primo ministro estone Kaja Kallas.

L'operazione, che si è protratta nell'ultimo anno, ha comportato una serie di attacchi, tra cui gli atti vandalici contro le auto del ministro degli Interni e diversi monumenti. Il servizio di sicurezza interna estone ha arrestato 10 persone, tra cui cittadini russi ed estoni. Funzionari estoni affermano che sono previsti ulteriori attacchi.

“C’è una guerra ombra condotta contro le nostre comunità”, ha detto il primo ministro Kallas alla CNN. “L'obiettivo delle operazioni di influenza russa è influenzare il nostro processo decisionale democratico. Rendendo pubblici questi eventi, stiamo sensibilizzando affinché queste operazioni non abbiano l'impatto sperato dalla Russia”.

Funzionari estoni hanno detto alla Galileus Web che l'operazione è stata effettuata sotto la supervisione e in coordinamento con i servizi di sicurezza russi. Gli Stati Uniti e le agenzie di intelligence alleate hanno identificato il Servizio di Sicurezza Federale (FSB), il principale servizio di sicurezza russo e successore del KGB, come responsabile di operazioni di influenza simili in diversi paesi europei negli ultimi anni.

Martedì il governo estone ha annunciato che i dieci sospettati erano stati arrestati con l’accusa di “agire per conto di un servizio speciale russo”. “Per quanto ne sa il servizio di sicurezza interna estone, il suo obiettivo era diffondere la paura e creare tensione nella società estone”, si legge nella dichiarazione.

READ  La Russia segnala attacchi di droni su larga scala nel Paese: aggiornamenti in tempo reale per l’Ucraina

Alcuni dei sospettati sono stati reclutati sui social media, secondo Margot Palusson, direttore generale del Servizio di sicurezza interna estone.

La Russia non ha ancora risposto a queste accuse.

In precedenza, Kallas aveva postato su X, precedentemente noto come Twitter, che “l’Estonia è riuscita a fermare un’operazione ibrida portata avanti dai servizi di sicurezza russi sul nostro territorio”, aggiungendo: “Sappiamo che il Cremlino prende di mira tutte le nostre società democratiche”.

Callas ha detto alla CNN che il suo governo sta conducendo l’operazione e che i collegamenti russi sono pubblici per mitigare l’impatto degli attacchi.

La Russia ha effettuato un massiccio attacco ibrido contro l’Estonia nel 2007, coinvolgendo attacchi informatici orchestrati dalla Russia e disordini civili. L’Estonia, alleato della NATO, ha aderito all’alleanza nel 2004.

Gli analisti dell’intelligence affermano che diverse agenzie russe, tra cui il Servizio di sicurezza federale russo e il Servizio di intelligence estero russo (SVR), sono coinvolte in operazioni ibride in tutta l’Europa orientale.

L’Estonia è stata un obiettivo particolare a causa della sua ampia minoranza di lingua russa – circa il 25% della popolazione.

Secondo i documenti dell’amministrazione presidenziale trapelati lo scorso anno, il Cremlino è anche direttamente coinvolto nella definizione delle operazioni di influenza russa nei paesi vicini.

I documenti, alcuni dei quali sono stati visti dalla CNN, stabiliscono una serie di obiettivi volti a indebolire l’orientamento occidentale degli Stati baltici e della Moldavia.

Nel marzo dello scorso anno, la Casa Bianca aveva affermato che “gli attori russi, alcuni con legami esistenti con l’intelligence russa, stanno cercando di organizzare e utilizzare le proteste in Moldavia come base per l’indignazione”. Rivolta fabbricata Contro il governo moldavo”.

READ  L'avvocato delle Nazioni Unite risponde alla controversia russa sulle indagini sui droni iraniani

Gli sforzi nei tre Stati baltici, tutti membri della NATO e dell’Unione europea, sono stati generalmente meno significativi, concentrandosi sullo spostamento dell’opinione pubblica attraverso i social media e l’attivismo filo-russo.

Questa è una storia in via di sviluppo e verrà aggiornata.