Luglio 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’opposizione francese racconta all'”arrogante” Macron: un compromesso per conquistare consensi

L'opposizione francese racconta all'"arrogante" Macron: un compromesso per conquistare consensi
  • I conservatori affermano che l’accordo di coalizione sarebbe un “tradimento”
  • L’ufficio del presidente dice alla ricerca di soluzioni costruttive
  • L’estrema destra dice “Dobbiamo sentire”.

PARIGI, 21 giugno (Reuters) – I leader dell’opposizione francese hanno detto martedì al presidente Emmanuel Macron che non gli avrebbero reso la vita facile mentre cercava di trovare un modo per evitare la paralisi politica dopo la battuta d’arresto elettorale in parlamento lo scorso fine settimana.

Alcuni oppositori hanno affermato che Macron dovrebbe licenziare il suo primo ministro, rivedere i suoi piani di riforma e abbandonare il suo approccio al potere dall’alto verso il basso.

Sebbene abbia goduto del controllo completo del parlamento negli ultimi cinque anni, Macron ora ha bisogno di raccogliere il sostegno degli oppositori, avendo fatto arrabbiare gli elettori con l’inflazione e la sua percepita indifferenza nei confronti di un parlamento sospeso domenica.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il risultato elettorale potrebbe annunciare un’era di instabilità politica che la Francia non vedeva da decenni.

Gli alti ministri hanno affermato che il governo continuerà il suo lavoro e cercherà sostegno in parlamento ogni volta che avrà bisogno della maggioranza.

Edouard Philippe, ex primo ministro e figura influente di Macron, ha esortato i partiti a formare una coalizione per assicurarsi una maggioranza al potere. Questa sarebbe la prima volta nella politica francese moderna.

“Per la prima volta in Francia, dobbiamo formare una coalizione, una grande coalizione di persone che non vogliono lavorare insieme spontaneamente e che presentano programmi politici diversi”, ha detto Philippe a BFM TV.

Ha detto che poteva “immaginare” di raggiungere un accordo con i repubblicani conservatori, l’ex famiglia politica di Philippe da cui ha disertato dopo che Macron è stato eletto per la prima volta nel 2017.

READ  L'Ucraina ordina più sistemi missilistici; Lavrov avverte di scioperi in Russia

Ma il leader del Partito Repubblicano Christian Jacob ha detto dopo il suo incontro con Macron: “Ho detto al presidente che era fuori questione stipulare un accordo di coalizione, questo sarebbe un tradimento dei miei elettori”.

Yacoub aveva precedentemente descritto il presidente come “arrogante”.

Ma nel suo accampamento cominciarono ad apparire delle crepe. Catherine Vautrin, un membro dei repubblicani che è stato citato come candidato per il nuovo primo ministro di Macron, ha esortato il suo partito ad ammorbidire la sua posizione.

“Tutti i legislatori repubblicani condividono il punto di vista di Christian Jacob? Non ne sono sicuro”, ha detto. “Essere sempre in opposizione è inutile”.

Ha detto che il suo campo potrebbe trovare un terreno comune con Macron sulle riforme pianificate, in particolare per quanto riguarda la legislazione sulle pensioni.

Les Republicains forniscono il posto più ovvio per Macron per trovare supporto. La loro piattaforma economica è in gran parte in linea con il programma di Macron, compresi i suoi piani per aumentare l’età pensionabile da tre anni a 65 anni.

Jacob ha detto che il suo partito sarebbe “responsabile”, apparentemente aprendo la porta a trattative potenzialmente disordinate sulla base del disegno di legge.

“Sprecare il nostro tempo”

L’Eliseo ha affermato che il presidente filo-europeo, che vuole approfondire l’integrazione Ue, far lavorare la Francia più a lungo e costruire nuove centrali nucleari, vuole che i colloqui di questa settimana con l’opposizione “individuino possibili soluzioni costruttive”.

READ  Elezioni francesi: la coalizione di Macron dovrebbe prevalere, ma indebolirsi in Parlamento

Se Macron non riesce a ottenere il sostegno per l’adozione delle leggi, la Francia potrebbe affrontare un lungo periodo di stallo politico che potrebbe costringerlo in seguito a indire elezioni anticipate.

Jean-Luc Melenchon, il veterano dell’estrema sinistra che ha unito la sinistra in un’alleanza che ha ottenuto il secondo maggior numero di parlamentari, ha detto ai giornalisti che il primo ministro Elizabeth Bourne doveva andarsene.

“Stiamo solo sprecando il nostro tempo”, ha detto.

L’Eliseo ha detto che Bourne aveva presentato le sue dimissioni ma Macron aveva rifiutato in modo che il governo potesse continuare ad operare.

Non sembra esserci una soluzione rapida a portata di mano e da giovedì Macron – che non ha parlato pubblicamente dalle elezioni – sarà distratto da una settimana di incontri internazionali all’estero, compresi i vertici dell’UE, del G7 e della NATO.

flessibilità

Marine Le Pen, il cui raduno nazionale di estrema destra ora comprende 89 deputati, su otto nella precedente legislatura, ha detto che Macron deve ascoltare ciò che il suo partito ha da dire e “non può continuare la politica che sta guidando (ancora)”.

Olivier Faure, il leader del Partito socialista, che si è unito al blocco di sinistra Nobis prima delle elezioni, ha affermato che il suo partito potrebbe sostenere alcune delle proposte politiche, ma solo se Macron ne accogliesse le idee.

“Abbiamo attraversato quello che viene chiamato il periodo di Giove in cui il presidente ha deciso da solo e in cui non risponde a nessuno”, ha detto Faury ai giornalisti.

“D’ora in poi… è costretto ad accettare un ruolo maggiore per il Parlamento… ed è bene essere responsabili, negoziare, cercare punti di accordo”.

READ  Notizie di guerra ucraino-russa: aggiornamenti in tempo reale

Secondo il segretario generale del Partito Comunista, Fabien Roussel, Macron stava valutando la possibilità di formare un governo di unità nazionale e gli chiese se avrebbe partecipato.

“Non è qualcosa che ci sconvolge – essere coinvolti con altri per ricostruire la Francia – ma tutto dipende dal progetto”, ha detto Roussel a LCI.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Dominic Vidalon, Ingrid Melander, John Irish e Tassilo Hamill, scritti da Ingrid Melander e Richard Love; Montaggio di Alison Williams, Angus McSwan e Richard Boleyn

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.