Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mark Mobius, il prezzo di Bitcoin sale dopo le sanzioni contro la Russia

Mark Mobius, il prezzo di Bitcoin sale dopo le sanzioni contro la Russia

L’investitore veterano Mark Mobius ha affermato che il recente rally in bitcoin può essere attribuito ai russi che hanno acquistato la criptovaluta.

“Non sarei un acquirente, ma se fossi russo, sarei un acquirente”, ha detto Moebius a “Capital Connection” della CNBC martedì.

“Direi che questo è il motivo per cui bitcoin sta mostrando il suo potere ora, perché i russi hanno un modo per essere pagati, per estrarre la loro fortuna”, ha affermato Mobius, co-fondatore di Mobius Capital Partners.

Bitcoin I prezzi sono aumentati del 10% lunedì quando sono state imposte sanzioni alle istituzioni russe, comprese le banche, in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte del paese.

Dall’inizio dell’invasione giovedì, le transazioni sullo scambio centrale di bitcoin sono sia in rublo russo che in grivna ucraina È salito al livello più alto da mesi. Secondo la società di dati crittografici Kaiko.

Nelle prime ore di martedì mattina ET, il bitcoin veniva scambiato a circa 43.327$.

Leggi di più sulle criptovalute da CNBC Pro

Gli Stati Uniti hanno risposto all’attacco non provocato di Mosca all’Ucraina con diversi round di sanzioni contro le banche russe, la sua banca centrale, il debito sovrano del Paese, Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov.

Durante il fine settimana, gli Stati Uniti, gli alleati europei e il Canada hanno concordato di isolare le principali banche russe dal sistema di messaggistica interbancario SWIFT, che collega più di 11.000 banche e istituzioni finanziarie in più di 200 paesi e territori.

Anche la Casa Bianca La ricerca della ricchezza personale dei miliardari russiha recentemente annunciato la creazione di un team aziendale mirato alle proprie attività redditizie, inclusi yacht e ville.

READ  Elon Musk: accordo su Twitter "temporaneamente sospeso"

Senza bitcoin, ha detto Mobius, i russi “sarebbero davvero nei guai con tutte le chiusure dei vari modi per trasferire denaro all’estero”.

Martedì Ari Redboard della società di intelligence blockchain TRM Labs ha anche detto alla CNBC che la Russia si rivolgerà alle criptovalute nel tentativo di eludere le sanzioni.

Tuttavia, le criptovalute non possono essere utilizzate “su una scala che può avvicinarsi alla risoluzione del problema delle sanzioni”, ha affermato Redboard, capo degli affari legali e governativi dell’azienda.

“Non c’è liquidità lì per avere un impatto reale in termini di ciò che la Russia sta affrontando ora”, ha detto.

Redbord ha anche affermato che la maggior parte della liquidità è su grandi scambi di criptovaluta che dispongono di “forti controlli di conformità” in atto per monitorare le transazioni che porterebbero a segnalazioni di attività sospette.

Dove investire tra le tensioni geopolitiche