Giugno 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’uragano Lee traccia una nuova tendenza meteorologica e potrebbe segnalare altre tempeste mostruose

L’uragano Lee traccia una nuova tendenza meteorologica e potrebbe segnalare altre tempeste mostruose

Gli esperti dicono che l’uragano Lee sta riscrivendo le vecchie regole meteorologiche

Lee – che è stato rapidamente declassato a una categoria 3 più pericolosa e sabato aveva ancora quella forza – potrebbe ancora essere un favorito mentre le temperature dell’oceano salgono, creando grandi uragani in rapida crescita che minacciano le comunità più a nord e nell’entroterra, dicono gli esperti.

“Gli uragani diventano più forti alle latitudini più elevate”, ha affermato Marshall Shepherd, direttore del Programma di scienze atmosferiche dell’Università della Georgia ed ex presidente dell’American Meteorological Society. “Se questa tendenza continua, lo porterà in destinazioni sportive come Washington, DC, New York e Boston.”

Iperintensificazione

Quando gli oceani si riscaldano, agiscono come carburante per gli uragani.

“Quel calore in più viene riemesso ad un certo punto, e uno dei modi in cui lo fa è attraverso uragani più forti”, ha detto Shepherd.

Giovedì sera, Lee ha infranto lo standard di ciò che i meteorologi chiamano rapida intensificazione, ovvero quando i venti sostenuti di un uragano aumentano fino a 56 km/h in 24 ore.

“Ha accelerato fino a 80 mph (129 kmh)”, ha detto Shepherd. “Non posso sottolinearlo abbastanza. Avevamo questo parametro a 35 mph, una tempesta qui era il doppio, e vediamo che ciò accade spesso”, ha detto Shepherd, che descrive quello che è successo con Lee come un’esagerazione.

READ  John Fetterman è tornato in campagna dopo un ictus

Con temperature oceaniche molto calde e bassa pressione atmosferica, “tutte le stelle erano allineate affinché si intensificasse rapidamente”, ha affermato Kerry Emanuel, professore di scienze atmosferiche presso il Massachusetts Institute of Technology.

Minacce domestiche

Una condizione di Categoria 5, quando i venti sostenuti sono almeno 157 mph (253 km/h), è estremamente rara. Brian McNoldy, scienziato e ricercatore sugli uragani presso l’Università di Miami, ha affermato che solo il 4,5% delle tempeste nominate nell’Oceano Atlantico sono entrate nella categoria 5 negli ultimi dieci anni.

I grandi uragani più intensi minacciano anche le comunità dell’entroterra, poiché le tempeste mostruose possono diventare così potenti da diventare uragani mortali su lunghe distanze sulla terraferma.

“Penso che sia una specie di storia”, ha detto Shepherd. “Poiché queste tempeste si stanno avvicinando così violentemente verso la terraferma, e talvolta si muovono così velocemente, sono ancora uragani nell’entroterra.”

L’uragano Italia è un esempio recente. È stato un uragano il mese scorso quando è arrivato a terra nella Florida Panhandle ed è entrato nel sud della Georgia, dove si è schiantato sulla città di Valdosta a circa 70 miglia (116 chilometri) di distanza. Nella zona della Valdosta almeno 80 case sono state distrutte e centinaia danneggiate.

Onde mostruose

Anche se è troppo presto per sapere quanto Lee potrebbe avvicinarsi alla costa orientale degli Stati Uniti, gli abitanti del New England sono cauti nei confronti della tempesta. Man mano che si avvicina, potrebbe portare il mare più alto e portare le correnti su e giù lungo la costa orientale.

READ  Gara di hot dog di Netflix con Joey Chestnut e Kobayashi

“Quello che vedremo da Lee – e siamo molto ottimisti – è che sarà un grande creatore di onde”, ha detto Mike Brennan, direttore del National Hurricane Center, in un briefing venerdì.

Sabato, Lee si è spostato in mare aperto per centinaia di miglia al largo delle Isole Sottovento settentrionali, provocando gravi inondazioni nei Caraibi nordorientali.

“Questa mattina, l’altezza delle onde più alte che stavamo analizzando a Lee era compresa tra 45 e 50 piedi, e le onde più alte potrebbero essere il doppio”, ha detto Brennan, riferendosi alle onde più al largo. “Quindi potremmo osservare onde di 80, 90 piedi associate a Lee.”