Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Microsoft afferma di non avere alcuna partecipazione in OpenAI poiché Tie-Up deve affrontare un’indagine antitrust

Microsoft afferma di non avere alcuna partecipazione in OpenAI poiché Tie-Up deve affrontare un’indagine antitrust

Le fonti affermano che Microsoft ha concluso un accordo per ottenere circa la metà dei ricavi finanziari di OpenAI. (file)

Mentre i regolatori globali esaminano l’investimento di 13 miliardi di dollari di Microsoft Corp. in OpenAI, il colosso del software ha una semplice argomentazione che spera possa trovare risonanza con i funzionari antitrust: non ha una partecipazione tradizionale nella vivace startup, quindi non si può dire per controllarlo.

Quando Microsoft ha negoziato un ulteriore investimento di 10 miliardi di dollari in OpenAI a gennaio, ha scelto un accordo insolito, hanno detto all’epoca persone a conoscenza della questione.

Invece di acquistare parte del laboratorio di intelligenza artificiale all’avanguardia, ha raggiunto un accordo per prendere circa la metà dei rendimenti finanziari di OpenAI fino a quando l’investimento non sarà ripagato fino a un limite predeterminato, ha detto una delle persone. La struttura non convenzionale è stata creata perché OpenAI è una società a scopo di lucro con sede all’interno di un’organizzazione senza scopo di lucro.

Tuttavia, non è chiaro se i regolatori vedano una differenza. L’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati ha dichiarato venerdì che stava raccogliendo informazioni dalle parti interessate per determinare se la collaborazione tra le due società minaccia la concorrenza nel Regno Unito, sede del laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale Deepmind di Google. La Federal Trade Commission degli Stati Uniti sta inoltre esaminando la natura dell’investimento di Microsoft in OpenAI e se potrebbe violare le leggi antitrust, secondo una persona a conoscenza della questione.

Le indagini sono preliminari e l’agenzia non ha aperto un’indagine ufficiale, secondo la persona che ha chiesto l’anonimato perché si parlava di una questione confidenziale.

READ  I lockdown cinesi per il Covid per il 2022 Il rischio di inflazione è maggiore rispetto al 2020

Microsoft non ha informato l’agenzia dell’accordo perché l’investimento in OpenAI non equivale al controllo della società secondo la legge statunitense, ha affermato la persona. OpenAI è un’organizzazione no-profit e le acquisizioni di entità non societarie non sono segnalate dalla legge statunitense sulle fusioni, indipendentemente dal loro valore. I funzionari dell’agenzia stanno analizzando la situazione e valutando le opzioni a sua disposizione.

“Sebbene i dettagli del nostro accordo rimangano confidenziali, è importante notare che Microsoft non possiede alcuna parte di OpenAI e ha semplicemente diritto a una quota dei dividendi”, ha affermato un portavoce di Microsoft in una nota. Venerdì scorso, il presidente di Microsoft Brad Smith ha dichiarato: “L’unica cosa che è cambiata è che Microsoft ora avrà un osservatore senza diritto di voto nel consiglio di amministrazione di OpenAI”. Ha descritto il suo rapporto con OpenAI come “completamente diverso” dall’acquisizione diretta di DeepMind da parte di Google nel Regno Unito.

“La nostra partnership con Microsoft ci consente di continuare la nostra ricerca e sviluppo di strumenti di intelligenza artificiale sicuri e vantaggiosi per tutti, pur rimanendo indipendenti e operando in modo competitivo. Un monitor del consiglio senza diritto di voto non fornisce loro autorità di governo o controllo sulle operazioni di OpenAI”, ha affermato Lo ha detto il portavoce di OpenAI in una nota.

Sin dall’inizio Microsoft e OpenAI hanno fatto del loro meglio per affermare l’indipendenza delle due società. Microsoft spera di rassicurare investitori e clienti che non dipende eccessivamente da un partner. OpenAI non voleva che dipendenti, clienti e altri investitori pensassero che fosse solo un avamposto di Microsoft, che ha sede a Redmond, Washington. Questa delicata situazione è stata ribaltata il mese scorso con il licenziamento del CEO di OpenAI Sam Altman e il quasi collasso della startup.

READ  Le azioni di Virgin Galactic aumentano mentre la società annuncia tagli di posti di lavoro e cambiamenti nei veicoli spaziali

La complessità di Altman ha dimostrato la mancanza di controllo e influenza di Microsoft. Microsoft ha ricevuto notifica solo pochi minuti dopo che il consiglio di OpenAI intendeva annunciare la cacciata di Altman e i suoi dirigenti non sono stati consultati nella decisione. Tuttavia, il CEO di Microsoft Satya Nadella ha svolto un ruolo chiave, insieme ad altri investitori, nel costringere il consiglio di amministrazione a revocare la sua decisione. Ad un certo punto, Microsoft ha detto che avrebbe assunto Altman e i suoi colleghi OpenAI per formare una nuova unità AI presso Microsoft.

Una volta che Altman ha riacquistato il ruolo di amministratore delegato, i dirigenti di Microsoft hanno discusso sull’opportunità di prendere un posto nel consiglio di amministrazione di OpenAI, hanno detto all’epoca persone che avevano familiarità con la questione. Da un lato, i dirigenti temevano che un posto nel consiglio di amministrazione o una posizione di controllore potesse attirare l’attenzione delle autorità di regolamentazione. D’altra parte, Microsoft voleva tenere d’occhio il suo partner e proteggere i suoi investimenti, un imperativo che è riuscito a raggiungere il successo, nonostante i rischi.

In definitiva, Microsoft potrebbe trovarsi ad affrontare un mondo di problemi normativi. Anche i regolatori europei sono interessati, secondo un portavoce della Commissione europea. Affinché una transazione possa essere notificata alla Commissione ai sensi del regolamento UE sulle concentrazioni, deve comportare un cambio di controllo su base permanente. Il portavoce ha affermato che, sebbene l’accordo non sia stato ufficialmente notificato, la Commissione ha monitorato la situazione anche prima dei disordini amministrativi.

Il mese scorso, l’autorità tedesca garante della concorrenza ha dichiarato che non avrebbe sottoposto l’investimento di Microsoft in OpenAI a una revisione della fusione. Ma il regolatore ha detto che avrebbe rinviato solo perché OpenAI non ha attività significative in Germania. Dopo aver esaminato l’accordo e aver parlato con le società, l’autorità di regolamentazione ha scoperto che l’investimento darebbe a Microsoft un “impatto competitivo materiale” sulla società di intelligenza artificiale che potrebbe richiedere un controllo in futuro se OpenAI aumentasse le sue attività in Germania.

READ  Lucid, il produttore di auto elettriche, ha raccolto 3 miliardi di dollari, principalmente dal Fondo per gli investimenti pubblici dell'Arabia Saudita

Jennifer Ray, analista antitrust di Bloomberg Intelligence, ha affermato che la partnership solleva problemi di concorrenza se Microsoft riduce la ricerca e lo sviluppo dell’intelligenza artificiale o se l’investimento impedisce a OpenAI di collaborare con i concorrenti del colosso tecnologico. Le autorità antitrust potrebbero anche avere preoccupazioni riguardo al monitoraggio del consiglio di amministrazione di Microsoft perché fornirebbe a Microsoft ulteriori informazioni sui piani di OpenAI anche se non ha il diritto di influenzare le decisioni.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)