Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’OMS esorta la Cina a rilasciare maggiori informazioni su COVID-19 dopo che Pechino ha riportato 60.000 decessi correlati al coronavirus

L’OMS esorta la Cina a continuare il rilascio Dati COVID-19 Dopo che sabato Pechino ha riportato quasi 60.000 decessi correlati al coronavirus dall’8 dicembre.

L’annuncio di Pechino è stato il primo bilancio ufficiale delle vittime da quando il Partito Comunista al governo ha bruscamente abolito le restrizioni anti-virus a dicembre, nonostante un’ondata di infezioni che ha travolto gli ospedali. Ciò ha lasciato l’Organizzazione mondiale della sanità e altri governi a chiedere informazioni, mentre gli Stati Uniti, la Corea del Sud e altri paesi hanno imposto controlli. visitatori cinesi.

Una donna e bambini che indossano maschere per il viso vengono accompagnati da passeggeri mascherati in attesa nella sala partenze per prendere i loro treni alla stazione ferroviaria ovest di Pechino, domenica 15 gennaio 2023.
(Foto AP/Andy Wong)

In precedenza, il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha riportato solo 36 decessi dal 7 dicembre all’8 gennaio, secondo il Ministero della Salute cinese. Washington Post.

Nel suo bilancio delle vittime rivisto, Pechino ha affermato che 5.503 persone sono morte per insufficienza respiratoria causata da COVID-19 e ci sono stati 54.435 decessi per cancro, malattie cardiache e altre malattie correlate a COVID-19 tra l’8 e il 12 gennaio.

I funzionari affermano che OMICRON SUBVARIANT XBB.1.5 potrebbe avere maggiori probabilità di infettare le persone vaccinate

Gli ultimi dati rappresentano un aumento significativo rispetto al totale precedentemente sospetto di 10.775 morti da quando la malattia è stata rilevata per la prima volta a Wuhan nel 2019.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che l’annuncio di Pechino di sabato “consente una migliore comprensione della situazione epidemiologica”.

I pazienti giacciono su letti e barelle in un corridoio di un pronto soccorso ospedaliero, durante l'epidemia di coronavirus a Shanghai, Cina, 4 gennaio 2023.

I pazienti giacciono su letti e barelle in un corridoio di un pronto soccorso ospedaliero, durante l’epidemia di coronavirus a Shanghai, Cina, 4 gennaio 2023.

READ  Macron prevede di annunciare il ritiro della Francia dal Mali | Notizie militari

Ha detto che il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha parlato al telefono con il ministro della Salute Ma Xiaowei.

“L’OMS ha richiesto che questo tipo di informazioni dettagliate continuino a essere condivise con noi e con il pubblico”, ha affermato l’organizzazione.

La National Health Commission ha affermato che sono stati contati solo i decessi ospedalieri, il che significa che nessuno dei morti a casa non è stato incluso. Non ha indicato quando o se avrebbe rilasciato numeri aggiornati.

La Cina sta lottando per smantellare le sue controverse politiche di “nessuna diffusione del virus”.

Un funzionario sanitario ha affermato che il “picco di emergenza nazionale è passato” sulla base di un calo dell’83% del numero giornaliero di persone che si recano alle cliniche per la febbre rispetto al picco del 23 dicembre.

La Cina ha contato solo i decessi per polmonite o insufficienza respiratoria nel suo conteggio ufficiale, che esclude molti decessi che potrebbero essere attribuiti al virus in altri paesi.

Nel frattempo, il servizio di treni ad alta velocità è ripreso domenica tra la Cina continentale e Hong Kong con restrizioni che consentono a 5.000 passeggeri su ciascun lato di effettuare il viaggio giornaliero e richiedono un test del virus negativo nelle ultime 48 ore.

Clicca qui per l’app FOX NEWS

Le due parti stanno riaprendo i collegamenti di viaggio che erano stati sospesi nell’ambito della strategia “zero COVID” di Pechino, che mira a tenere il virus fuori dalla Cina. Hong Kong ha imposto varie ma altrettanto severe restrizioni che hanno impedito la maggior parte dei viaggi internazionali.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

READ  Le esplosioni hanno distrutto due torri radio nella regione separatista della Transnistria in Moldova