Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mike Pence dice che prenderà in considerazione la possibilità di testimoniare prima di essere chiamato davanti al comitato il 6 gennaio

Pence ha fatto le osservazioni durante una sessione di domande e risposte dopo un discorso alla colazione “Politics & Eggs” del New Hampshire Institute of Politics.

“Se c’è un invito a partecipare, lo prenderò in considerazione”, ha detto Pence, dopo aver definito il 6 gennaio un giorno triste per tutti gli americani. “Ma stamattina mi ha sentito fare riferimento alla Costituzione alcune volte. Secondo la Costituzione, abbiamo tre rami di governo co-uguali e qualsiasi convocazione inviata a me dovrebbe riflettere il ruolo unico che ho ricoperto. Come vicepresidente , è storia che il vicepresidente venga citato in giudizio per testimoniare a Capitol Hill. “Senza precedenti. Ma, come ho detto, se mai dovessimo ricevere un invito formale, non voglio pregiudicare. , lo considereremo di conseguenza”.

Includono il presidente Gerald Ford, che ha testimoniato volontariamente davanti alla sottocommissione giudiziaria della Camera per la giustizia penale nel 1974 per spiegare perché ha graziato il suo predecessore, Richard Nixon.

Questioni costituzionali gravi

Una persona che ha familiarità con il pensiero di Pence ha messo in guardia dal leggere troppo nei suoi commenti di mercoledì.

Citando i commenti di Pence sulla coesistenza dei rami del governo, la fonte ha notato che l’ex vicepresidente avrebbe serie preoccupazioni costituzionali sull’apparire davanti al comitato il 6 gennaio.

Pence crede che la maggior parte delle informazioni relative alla sua esperienza siano state fornite al comitato il 6 gennaio perché il suo ex capo del personale, Mark Short, e l’avvocato di Pence, Greg Jacobs, hanno già dato una testimonianza completa, ha detto la fonte.

6 gennaio Il comitato non ha commentato.

Il comitato di selezione ha spiegato In un’udienza pubblica a giugno Come es Il presidente Donald Trump Ha cercato di fare pressione sul suo vicepresidente, Pence, affinché si unisse a un piano per sovvertire le elezioni presidenziali del 2020, ma il rifiuto di Pence ha messo la sua vita in pericolo poiché i rivoltosi hanno chiesto la sua esecuzione il 6 gennaio 2021.

Due testimoni hanno testimoniato durante l’udienza del 16 giugno che Pence non aveva l’autorità per interrompere le elezioni: Jacobs e il giudice repubblicano in pensione J. Michele Lutti.

READ  Paul Root è l'"uomo sexy vivente" della gente

Il comitato ha esaminato il modo in cui l’avvocato conservatore di Trump John Eastman ha avanzato una teoria legale secondo cui Pence potrebbe bloccare unilateralmente la certificazione delle elezioni, un punto respinto a titolo definitivo dagli avvocati della Casa Bianca di Trump e dal team di Pence, ma accettato dall’ex presidente.

In un video trasmesso il 16 giugno, Short ha affermato che il vicepresidente ha avvisato Trump “più volte” quando ha presieduto una sessione congiunta del Congresso il 6 gennaio che non aveva l’autorità legale o costituzionale per annullare le decisioni. Conta i voti elettorali.

Un appello a una trasparenza senza precedenti

Mercoledì, Pence ha nuovamente esortato il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland a fornire al popolo americano un resoconto completo degli ultimi sviluppi. Cerca il resort Mar-a-Lago di Trump Necessario, citando la politicizzazione dell’FBI durante l’amministrazione Trump.

“Questa azione senza precedenti richiede una trasparenza senza precedenti”, ha affermato Pence, difendendo gli agenti di base. “Voglio ricordare ai miei colleghi repubblicani che l’AG può essere ritenuto responsabile della sua decisione senza attaccare il personale delle forze dell’ordine dell’FBI. Il Partito Repubblicano è il partito per la legge e l’ordine. Il nostro partito sta con gli uomini che prestano servizio nell’oscurità linea a livello federale, statale e locale. Questi attacchi alle donne e all’FBI devono cessare. Le chiamate a pagare l’FBI sono sbagliate tanto quanto le chiamate a pagare la polizia”.

Pence sta segnalando un'offerta per il 2024 mentre incontra i legislatori e pronuncia un discorso nella Carolina del Sud

Pence parlò davanti a una sala gremita, con una dozzina di persone allineate alle pareti. Come ha fatto in discorsi recenti, ha affermato che le elezioni riguardano il futuro, non il passato, e che il GOP deve presentare una visione positiva affinché il futuro vinca.

È stato l’ultimo di molti viaggi che Pence ha fatto Stati con concorsi per la nomina presidenziale anticipata; Il New Hampshire sta tenendo le prime primarie presidenziali della nazione, una competizione chiave nella corsa alla Casa Bianca. Dopo il discorso, avrebbe dovuto trascorrere la giornata facendo una campagna con i candidati al Senato dello stato e partecipare a tavole rotonde con dirigenti d’azienda e funzionari delle forze dell’ordine prima di pronunciare il discorso programmatico in un evento GOP di tre contee.

Questa storia è stata aggiornata.

Gloria Borger, Dana Bash, Annie Grayer e Rachel Janfaza della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

READ  AMD introduce la tecnologia di soppressione del rumore e il 92% di aumento delle prestazioni OpenGL nei driver più recenti