Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mike Lynch: Il cofondatore di Autonomy è stato assolto dall’accusa di frode in un processo statunitense

Mike Lynch: Il cofondatore di Autonomy è stato assolto dall’accusa di frode in un processo statunitense

Fonte immagine, Immagini Getty

  • autore, Natalie Sherman
  • Ruolo, Corrispondente d’affari, BBC News

Il magnate britannico della tecnologia Mike Lynch è stato assolto dalle accuse di frode subita negli Stati Uniti in relazione alla vendita da 11 miliardi di dollari della sua società di software a Hewlett-Packard nel 2011.

Una giuria di San Francisco lo ha dichiarato non colpevole di tutte le accuse, una vittoria straordinaria per Lynch, che era stato accusato di aver gonfiato il valore della sua azienda, Autonomy, prima di venderla.

Lynch, che rischia più di 20 anni di carcere se condannato, ha negato le accuse e ha preso posizione per difendersi.

Nella sua testimonianza ha sottolineato di essersi concentrato sulla tecnologia, non sulla contabilità, e di aver preso le distanze dagli altri dirigenti, incluso l’ex direttore finanziario dell’azienda, che è stato perseguito con successo per frode.

“Sono soddisfatto del verdetto di oggi e grato alla giuria per l’attenzione prestata ai fatti nelle ultime 10 settimane”, ha affermato in una nota.

“Non vedo l’ora di tornare nel Regno Unito e di dedicarmi a ciò che amo di più: la mia famiglia e l’innovazione nel mio campo”.

Il dottor Lynch ha co-fondato Autonomy nel 1996 e l’ha portata a diventare una delle più grandi aziende del Regno Unito, guadagnandosi il confronto con Bill Gates e Steve Jobs.

Il signor Lynch ha ricevuto 500 milioni di sterline dalla vendita.

Solo un anno dopo, HP ha ridotto il valore di Autonomy di 8,8 miliardi di dollari.

Seguirono anni di battaglie legali.

Il direttore finanziario dell’azienda, Suchovan Hossain, è stato giudicato colpevole di frode nel 2018 e successivamente condannato a cinque anni di carcere.

I pubblici ministeri statunitensi hanno presentato accuse contro Lynch nel 2018, È stato accusato di aver gonfiato il valore dell’azienda utilizzando vecchi accordi per fuorviare le vendite dell’azienda; Nascondere l’attività in perdita dell’azienda nella rivendita di dispositivi; e intimidazione o pagamento di denaro a persone che hanno espresso preoccupazioni.

Alla fine è stata estradata dopo che un giudice britannico si è pronunciato a favore di HP in un caso simile di frode civile nel 2022. HP chiede 4 miliardi di dollari nel caso.

Lynch, ex consigliere del governo britannico e membro del consiglio della BBC e della British Library, aveva dovuto affrontare gli arresti domiciliari negli Stati Uniti mentre si preparava al processo, iniziato a San Francisco a marzo.

I pubblici ministeri avevano chiamato a testimoniare dozzine di testimoni, tra cui l’ex CEO di HP Leo Apotheker, che fu licenziato poco dopo l’annuncio dell’acquisto.

Ma gli argomenti fallirono. Il team di Lynch ha sostenuto che HP non ha esaminato adeguatamente l’accordo e ha gestito male l’acquisizione, pur testimoniando di non essere coinvolta nelle transazioni descritte.

Il giudice Charles Breyer aveva già respinto un’accusa di frode sui titoli durante il processo A causa di prove insufficienti.

“Riconosciamo e rispettiamo la sentenza”, ha detto Abraham Simons, portavoce dell’ufficio del procuratore americano.

Oltre a Lynch, era sotto processo anche Stephen Chamberlain, un altro ex direttore finanziario di Autonomy. Inoltre è stato dichiarato non colpevole.

Gli avvocati di Lynch, Christopher Morvillo e Brian Heberlig, hanno dichiarato in una dichiarazione di essere soddisfatti del risultato, affermando che riflette “un rifiuto delle profonde azioni illecite del governo in questo caso”.

“Questa sentenza chiude il libro su uno sforzo incessante durato 13 anni per imputare l’incompetenza ben documentata di HP al Dr. Lynch”, hanno detto. “Per fortuna, la verità ha finalmente trionfato.”