Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inflazione nel Regno Unito scende al 6,7%, al di sotto delle aspettative a causa del calo dei prezzi dei prodotti alimentari

L’inflazione nel Regno Unito scende al 6,7%, al di sotto delle aspettative a causa del calo dei prezzi dei prodotti alimentari

Un acquirente esplora frutta e verdura in vendita in un mercato coperto a Sheffield, nel Regno Unito. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha recentemente previsto che quest’anno il Regno Unito vedrà il tasso di inflazione più alto tra tutte le economie avanzate.

Bloomberg | Bloomberg | Immagini Getty

L’inflazione nel Regno Unito ha sorpreso con un calo al 6,7% in agosto, al di sotto delle aspettative e scatenando crescenti scommesse sulla sospensione degli aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca d’Inghilterra giovedì.

Su base mensile l’indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,3%.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che il dato principale si attestasse al 7% annuo e aumentasse dello 0,7% su base mensile a fronte di un leggero aumento dei prezzi nelle stazioni di pompaggio. Luglio ha visto un aumento del 6,8% su base annua e una diminuzione dello 0,4% su base mensile.

“I maggiori contributi al ribasso alla variazione mensile sia del CPIH che del CPIH annualizzato sono venuti dal cibo, dove i prezzi sono aumentati meno nell’agosto 2023 rispetto a un anno fa, e dai servizi di alloggio, dove i prezzi possono essere volatili e sono diminuiti nell’agosto 2023.” Lo ha riferito l’Ufficio per le statistiche nazionali.

“L’aumento dei prezzi dei carburanti ha dato il maggiore contributo al rialzo alla variazione delle tariffe annuali”.

L’indice dei prezzi al consumo core – che esclude la volatilità dei prezzi di prodotti alimentari, energia, alcol e tabacco – è stato del 6,2% nei 12 mesi terminati alla fine di agosto, in calo rispetto al 6,9% di luglio. Il tasso dei beni è aumentato leggermente dal 6,1% al 6,3%, ma è stato controbilanciato dal significativo rallentamento del tasso dei servizi, passato dal 7,4% al 6,8%.

READ  JPMorgan vede 3 miliardi di dollari di interessi netti dall'accordo con la Prima Repubblica

Questo inaspettato calo dell’inflazione core sarà particolarmente apprezzato dai politici, insieme ai segnali che i prezzi al dettaglio stanno iniziando ad allentarsi per i consumatori, ha affermato Raul Rubarel, direttore del Center for Growth del Boston Consulting Group.

“Ciò, combinato con la crescita dei salari nominali, suggerisce che i salari reali continueranno ad aumentare fino alla fine dell’anno. Nel complesso, questo sarà un sollievo per le famiglie, ma è anche un altro segnale che l’economia sembra rallentare”. Ruparel ha detto in una e-mail mercoledì.

“Crediamo che la Banca d’Inghilterra continuerà ad aumentare i tassi di interesse domani, ma i dati di oggi incoraggeranno coloro che spingono affinché questo sia l’ultimo rialzo dei tassi. Tuttavia, evidenziano anche la sfida che la Banca d’Inghilterra si trova ad affrontare mentre l’economia ora mostra segni di ripresa. rallentando e rallentando.” . “Il pieno impatto dei tassi di interesse più alti deve ancora essere avvertito”.

La Banca d’Inghilterra annuncerà la sua prossima decisione di politica monetaria giovedì, mentre i politici continuano i loro sforzi per riportare l’inflazione verso l’obiettivo del 2% della banca.

Il mercato prevede ampiamente un aumento del tasso di 25 punti base, che porterebbe il tasso di interesse di riferimento della banca al 5,5% – il livello più alto dal dicembre 2007.

Alla luce della sorpresa sull’inflazione al ribasso di mercoledì, i prezzi di mercato per la pausa della Banca d’Inghilterra sono saliti dal 20% a quasi il 50% intorno alle 7:40, ora di Londra.

Carolyn Simons, chief investment officer per il Regno Unito presso UBS, ha dichiarato alla CNBC che la banca centrale probabilmente alzerà ancora i tassi di interesse giovedì.

READ  Mercati dell'Asia Pacifico, Tankan giapponese e commercio: aggiornamenti in tempo reale

“Pensiamo che questo sarà l’ultimo aumento, perché abbiamo queste forze al ribasso sull’inflazione”, ha aggiunto.

“Penso che il recente aumento dei prezzi del petrolio abbia reso le persone nervose per il fatto che l’edizione cartacea di questa mattina potrebbe non continuare a scendere, quindi è per questo che le persone hanno avuto un rischio maggiore sui loro numeri, ma penso che la tendenza generale sia ribassista.”