Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Microsoft sta facendo un gioco ad alto rischio nella guerra fredda tecnologica con il suo accordo sull’intelligenza artificiale negli Emirati Arabi Uniti

Microsoft sta facendo un gioco ad alto rischio nella guerra fredda tecnologica con il suo accordo sull’intelligenza artificiale negli Emirati Arabi Uniti

Microsoft ha dichiarato martedì che investirà 1,5 miliardi di dollari nel G42, il colosso dell’intelligenza artificiale degli Emirati Arabi Uniti, in un accordo in gran parte orchestrato dall’amministrazione Biden per tenere fuori la Cina mentre Washington e Pechino sono alle prese su chi eserciterà l’influenza tecnologica negli Emirati Arabi Uniti. La regione del Golfo Persico e oltre.

Nell’ambito della partnership, Microsoft concederà a G42 il permesso di vendere servizi Microsoft che utilizzano potenti chip di intelligenza artificiale, utilizzati per addestrare e mettere a punto modelli di intelligenza artificiale generativa. In cambio, il G42, che è sotto esame da Washington per i suoi legami con la Cina, utilizzerà i servizi cloud di Microsoft e accetterà un accordo di sicurezza negoziato in colloqui dettagliati con il governo degli Stati Uniti. L’accordo prevede una serie di protezioni sui prodotti IA condivisi con il G42 e include, tra le altre cose, un accordo per rimuovere le apparecchiature cinesi dalle operazioni del G42.

“Quando si tratta di tecnologia emergente, non si può essere contemporaneamente dalla parte della Cina e dalla nostra”, ha affermato Gina Raimondo, segretaria al Commercio, che si è recata due volte negli Emirati Arabi Uniti per parlare delle disposizioni di sicurezza per questa e altre partnership.

L'accordo è molto insolito e riflette lo straordinario interesse del governo degli Stati Uniti nel proteggere la proprietà intellettuale dietro il software di intelligenza artificiale, ha affermato in un'intervista il presidente di Microsoft Brad Smith.

“È naturale che gli Stati Uniti si preoccupino del fatto che la loro tecnologia più importante sia custodita da un’azienda americana di fiducia”, ha affermato Smith, che prenderà posto nel consiglio di amministrazione del G42.

Questo investimento potrebbe aiutare gli Stati Uniti a contrastare la crescente influenza della Cina nella regione del Golfo. Se queste iniziative avranno successo, il G42 verrà portato nell’ovile degli Stati Uniti e le sue relazioni con la Cina saranno ridotte. L’accordo potrebbe anche diventare un modello di come le aziende americane possano sfruttare la loro leadership tecnologica nel campo dell’intelligenza artificiale per allontanare i paesi dalla tecnologia cinese, raccogliendo allo stesso tempo enormi ricompense finanziarie.

Ma la questione è delicata, poiché i funzionari statunitensi hanno sollevato dubbi sul G42. Quest’anno, una commissione del Congresso ha scritto una lettera sollecitando il Dipartimento del Commercio a valutare se il G42 debba essere sottoposto a restrizioni commerciali a causa dei suoi legami con la Cina, che includono partnership con aziende cinesi e dipendenti che provengono da aziende legate al governo.

READ  Salmonella: i casi quasi raddoppiano mentre il CDC espande gli avvertimenti sulle infezioni legate alla carne alla griglia

In un’intervista, la Raimondo, che è stata al centro degli sforzi per impedire alla Cina di ottenere semiconduttori più avanzati e le attrezzature necessarie per produrli, ha affermato che l’accordo “non consente il trasferimento di intelligenza artificiale, o di modelli di intelligenza artificiale, ”.” o unità di elaborazione grafica” – i processori necessari per sviluppare applicazioni di intelligenza artificiale – e “garantisce che queste tecnologie possano essere sviluppate, protette e implementate in modo sicuro”.

Sebbene gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti non abbiano firmato un accordo separato, la Raimondo ha dichiarato: “Siamo stati ampiamente informati e siamo certi che questo accordo sia coerente con i nostri valori”.

In una dichiarazione, Ping Xiao, CEO di G42, ha dichiarato: “Attraverso l’investimento strategico di Microsoft, stiamo portando avanti la nostra missione di fornire tecnologie AI all’avanguardia su larga scala”.

Gli Stati Uniti e la Cina stanno gareggiando per esercitare un’influenza tecnologica nel Golfo Persico, dove sono in palio centinaia di miliardi di dollari, e si prevede che i principali investitori, tra cui l’Arabia Saudita, spenderanno miliardi in tecnologia. Nella fretta di diversificare lontano dal petrolio, molti leader della regione hanno messo gli occhi sull’intelligenza artificiale, contenti della rivalità tra Stati Uniti e Cina.

Sebbene gli Emirati Arabi Uniti siano un importante partner diplomatico e di intelligence degli Stati Uniti e uno dei maggiori acquirenti di armi americane, hanno sempre più ampliato i propri legami militari ed economici con la Cina. Parte del suo sistema di sorveglianza nazionale si basa sulla tecnologia cinese e le sue comunicazioni funzionano su dispositivi della società cinese Huawei. Ciò ha accresciuto le preoccupazioni dei funzionari statunitensi, che spesso visitano lo stato del Golfo per discutere questioni di sicurezza.

Ma i funzionari statunitensi temono anche che la diffusione della potente tecnologia IA, fondamentale per la sicurezza nazionale, potrebbe alla fine essere utilizzata dalla Cina o da ingegneri legati al governo cinese, se non adeguatamente protetta. Il mese scorso, gli Stati Uniti Un comitato di revisione della sicurezza informatica ha duramente criticato Microsoft per un attacco informatico in cui gli aggressori cinesi hanno avuto accesso ai dati di alti funzionari. Qualsiasi fuga di notizie importante, ad esempio attraverso la vendita da parte di G42 delle soluzioni di intelligenza artificiale di Microsoft ad aziende cinesi nella regione, andrebbe contro le politiche dell’amministrazione Biden che hanno cercato di limitare l’accesso della Cina alla tecnologia all’avanguardia.

READ  Il Fondo monetario internazionale alza le prospettive per l'economia globale con l'allentamento dell'inflazione

“Questa è una delle tecnologie più avanzate di cui dispongono gli Stati Uniti”, ha affermato Gregory Allen, ricercatore presso il Center for Strategic and International Studies ed ex funzionario della difesa statunitense che ha lavorato sull’intelligenza artificiale. “Deve esserci una tecnologia molto strategica giustificazione per portarlo all’estero ovunque.” “.

Per Microsoft, l’accordo con G42 fornisce l’accesso all’enorme ricchezza degli Emirati. La società, guidata dallo sceicco Tahnoun bin Zayed, consigliere per la sicurezza nazionale degli Emirati Arabi Uniti e fratello minore del sovrano del paese, è una parte fondamentale degli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per diventare uno dei principali attori nel campo dell'intelligenza artificiale.

Nonostante un nome stranamente preso dalla “Guida galattica per gli autostoppisti”, dove la risposta alla “domanda definitiva della vita” è 42, il G42 è profondamente radicato nello stato di sicurezza degli Emirati. È specializzata in intelligenza artificiale e recentemente ha lavorato alla creazione di un chatbot arabo chiamato Jais.

Il G42 si concentra anche sulla biotecnologia e sulla sorveglianza. Molti dei suoi dirigenti, incluso il signor Xiao, erano collegati a una società chiamata DarkMatter, una società di cyber intelligence e hacking degli Emirati che impiega ex spie.

Nella sua lettera di quest’anno, il comitato bipartisan della Camera del Partito comunista cinese ha affermato che il signor Xiao è collegato a una rete in espansione di aziende che “supportano materialmente” i progressi tecnologici dell’esercito cinese.

Le origini dell'accordo di martedì risalgono agli incontri della Casa Bianca dello scorso anno, quando i massimi assistenti alla sicurezza nazionale sollevarono una domanda ai dirigenti tecnologici su come incoraggiare accordi commerciali che avrebbero approfondito i legami degli Stati Uniti con le aziende di tutto il mondo, in particolare quelle a cui è interessata anche la Cina. .

In base all'accordo, il G42 smetterà di utilizzare le apparecchiature di telecomunicazione di Huawei, che secondo gli Stati Uniti potrebbero fornire una backdoor alle agenzie di intelligence cinesi. L’accordo prevede inoltre che il G42 ottenga l’autorizzazione prima di condividere la propria tecnologia con altri governi o eserciti e gli proibisce di utilizzare la tecnologia per la sorveglianza. Microsoft avrà anche la possibilità di rivedere l'utilizzo della sua tecnologia da parte del G42.

READ  Pasqua: ecco cosa è aperto e chiuso questo fine settimana

Il G42 beneficerà della potenza di calcolo dell'intelligenza artificiale del data center di Microsoft negli Emirati Arabi Uniti, una tecnologia sensibile che non può essere venduta nel paese senza una licenza di esportazione. È probabile che l’accesso alla potenza di calcolo conferisca al G42 un vantaggio competitivo nella regione. La seconda fase dell’accordo, che potrebbe essere più controversa e non è stata ancora negoziata, potrebbe trasferire parte della tecnologia AI di Microsoft a G42.

Funzionari dell’intelligence statunitense hanno sollevato preoccupazioni circa le relazioni del G42 con la Cina in una serie di valutazioni riservate, secondo quanto riportato in precedenza dal New York Times. I funzionari dell’amministrazione Biden hanno anche spinto le loro controparti degli Emirati a tagliare i legami della compagnia con la Cina. Alcuni funzionari ritengono che la campagna di pressione statunitense abbia prodotto alcuni risultati, ma rimangono preoccupati per le minori relazioni pubbliche tra il G42 e la Cina.

Uno dei dirigenti del G42 ha lavorato in precedenza per la società cinese di sorveglianza dell’intelligenza artificiale Yitu, che ha ampi legami con i servizi di sicurezza cinesi e gestisce la sorveglianza basata sul riconoscimento facciale in tutto il paese. L’azienda ha anche legami con il colosso cinese della genetica BGI, le cui filiali sono state inserite nella lista nera dall’amministrazione Biden lo scorso anno. Il signor Xiao era anche a capo di una società che nel 2019 è stata coinvolta nell'avvio e nella gestione dell'app di social media, ToTok, che le agenzie di intelligence statunitensi hanno affermato essere uno strumento di spionaggio degli Emirati utilizzato per raccogliere dati degli utenti.

Negli ultimi mesi, secondo i funzionari statunitensi, il G42 ha accettato di invertire alcuni dei suoi legami con la Cina, tra cui la cessione della partecipazione in ByteDance, proprietaria di TikTok, e la cessione della tecnologia Huawei dalle sue operazioni.

Edoardo Wong Contributo ai rapporti.